martedì, ottobre 22, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Guarda il tabellino Leggi le interviste dei protagonisti Leggi il nostro commento alla partita Guarda le foto della partita
TABELLINO INTERVISTE COMMENTO FOTO

Che brutta stagione. Dopo quanto di bello visto lo scorso anno ci si aspettava un’ evoluzione che potesse portare anche a vincere un trofeo. Purtroppo una catena di eventi negativi ha portato alla mediocrità assoluta che fortunatamente in Italia significa ancora secondo posto.

Quella che doveva essere una passerella per salutare e per rinfrescare l’emozione derby si è trasformata nell’ennesima figuraccia all’Olimpico. Il giro di campo finale, con poche persone rimaste a guardare, si salva dai fischi per la presenza dei bambini e per quel briciolo di euforia rimasto dal lunedi prima.

Garcia vuole dare in contentino a chi non ha mai giocato ma cosi facendo scontenta tutti i tifosi che avrebbero voluto chiudere in un modo più degno. O forse questo è stato proprio il modo più degno per chiudere una stagione avara di soddisfazioni.

Bisogna rimboccarsi le maniche e recuperare anche tutto quello che di buono è stato gettato nel cestino. Certo la programmazione estiva già mette i brividi con un mini ritiro con metà squadra, tournee nell’altro emisfero con ricchi premi e cotillon.

Il mister ha dimostrato di andare in confusione nei momenti più critici ma questo non giustifica la sua cacciata. Si può ripartire da lui a patto che abbia fatto tesoro dei propri errori.

Sabbatini dovrebbe interrompere la pesca a strascico per passare ad operazioni più mirate. La rosa per essere migliorata ha bisogno di rinforzi pesanti, di rinforzi titolari. Fare cassa il più possibile con i tanti scarsi che ora pascolano a Trigoria e ricostruire una squadra degna di tale nome.

La speranza sono i recuperi di Castan e Strootman, assenze gravissime che hanno condizionato l’intera annata. Gli infortuni dovranno essere gestiti in un altro modo cosi come la preparazione fisica, decisamente deficitaria.

Insomma un enorme lavoro per riportare la Roma dove era arrivata e da li provare a fare cammini più lunghi nelle varie competizioni. Quello che deve essere stampato bene in mente a tutti quelli che sono nell’AS Roma è che il secondo posto è frutto esclusivamente dei demeriti altrui e alla doppietta del capitano nel derby d’andata che ci ha regalato giusto giusto quel punticino in più.