lunedì, dicembre 10, 2018 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


ULTIMA LEGIONE ROMANA MANUEL GEROLIN

14055787_10211085141987315_1669463824_n

14804805_10211085142067317_408236161_n

ULTIMA LEGIONE ROMANA BEPPE GIANNINI


CoreDeRoma-perquestamagliastorica_G-Serafini_BeppeGianniniCdR


CoreDeRoma-perquestamagliastorica_G-Serafini_BeppeGiannini2-CdR

Giacomo

Ultima Legione Romana

L’amore per Roma e la AS Roma e l’attaccamento e la passione per la maglia ed i suoi colori, hanno tinteggiato di Oro e Porpora gran parte della mia vita.

La lontananza spesso fisica e geografica dalla Capitale non hanno mai minimamente scalfito un sentimento profondo. Nel 2015, residente da ormai tre anni in Terra d’Albione e dopo l’inizio di una collaborazione editoriale con il portale di Controcultura Giallorossa COREDEROMA, l’idea di identificare il mio pensiero e la mia collezione di maglie match worn (preparate o indossate in campo), con il nome di Ultima Legione Romana, nome ispirato alla leggenda della IX Legione, una delle leggende più durature della Britannia romana, che narra che 5000 dei migliori soldati di Roma scomparvero misteriosamente tra le nebbie della Caledonia mentre marciavano a nord per sedare una ribellione.

Le schede sono insieme di testimonianze fotografiche della stagione calcistica, curiosità, riferimenti storici e particolarità di produzione tecnica della maglia. Ad maiora. Forza Sempre Grande Roma.

Giacomo Serafini

 

Tutti noi veri tifosi della Roma, nessuno escluso.

Dai, guardatevi dentro, siate sinceri. Chi non ha mai sognato una vita così?! Chi non si è mai guardato allo specchio indossando la maglia della Roma, magari numero 10, prima di uscire da casa per andare allo stadio, sognando di salire le scalette che portano al campo, guardare il cielo, sentire l’odore dell’erba, il boato del pubblico e il proprio nome strillato?

Tutti. Siamo tutti Totti. Siamo tutti Totti quando, in questa vita fatta più di ingiustizie che di meriti, continuiamo a perdere le partite che vorremmo vincere, dopo aver fatto l’impossibile, giocando ai nostri massimi livelli, nel lavoro, nelle amicizie, in amore. Siamo tutti Totti perché chi ha scelto la Roma, chi ha scelto di seguire questo Capitano, ha scelto un romanticismo malinconico, a volte triste, ma incredibilmente Vero, Vivo.

Siamo tutti Totti quando vediamo qualcuno in difficoltà, nuotare nel mare in tempesta di quella che è la vita moderna e il primo pensiero sarebbe quello di andare al primo bancomat disponibile e ricoprirlo di aiuti. Noi, tutti Totti, nel profondo di un animo generoso, che daremmo la metà di quello che abbiamo.

Siamo tutti Totti anche quando sai di essere nel giusto, lavori come uno schiavo e ti comporti da persona onesta e righi dritto, eppure gli altri sono sempre li che stuzzicano, provocano, spingono. E allora siamo tutti Totti nel momento in cui chiudiamo gli occhi, ci carichiamo di energia e sferriamo quel calcio che in fondo quei provocatori, quei disonesti si meritavano. Siamo tutti Totti quando apriamo gli occhi e quel calcio non lo sferrerai mai, perché in fondo, noi della Roma, conosciamo bene la cultura della sofferenza e della sconfitta e ne facciamo la nostra forza.

Siamo tutti Totti infine quando la ragazza dei tuoi sogni, quella che è diventata tua moglie e forse ti ha dato anche dei bellissimi figli, quella donna che hai coccolato e amato per una vita, decide improvvisamente che forse le vostre strade si devono dividere, perché questa società moderna, fatta di velocità e consumo invece che di ricordi e conservazione, ti spinge a dimenticare, ad avere l’ansia del domani, ad avere tutto e subito piuttosto che essere.

E tu sei li, incredulo, Totti anche tu, che ti chiedi perché, dopo tutti questi anni di amore, non ci sia un modo per conciliare il tutto, un compromesso per entrambi, perché in amore, siamo tutti adulti e vaccinati noi che viviamo una vita vera, sempre di compromesso si parla. Ti offri di fare di più, ti metti a disposizione, di rinunciare persino a qualsiasi eventuale beneficio tu abbia avuto fino ad ora. Pur di restare uniti.

Tu, che sei Totti e che ancora credi nel romanticismo e non hai ceduto alla spirale del mondo moderno, sei rimasto il ragazzo che eri negli anni 90.

E allora noi, tutti Totti, caro Francesco, ti lanciamo una provocazione, stavolta positiva, un consiglio di un amico dall’altra parte del telefono che, come e forse più di te, vuole rivederti con il tuo amore, fosse anche soltanto per un’altra volta sola.

Proponi al tuo amore che rinuncerai a tutto, soldi compresi, pur di avere anche un’altra sola possibilità insieme. Fai capire al tuo amore che non è quello il problema. E che si fottesse la società moderna, con la sua velocità e il suo consumismo. Apri le braccia al tuo amore per far capire che sei indifeso, con nelle mani solo il tuo amore, per andarsi a prendere insieme, anche se stavolta sarai più seduto, più lento, più silenzioso, un’altra, ultima VITTORIA INSIEME.

Getta il cuore oltre Francesco. La tua Amata non potrà dirti di no, almeno questa volta.
Noi siamo tutti Totti e siamo tutti con te. Non potremmo non esserlo. Da quando ti conosciamo siamo stati sempre un’unica cosa. E lo saremo sempre.