venerdì, novembre 22, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Guarda il tabellino Leggi le interviste dei protagonisti Leggi il nostro commento alla partita Guarda le foto della partita
TABELLINO INTERVISTE COMMENTO FOTO

SPALLETTI A MEDIASET

Vittoria importante, l’ottava. Non era facile dopo l’amarezza di Madrid.
I nostri calciatori hanno fatto una partita splendida, hanno avuto una reazione splendida perché io so che contraccolpi poteva dare un’uscita dalla Champions, mi hanno fatto vedere subito in allenamento che avevano recepito il messaggio e anche oggi l’hanno fatto vedere. Bisogna tenere a distanza quelle squadre che ci stanno dietro e questo lo si fa soltanto con le vittorie, che possono mettere tensione al Napoli.

Dzeko l’ha ricambiata con un gol: non è un problema allora…
Son tutti un valore aggiunto, i nostri calciatori. Lavorano in maniera seria, aiutano a stare sempre con le antenne dritte quelli più scelti, se non metti tutte le qualità che hai anche le squadre meno forti ti mettono in difficoltà.

Lei se l’aspettava questa Roma?
Ero curioso di vedere se avevo ragione o no perché, quando me l’hanno chiesto, ho sempre pensato che la Roma avesse delle possibilità, che per altro aveva anche espresso in precedenza. C’era da rimettere mano a quello che doveva essere il modo di vivere un club, uno spogliatoio, un campo per svilupparci l’allenamento e questi ragazzi l’hanno fatto ed è giusto che si prendano i meriti.

Hai lavorato più sulla tattica o sulla mentalità?
Non posso passare da un movimento, o da una preparazione, avere la testa dentro al lavoro che fai, saper riconoscere le bellezze, i vantaggi, il piacere della situazione che stanno vivendo, il piacere del pezzo di vita che si stanno gustando facendo questo lavoro, a volte sembrano cose normali ma noi siamo dei prescelti e dobbiamo renderci conto del nostro lavoro in profondità.

Avete ritrovato la voglia di giocare?
Dico che bisogna essere seri, avere la testa dentro al lavoro che stiamo facendo perché questi ragazzi hanno anche delle alternative nella propria vita quindi riuscire a fargli vedere che questa è una situazione più bella delle altre non è un lavoro facile ma è redditizio se uno ci riesce perché poi danno il meglio di sé e si divertono come hanno fatto oggi giocando un bel calcio per lunghi tratti della partita.

Forse il problema sono le tante occasioni sprecate…
Si, però questa volta non ci metto mano (ride, ndr). Per una volta sto con loro, hanno fatto una grandissima partita. Oggi non partecipo alle critiche verso i nostri calciatori, sono in pace, oggi (ride, ndr).

Pjanic e Nainggolan diffidati in vista del derby: chi farà riposare con l’Inter?
Li posso scegliere tutti e due, gli si domanda se li posso far giocare tutti e due (ride, ndr).

SPALLETTI A SKY SPORT

Il gol di Dzeko: molla psicologica?
Io oggi sono venuto in pace, faccio solo i complimenti alla mia squadra (ride, ndr). Conosco la pericolosità che può dare l’uscita dalla Champions, ci sono passato spesso. I ragazzi sono stati pronti, hanno fatto buone giocate, vincendo meritatamente.

Nel secondo gol nasce da una intuizione di Pjanic?
Anche il primo, Momo con quel tocco dentro ha trovato il vantaggio di posizionamento. Il secondo giocata sui piedi con attacco della linea difensiva. Poi Florenzi oltre le qualità tecniche trova giocate pazzesche.

-2 dal Napoli
Il Napoli deve ancora giocare, questi discorsi vanno fatti dopo che hanno giocato loro.

L’abbiamo persa di vista per 7 anni circa: sono abbastanza convinto abbia frequentato un corso di comunicazione…
Secondo me fate dei complimenti e li accetto volentieri. Prima di tutto c’è una squadra che sa giocare a pallone e io la ho. Nel giocare sui piedi lo fanno diverse squadre, togliendo tranquillità agli schemi difensivi agli avversari, se si riesce a fare nei tempi giusti costringi al buco e lo puoi sfruttare.

Questa Roma sta iniziando a giocare come la tua vecchia Roma
Ma è un farli rimpossessare delle loro qualità. Pjanic, Keita, Nainggolan, Florenzi, Salah la sanno trattare correttamente la palla. Devono notare le scorciatoie per ritrovare le loro qualità. A volte puoi giocare con un centrocampista in più. Su Dzeko lo avrei fatto rigiocare comunque, se non lo facevo rigiocare lo avrei perso. Su questo ci sarebbero arrivati tutti, spero (ride, ndr).

