martedì, Giugno 02, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Guarda il tabellino Leggi le interviste dei protagonisti Leggi il nostro commento alla partita Guarda le foto della partita
TABELLINO INTERVISTE COMMENTO FOTO

GARCIA A SPORT MEDIASET

Un po’ di sofferenza…
Sappiamo che la regola dei 5 minuti è importante, all’inizio e la fine del tempo può succedere di tutto. Non avevamo niente da guadagnare a parte i 3 punti, era una partita trappola. Ma i ragazzi sono stati bravi, complimenti al Frosinone che ha giocato con cuore, mettendoci in difficoltà. Non prendere gol in trasferta è bene, anche se il secondo gol è arrivato un po’ tardi. Ci siamo abbassati troppo nella ripresa, dobbiamo migliorare.

Il cambio di Dzeko?
Dzeko aveva giocato due volte con la nazionale e il cambio di modulo ci ha dato sicurezza e più possibilità di attaccare in contropiede.

Il fallo di mano di Digne era rigore
Ci sono sei arbitri e bisogna dare loro fiducia. Non hanno la moviola; le televisioni daranno il replay 10 volte, mentre loro devono decidere in 10 secondi cosa succede.

Nainggolan non è partito titolare…
Ho risparmiato Nainggolan che aveva giocato due volte in nazionale, ho una rosa ampia e do fiducia a tutti. Finché i giocatori danno tutto, come Iturbe, che ha aiutato la squadra in difesa e chiuso la partita. Mi aspetto questo atteggiamento, tutti avranno il loro spazio. Siamo stati pericolosi sui cross, ma potevamo fare di più, Florenzi ha anche preso l’incrocio, ma sugli altri tiri non ricordo una parata di Leali. In questo abbiamo fatto meglio nelle prime due partite, oggi nella classifica dei tiri in porta saremmo stati ultimi.

Insiste troppo con Gervinho, ci domanda un tifoso?
Contro una difesa tutta schierata serve un giocatore che salti l’uomo e lui lo fa. E’ stato uomo partita con il Real Madrid e il Valencia in amichevole. Questa sera ha fatto una buona gara, né più né meno dei suoi compagni.

GARCIA A SKY SPORT

Qualità collettiva minore? Troppi cambiamenti?
Complimenti al Frosinone, hanno lottato su ogni palla e, se continuano così, faranno una stagione importante. Abbiamo segnato in due momenti importanti, chiudere prima la partita sarebbe stato meglio per metterci al riparo. Possiamo migliorare il fatto che inquadriamo poco la porta.

Keita-De Rossi e Totti-Dzeko, coppie così così?
No, no. C’è da migliorare ovviamente, ma non prendere gol fuori casa vuol dire che abbiamo fatto meglio. L’importante era vincere e lo abbiamo fatto

Lo scorso anno siete arrivati secondi giocando come questa sera, con altre qualità: una nota positiva. Iturbe è migliorato nel ruolo di punta?
Una delle ragioni per cui è entrato, ho chiesto alla mia società di tenere Manuel: lavora sempre al 100% e già lo scorso anno aveva giocato punta. Da punta ha bisogno di spazi, lo scorso anno ci ha aiutato tanto con le ripartenze. Sapevamo che stasera era meglio entrare con gli spazi aperti.

Avete una grande rosa
E’ importante tenere in conto i tempi di gioco avuti con le nazionali. Era la prima di 7 partite e sappiamo quanto Radja è importante per noi, soprattuto in mancanza di Pjanic. Anche per Dzeko era prevista questa cosa. Non abbiamo avuto infortunati e questo, con le sei partite che arrivano, soprattutto col Barcellona, è una buona cosa.

GARCIA A ROMA TV

La Roma come ha vinto?
Complimenti al Frosinone, hanno giocato con cuore e lottato su ogni palla. Da questa partita trappola non c’era nulla da guadagnare a parte tre punti. L’abbiamo fatto, non soffrendo le loro occasioni e colpendo in finale dei tempi. Il gol forse era meglio metterlo dentro prima. L’unica cosa poco positiva è che abbiamo inquadrato poche volte la porta: 2 volte più la traversa di Florenzi.

Bisognava chiuderla prima?
Sì, sappiamo però che sono delle partite così. I ragazzi sono stati bravi a dimostrare che erano concentrati sulla sfida di oggi e non quella di mercoledì.

Lei quanto ha pensato alla sfida di oggi e a quanto quella di mercoledì?
Vedendo i duelli abbiamo pensato al 100% a quella di oggi. Ora ci possiamo concentrare alla Champions League e non al campionato. Anche quella sarà importante, collezionando vittorie su vittorie per andare in alto in classifica.

Un giudizio su Totti-Dzeko?
Possiamo fare meglio, c’è da lavorare. Edin non è qui da tanto tempo e su questo modulo abbiamo bisogno di più automatismi. La cosa più importante è che non abbiamo avuto infortuni e ho potuto gestire i giocatori. Questa partita andava gestita. Quando si vince 2-0, non ci sono infortunati e l’allenatore può gestire la rosa, ci sono solo punti positivi

Nella ripresa la partita l’ha fatta il Frosinone: la Roma ha giocato a risparmio per prepararsi in vista della sfida del Barcellona o c’è un deficit di personalità in questa squadra?
Chi conosce un po’ di calcio sa che, quando si affronta la Juventus in casa, è una partita differente rispetto a quando si gioca in casa di una neopromossa. Serve un campo di qualità, con dimensioni normali per giocare meglio. Nel primo tempo abbiamo fatto solo un tiro in porta su undici. Se avessimo migliorato questa percentuale, l’avremmo chiusa prima. Ma, ripeto, è la prima volta nella stagione che non prendiamo gol anche con l’esordio di Rudiger. Queste sono cose importanti.

