domenica, dicembre 16, 2018 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


La morte di Nelson Mandela elegge a SIMBOLO incancellabile un uomo forte e  giusto.

La lunga lotta alla segregazione razziale, pagata con venti anni di carcere durissimo, il non essere mai sceso a compromessi lo hanno portato ad una liberazione invocata da tutto il mondo civile, senza cedimenti ne accomodamenti personali.

Questo ci resta, la fermezza, la rabbia mai piegata, la testarda volontà di non ottenere null’altro che tutto ciò che era suo diritto e diritto della gente nera sudafricana e africana.

In decenni di esempi negativi per le nostre e future generazioni, Mandela ci lascia la voglia di combattere e vincere, la fame di libertà e di condivisione di intenti. 

Non piegate mai la testa, non restate inermi se a qualcuno i tuoi stessi diritti vengono negati, non accontentatevi delle “briciole” di autonomia e libertà che questa società ti concede.  Facendotene elemosina.  Non aspettare la tomba per rivoltarti, fallo quando ti ribolle il sangue.

Grazie Madiba. 

CoredeRoma.

La retorica ci ha sempre fatto schifo, ma crediamo che le proteste del popolo brasiliano, messe in atto in contemporanea allo svolgimento della Confederation Cup, siano tutto meno che retorica da dare in pasto ai media. Continua >>

Abbiamo atteso per tre anni e sette mesi il primo grado del giudizio relativo alla morte di Stefano Cucchi. Tre anni e sette mesi iniziati nella vaghezza delle informazioni, del “se la sarà cercata”, dell’aspettare serenamente il corso naturale della giustizia. Continua >>

A due mesi dall’esito elettorale, il nuovo parlamento italiano ha partorito un novello Presidente della Repubblica ed oggi finalmente un governo di minima, apparentando centro (molto) sinistra, centro (molto) destra e centrissimo, in pratica un Continua >>