Gli atteggiamenti giusti?
Diventa un discorso psicologico, questi ragazzi hanno alternative, gli va ridata la posizione corretta su quel che vuoldire vivere in un club così importante, in una città così importante. Se pensano a quello viene di conseguenza.

Il corso di comunicazione?
Non son mai andato a scuola io (ride, ndr).

SPALLETTI A RAI SPORT

Le posizioni occupate in campo da Dzeko?
Segno che è stato libero di interpretare le situazioni di gioco. Il fatto di attaccare la profondità crea delle variabili, anche per gli altri attaccanti. Oggi sono venuto in pace (ride, ndr)

Dzeko si riscatta, merito anche delle critiche di noi giornalisti…
Ho puntanto su questo, avevo detto che speravo mi venisse a dire “dammi la maglia, che faccio ricredere questi qua”. E lui ha risposto

L’ottava vittoria consecutiva?
Era difficile riordinare le idee dopo la Champions, che ti frantuma le energie. Avere il pallino in mano in una partita che sulla carta era abbordabile, anche se sul campo non lo era, è segno che si aveva la testa nella situazione.

Ha lavorato di più sulla testa o sull’aspetto fisico?
I miei giocatori hanno la potenzialità di comandare il gioco contro qualsiasi squadra al mondo, hanno potenzialità enormi. Avergli fatto riprendere questa qualità è la cosa più importante.

Le tante verticalizzazioni di oggi?
Il discorso finale è sempre lì, bisogna giocare sui piedi per togliere equilibri agli altri e poi sfruttare i buchi che gli avversari creano quando creano parità numerica sulla trequarti. Qeust è il discorso ottimale.

Guarda più Napoli e Juve o Fiorentina ed Inter?
Guardo tutte e 4, perchè c’è sempre da imparare.

SPALLETTI IN CONFERENZA STAMPA

Siamo stati bravi nel primo tempo ma dovevamo sfruttare le occasioni per evitare il ritorno dell’avversario. Il fatto che si sia un po’ giocato per non far male lasciava prevedere il ritorno dell’Udinese.

Nel primo tempo si poteva chiudere…
No partecipo a critiche di nessun genere, resisto a tutte le torture. Ora vo’ dentro e li ribacio un’altra volta, li ho già baciati e li ribacio.

Era l’Udinese che si aspettava?
Pensavo che sarebbe stata un’Udinese che dipendeva molto da quello che non saremmo riusciti a fare noi. Perché la mia squadra è più forte dell’Udinese. Per cui dipendeva molto da noi, da quello che proponevamo. Abbiamo proposto bene, poi Colantuono è stato bravo e ci ha messo in difficoltà. L’ingresso di Pjanic ha messo le cose a posto, abbiamo gestito il gioco e ha suonato una bella musica in mezzo al campo.

SPALLETTI A ROMA TV

Qual è l’obiettivo finale?
E’ una posizione alta in classifica, perché vogliamo giocare in Champions e sarebbe un grande risultato.

Si aspettava questa Udinese?
MI aspettavo un’Udinese che avrebbe cercato di incastrarsi nel nostro gioco. Nel secondo tempo ci ha creato problemi però poi con Pjanic abbiamo ripreso il gioco in mano. Abbiamo vinto meritatamente, soprattutto dopo Madrid. Complimenti ai nostri giocatori, non era facile.

I gol nei primi 15 minuti?
Entriamo in campo nella maniera giusta, mi è piaciuto molto anche il calcio d’inizio, abbiamo provato ad andare a segnare subito.

Squadra migliorata in tutto?
Si, è normale che ci sia un calo poi. Il merito è stato reggere botta, lottare nei contrasti è stato importante. Non siamo soli, ci sono anche gli avversari e durante la partita ci sta di concedere qualche minuto agli avversari.

Il gol di Florenzi?
Se hai giocatori come lui si possono provare certi schemi, è lui che ci dice come fare lo schema. Ho applaudito anche al gol di Dzeko, non ce lo dimentichiamo.

Dzeko?
Lui è capace di queste cose e secondo me ne può fare altre. Secondo me gli si ridà la maglia.

DZEKO A RAI SPORT

Ero motivato, volevo vincere. Personalmente sono felice per il gol.

