sabato, dicembre 15, 2018 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Ci esimeremo dal fare beceri paragoni sessisti chiedendovi di scegliere tra questo o quell’attore o questo o quell’attrice. La logica Catalaniana prevede sempre che sia meglio avere a che fare con uno/a bellissimo/a che un/a cesso/a Continua >>

I bocconi da mandare giù cominciano a pesare. Dopo la disfatta di Manchester speravamo in qualche bicchiere di vino per facilitare la digestione. Dopo due bicchieri, con la Samp e a Milano con l’Inter, la bottiglia è stata richiusa, addirittura sigillata dopo la prestazione nel derby Continua >>

ROMA (4-2-3-1): Doni; Panucci, Mexes, Chivu, Tonetto (9′ st Wilhelmsson); De Rossi, Pizarro; Taddei, Perrotta, Mancini (41′ st Tavano); Totti (28′ st Vucinic). (Curci, Aquilani, Defendi, Rosi). All. Luciano Spalletti.
LAZIO (4-3-1-2): Peruzzi; Behrami (33′ st Bonetto), Cribari, Siviglia, Zauri; Mudingayi, Ledesma, Mutarelli (31′ st Manfredini); Jimenez; Pandev (17′ st Makinwa), Rocchi. (Ballotta, Firmani, Diakhitè, Inzaghi). All. Delio Rossi.ARBITRO: Rizzoli di Bologna.
NOTE – Angoli: 4 a 2 per la Roma. Recupero: 2′ e 6′. Ammoniti: Zauri, Mutarelli, Mudingayi per gioco falloso, Mexes, De Rossi per proteste, Wilhelmsson, Behrami per comportamento non regolamentare. Spettatori: 61 mila. Continua >>

Aspettativa è una di quelle parole logore per il troppo utilizzo. Alla parola aspettativa ci si appoggiano infatti un po’ tutti, dall’insigne sociologo al serio economista. La usiamo molto anche noi che in fin dei conti siamo solo modesti, anzi, beceri tifosi. Che cos’è che ci ha spinto ogni domenica negli stadi di tutt’Italia se non l’aspettativa? Continua >>