domenica, marzo 26, 2017 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


 

Nei cuori semplici di tifosi la Roma è stata sempre la Regina dei nostri sogni, non occorreva certo un faccendiere americano per enfatizzarli o sminuirli.

Ciò che erano sono, ciò che la Roma era è.

Vede Signor Pallotta, a noi sarebbe bastato e basterebbe poco, uno striscione dietro una balconata, parcheggiare a meno di 3 km dal Tempio, manifestare il nostro tifo e le nostre semplici emozioni, non creando violenza,  ma fratellanza dietro una lastra di vetro.

Questo eravamo, questo siamo.

Non ci interessa analizzare una sconfitta in più, ci interessa tornare uomini e donne liberi/e di tifare, pacificamente e visceralmente. Dedicheremo ogni nostra energia a ciò, Lei ed i suoi servitori di Trigoria  Continua >>

Siamo qui a scrivere due righe, dopo due sconfitte, contro due squadre, da cui abbiamo preso due gol ciascuna … Una meravigliosa battuta sui social fa sorridere, ossia quando la Roma incontra compagini in pigiama si addormenta ed ecco i risultati.

Simpatica non c’è dubbio, a noi ha fatto ridere ma la realtà purtroppo è diversa. In questa settimana più che mai, la Roma ha evidenziato una rosa molto corta e limiti di un allenatore che a volte non sapendo leggere le partite in corso, porta la squadra a quello sbaraglio tattico (derby),  e la conseguenza è la sconfitta. Continua >>

Per commentare le variegate e poliedriche vicissitudini che attraversano la AS Roma e dintorni servirebbe un poema. Con pragmatismo ci limitiamo ad un’opinione asciutta, ma più chiara possibile.

A valle della fantastica vittoria sulla Fiorentina, nella stessa convulsa giornata abbiamo, da romanisti, ascoltato ed assistito a diversi “teatrini” francamente patetici.

Cronologicamente si è aperto con la riunione riguardante la possibile rimozione della barriere nelle Curve dello stadio Olimpico in Roma. La premessa era chiara: si lavora per toglierle in fretta. La conclusione ovviamente assai meno: si lavorerà per capire quando e come toglierle.
Vuol dire tutto e niente, certo che affidare l’ingrato compito al dott. Gabrielli suona come un triste gioco delle tre carte, francamente nutriamo seri dubbi che se ne venga a capo in termini sufficientemente rapidi.
Continua >>

Un 2017 iniziato con due trasferte vittoriose della Roma non potrà che essere un buon anno per tutti noi.

Al netto delle problematiche relative allo stadio, di cui ci frega poco, al netto di un mercato di gennaio che finora nulla ha aggiunto ad una rosa comunque bisognosa di polpa a centrocampo ed attacco, quello che ha detto il campo è qualcosa di estremamente positivo, il massimo raccolto col massimo sforzo, come la Roma deve fare.
Continua >>