Rudiger?
Non sta al 100%. Si è preparato poco, non era semplice, ma ci ha portato la sua fisicità. Era d’attualità avere un giocatore forte di testa e fisicamente. Dei duelli ci sono stati questa sera.

Il Chievo ha segnato a Torino: 1-0 sulla Juventus, rete di Hetemaj…
Il Chievo ha 6 punti. Ha fatto una grande partita, un grande 4-0 contro la Lazio. La cosa più importante è che abbiamo fatto noi i 3 punti.

GARCIA IN CONFERENZA STAMPA

Mi aspettavo una gara così, per questo bisogna fare i complimenti al Frosinone, hanno lottato su ogni palla. I ragazzi hanno dimostrato di avere la testa al 100% al campionato e non sulla Champions. Sono punti importanti, non abbiamo preso gol in trasferta. A parte i tre punti non c’era niente da guadagnare per la Roma da una partita così.

Mi aspettavo un po’ più di Roma a livello di intensità… La Roma ha dato l’impressione di giochicchiare, attendendo il gol che prima o poi sarebbe arrivato
Potevamo fare meglio soprattutto su un punto: centrare meglio la porta. Abbiamo inquadrato solo due volte la porta, più il tiro di Florenzi sulla trasversa. Nelle prime due giornate eravamo tra i primi nei tiri dentro lo specchio, ora saremo ultimi.

ITURBE A SKY SPORT

Gol che ha messo al sicuro il risultato.
Ha un significato importante per tutta la squadra questa vittoria. Sappiamo che qui non è facile giocare contro una squadra da poco arrivata in Serie A.

Che tipo di difficoltà avete trovato?
Giocavano molto dietro, dobbiamo gestire bene. Sapevamo che non era facile, c’era anche caldo.

Hai scelto di rimanere a Roma
Ho sempre voluto rimanere qui, mi ricorderò sempre che i tifosi stanno con me e con i miei compagni.

ITURBE A PREMIUM SPORT

Una gara complicata.  
Sappiamo che questa squadra lotta per restare in Serie A, è un campo difficile, ma noi dovevamo vincere.

Un’estate difficile?
Sto bene a Roma, sono concentrato e i miei compagni mi hanno aiutato molto.

Mercoledì c’è il Barcellona.
Ora testa alla Champions, sappiamo che non sarà facile. Sarà una bella partita. Dobbiamo rispettare il Barcellona, ma dobbiamo fare il nostro gioco.

ITURBE A ROMA TV

Hai chiuso la partita: era il gol che aspettavi?
Sì, sempre aspetto il gol. Iniziare così il campionato è buono, ma sono più felice per i miei compagni che danno sempre tutto per vincere una partita.

Un giudizio su Rudiger?
Sì, peccato che parla solo inglese e io spagnolo (ride, ndr), però ci capiamo. E’ un ottimo giocatore che ha giocato in una buona squadra. Bisogna dargli fiducia, perché è un giocatore che può aiutarci tanto quest’anno.

Partita che si poteva chiudere prima?
L’importante è chiuderle queste partite, che sono difficili perché gli avversari stanno dietro. E’ stata una cosa buona comunque chiuderla, anche se alla fine.

Abbiamo avuto un momento di preoccupazione al tuo gol, visto che per il manuale del calcio avresti dovuto passare la palla a Salah…
Sì, se lo avessi sbagliato mi sarei ammazzato (ride, ndc).

Dopo il gol non hai esultato in maniera gioiosa come al derby: dopo un’estate tormentata ti senti comunque sereno e di aver fatto la cosa giusta? Sei motivato fino in fondo?
Beh, penso che ho sempre avuto la voglia di rimanere. E’ una cosa positiva per me avere la fiducia dei miei compagni, ne ho molto bisogno. L’anno scorso non è stato positivo per me, quest’anno voglio stare bene sempre, sia con il mister sia con i miei compagni.

Sei entrato molto bene con la Juventus e anche oggi: hai scaricato un po’ di pressione che avevi lo scorso anno?
Un po’ sì. Sono arrivati giocatori buoni come Dzeko e Salah. E’ positivo per me, posso entrare in campo più tranquillo. E’ una cosa che mi è mancata l’anno scorso.

RUDIGER A ROMA TV

Qual è stata la tua prima sensazione al debutto con l’As Roma?
Sono molto contento di essere entrato in campo dopo qualche mese di assenza. Vorrei ringraziare i miei compagni e il mister.

Soddisfatto della prestazione della squadra?
E’ stata una prestazione ok, non brillante come contro la Juventus. La cosa importante erano i tre punti. Ora possiamo concentrarci sul Barcellona.

Come è andata l’intesa con Digne, Florenzi e Manolas?
Siamo tutti molto giovani, sono sicuro che migliorerà la comunicazione con il tempo, visto che è molto importante.

C’era il rigore su Rosi?
Era una situazione di 1 contro 1, è stato lui a pestarmi il piede, io di certo non potevo sparire e quindi non è calcio di rigore, per me.

E ora un’importante partita per noi contro il Barcellona...
Sì, per tutti i tifosi e la squadra è una partita importante. Sono sicuro che, con il sostegno dei nostri tifosi, potremo fare grandi cose.

FRANCESCO TOTTI sul suo blog (francescototti.com):

Vittorie come quella che abbiamo ottenuto a Frosinone valgono doppio. Fare bottino pieno in trasferta, indipendentemente dall’avversario, non è mai scontato. Questo 2-0 è ottimo per la classifica, dobbiamo raccogliere più punti possibile fin da questa prima fase del campionato.

(da laroma24.it)