giovedì, febbraio 23, 2017 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Banner-Teatrando-piccola


Gli articoli sono gentile concessione di Paolo Leone: dai siti corrieredellospettacolo.netculturaeculture.it, e settimanale MIO 


corriere dello spettacolo

Corriere dello Spettacolo

Roma, Teatro Golden (via Taranto) dal 22 novembre al 18 dicembre 2016

L’ormai celebre quadrumvirato autoriale del Teatro Golden (Maia, Sinopoli e i fratelli Fornari), appellativo scherzosamente affibbiatogli dal sottoscritto qualche anno fa, presenta una nuova commedia in prima nazionale. L’albero di Natale, dal 22 novembre al 18 dicembre al Teatro Golden appunto, accompagnerà l’affezionato pubblico di questo accogliente salotto verso le prossime festività, con un bel cast composto da Simone Montedoro, Daniela Marra, Emanuela Fresi ed Andrea Lolli. Sempre scherzosamente, potrei dire: clamoroso al Golden! E si, perché stavolta le quattro penne deviano dalla commedia tout court ed inseriscono nel testo un intimismo quasi sconosciuto nei precedenti lavori. Continua >>

Banner-Teatrando-piccola


Gli articoli sono gentile concessione di Paolo Leone: dai siti corrieredellospettacolo.netculturaeculture.it, e settimanale MIO 


corriere dello spettacolo

Corriere dello Spettacolo

Roma, Teatro della Cometa (via del Teatro Marcello) dal 23 novembre all’11 dicembre 2016

Orgoglio, bestia feroce. Ha ragione Anna Vulli, la protagonista femminile, la giornalista in Nessun luogo è lontano, in scena al Teatro della Cometa dal 23 novembre all’11 dicembre, ad affermare dello scrittore Mario Capaldini che sta giocando col fuoco isolandosi dal mondo, dagli affetti, dai rapporti umani, per il suo giustificato ma insensato orgoglio. E ha ragione Ronny, il nipote dello scrittore, così travolto dalla vita da dichiararsene disinteressato, ferito anche lui, a cercare nello zio un barlume di affetto. Continua >>

Banner-Teatrando-piccola


Gli articoli sono gentile concessione di Paolo Leone: dai siti corrieredellospettacolo.netculturaeculture.it, e settimanale MIO 


corriere dello spettacolo

Corriere dello Spettacolo

Roma, Teatro Piccolo Eliseo. Dal 26 ottobre al 13 novembre 2016

Spettacoli come “Io sono Misia – L’ape regina dei geni”, in scena al Piccolo Eliseo fino al 13 novembre,  hanno il merito di far conoscere al grande pubblico figure eccezionali di donne (in questo caso) e di uomini che non avranno scritto la grande storia ma ne sono stati protagonisti nei loro ambiti incanalando e influenzando in qualche modo la società civile nelle sue più alte espressioni. Grandi personalità, grandi caratteri, di intuito geniale nel mondo dell’arte ma non solo. Basti pensare ad esempio, alla figura di Luisa Spagnoli, imprenditrice geniale e fatta conoscere ai più grazie ad una recente fiction, e tanti altri. Per rappresentare su un palcoscenico teatrale una tale donna, potente, affascinante, vera mecenate, ci si deve affidare ad un’attrice che possa esprimere un carisma simile. Lucrezia Lante della Rovere, che debuttò nella passata stagione al Teatro India con questo monologo, dimostra di averne tutte le capacità. Si, interessante la storia di Misia Sert (vero nome Marie Sophie Olga Zenaide Godebska), musa ispiratrice di alcuni tra i più grandi artisti del novecento, il cui salotto fu un vero lasciapassare per la cultura di quel periodo, ma l’interpretazione di Lucrezia va aldilà del mero racconto storico. Continua >>

Banner-Teatrando-piccola


Gli articoli sono gentile concessione di Paolo Leone: dai siti corrieredellospettacolo.netculturaeculture.it, e settimanale MIO 


corriere dello spettacolo

corriere dello spettacolo

Roma, Teatro Argentina, dal 26 ottobre al 20 novembre 2016

Termina nel migliore dei modi il lungo omaggio che il Teatro di Roma ha tributato a Pier Paolo Pasolini nel quarantennale della sua scomparsa, con Ragazzi di vita, in scena al Teatro Argentina dal 26 ottobre al 20 novembre. Mettere su un palcoscenico il celebre romanzo del grande poeta non era certamente facile, ma il risultato del lungo lavoro del regista Massimo Popolizio e la drammaturgia di Emanuele Trevi hanno prodotto uno spettacolo da ricordare. Quella Roma, quelle dinamiche, quel vivere ancora allo stato brado, quel degrado, ma anche quella spontaneità, quell’ingenuità di fondo di quei ragazzi che si avviavano, di lì a poco, ad essere fagocitati da una città in rapido cambiamento, così duramente e poeticamente descritte da Pasolini, rivivono sul palcoscenico in modo che non poteva essere più coinvolgente. Continua >>