mercoledì, Settembre 23, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


A.S. Romada asroma.it

L’A.S. Roma piange la scomparsa di Lino Cascioli, stimato e popolare giornalista della capitale, e si stringe commossa ai suoi familiari.

da romanews.eu

Franco BaldiniBALDINI SULLA SCONFITTA DI SABATO – “Il supporto a Luis Enrique è totale e talmente tanto convinto che è legato anche alle mie fortune. Non c’è nessun dubbio che avrà tutto il sostegno possibile e immaginabile“. Sono le parole di Franco Baldini in diretta a Radio Anch’Io Sport. “Sostenere lui è sostenere me stesso – aggiunge il dg giallorosso – Mi fa piacere che una rosa di 29 giocatori, senza avere un’altra competizione come l’impegno in Uefa, non ha fatto registrare nessun tipo di malcontento ed esternazione. L’allenatore ha un grande valore di credibilità”.

SULLE DICHIARAZIONI POST-PARTITA DI LUIS ENRIQUE – “E’ una persona intellettualmente onesta e ha fatto questa analisi impopolare in virtù di come si è sviluppata la partita. Non sta rinnegando il gioco. Nella sua analisi evidenziava gli errori di concentrazione, come quella di lasciare gli avversari smarcati. E’ sembrato sconfortato? L’ho visto ovviamente amareggiato, come lo è qualsiasi persona che vede il lavoro di settimane disatteso da singole dimenticanze. Dobbiamo confrontarci con una piazza che di pazienza non ne ha mai avuta tanta e va trovato un compromesso tra il camminare piano piano e dare la sensazione che si sta correndo, è una necessità fisiologica per lavorare bene. A Udine per esempio Continua >>

Un’altra sconfitta e per di più ancora in casa. Certo contro il Milan ci può stare ma quando la somma comincia a fare il totale significa che deve arrivare il tempo delle decisioni importanti. Continua >>

da repubblica.it

L’allenatore spagnolo perde la pazienza e ha urlato alla squadra dopo il ko con il Milan: “Perdiamo l’uomo in ogni situazione da fermo, non succede neanche nei campionati giovanili”. E ora anche la classifica comincia a farsi preoccupante

Luis EnriqueUn Luis Enrique furente, quello che ieri sera lasciava l’Olimpico dopo la sconfitta interna con il Milan. Un punto in meno rispetto alla Roma dello scorso anno, con Ranieri in panchina, il peggior rendimento dei giallorossi dopo nove gare – fatta eccezione per la stagione 2008-’09, quando comunque la squadra dominò il girone di Champions – negli ultimi dieci anni. Anche per questo ieri, al termine della partita, l’allenatore negli spogliatoi non ha mancato di far sentire la propria voce.

LO SFOGO NEGLI SPOGLIATOI – Un dopogara a dir poco vivace quello dell’Olimpico. L’allenatore, alla fine della partita, è venuto meno anche all’abitudine di non commentare a caldo la partita. Troppo grande l’amarezza per l’ennesima debacle causata da distrazioni clamorose su calci d’angolo: “Dobbiamo svegliarci, non possiamo perdere l’uomo su ogni situazione da fermo, non succede neanche nei campionati giovanili”, ha urlato alla squadra senza soffermarsi con i singoli. Uno sfogo che lunedì l’allenatore replicherà anche a Trigoria, probabilmente soffermandosi in sala video con tutti o quasi i giocatori, per spiegare gli errori individuali. Perché l’esplosione nello spogliatoio dello stadio è stato dettato soprattutto dalla delusione di veder sfumare un risultato positivo per le stesse ragioni che avevano causato la sconfitta mercoledì a Genova. Una tara ricorrente, nella stagione: con i due di ieri, sono già cinque in 11 gare i gol subiti (sui 13 complessivi) da situazioni di calcio d’angolo. A fine gara Continua >>