Puntate il secondo posto?
Giochiamo sempre per vincere, senza porci limiti. Per ora ci accontentiamo del terzo posto.

Che differenza c’è tra Garcia e Spalletti?

Ogni allenatore ha i suoi metodi di lavoro e il suo stile di gioco. I riusltato ora parlando da soli, veniamo da 8 vittorie consecutive con Spalletti, quindi va tutto benissimo.

DZEKO A ROMA TV

Bilancio positivo nelle ultime partite…
Effettivamante i numeri sono dalla mia parte, si può sempre migliorare, importante è vincere per tutta la squadra.

Oggi hai fatto una partita completa…
Si in queste partite è importante segnare subito sono contento per il gol e per la vittoria.

I tifosi?
Sono sempre stati dalla mia parte e devo ripagarli con i gol.

Quanto è stato importante il mister per te dopo il Real?
Molto, mi ha dato fiducia e una maglia da titolare. Non posso che ringraziarlo, oggi abbiamo giocato bene e credo abbia fatto bene a scegliermi.

Rush finale, ci sei?
Si, sono pronto. In tutte le squadre dove ho giocato gli ultimi mesi di campionato sono stati importanti per me, non mi curo di quello che dice la gente, sono concentrato sul mio gioco.

DZEKO A SKY SPORT

Questa partita conferma l’ottimo momento della Roma?
Stiamo giocando molto bene, non vogliamo fermarci qui e vincere tutte le partite da qui alla fine.

Sei soddisfatto della tua prestazione?
Sì.

Cosa ti è piaciuto di più?
Il gol.

Sei cresciuto anche sulla partecipazione alla manovra.
Sono contento soprattutto della prestazione della squadra, abbiamo controllato la parita dal primo minuto.

Ci puoi raccontare le tue difficoltà nel calcio italiano?
Non lo so, quello italiano è un campionato difensivo e avevo bisogno di tempo. Mi sento sempre meglio, sula strada giusta e spero di continuare così.

Il tuo futuro è a Roma?
Sì.

FLORENZI A MEDIASET

Ottava vittoria consecutiva, archiviata la sconfitta di Madrid.
Abbiamo fatto tutto quello che c’era da fare, anche se nella ripresa abbiamo sofferto troppo. Dobbiamo chiudere subito la partita e cercare di non prendere quel gol ma prendiamo questi 3 punti perché sono benedetti.

Un altro gol bellissimo, ce lo racconti.
Pensavo che se tiravo la prendeva il difensore, li prendo sempre (ride, ndr). Ho provato lo stop e mi è venuto tutto alla perfezione e sono contento.

Questa squadra può avere obiettivi superiori al terzo posto?
Continuiamo partita dopo partita facendo ogni volta la partita come oggi, sono gli altri che devono adeguarsi al nostro gioco e non noi.

Cosa si prova a vincere con 4 mila tifosi ad incitarvi in trasferta?
Tanta roba…

FLORENZI A SKY SPORT

Ottava vittoria consecutiva. Vittoria convincente?
Secondo me sì, dobbiamo gestire forse meglio dopo il 2 a 0, stavamo più tranquilli gli ultimi 5’. Siamo riusciti a conquistare 3 punti, cosa mai facile fuori casa.

Qualità collettiva?
Proviamo le cose durante la settimana e quando il lavoro dà i suoi frutti è sempre bello

Con il possesso della palla anche tu sei migliorato da terzino?
Siamo migliorati un po’ tutti: con lavoro, tenacia e senza mollare un centimetro possiamo raggiungere cose inimmaginabili.

All’altezza di Juve e Napoli?
Vogliamo dire la nostra fino alla fine, il nostro futuro adesso è solo l’Inter.

FLORENZI A ROMA TV

Sempre gol importanti…
Mah, era una giocata provata, non il gol ma tutta l’azione. Ho pensato in quell’istante che se avessi tirato avrei preso il difensore, allora ho stoppato e poi tirato.

Un po’ di sofferenza…
Potevamo fare di più, potevamo chiuderla prima. Bisogna stare sempre attenti perché con queste squadre si può finire a mangiarsi le mani.

Mentalità da grande squadra?
E’ la mentalità che dobbiamo avere per essere competitivi, vogliamo portare tante vittorie alla Roma. Oggi abbiamo imposto il nostro gioco e dobbiamo fare così se vogliamo vincere le partite.

Secondo posto?
Pensiamo partita dopo partita, come stiamo facendo dalle ultime otto a questa parte. Siamo scaramantici, pensiamo partita dopo partita.

(da laroma24.it)