venerdì, Gennaio 24, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Guarda il tabellino Leggi le interviste dei protagonisti Leggi il nostro commento alla partita Guarda le foto della partita
TABELLINO INTERVISTE COMMENTO FOTO

GARCIA ALLA RAI

Più soddisfatto per il passaggio del turno o più preoccupato?
In Coppa la cosa più importante é qualificarci. Quando non si segna il secondo gol, può succedere di prendere un contropiede. L’Empoli é molto organizzata, dà molto fastidio. Abbiamo tirato molto in porta, l’unica cosa che non é andata bene é la finalizzazione. Abbiamo giocato 30 minuti in più, ma alla fine siamo qualificati.

Sul rigore
Non ho visto le immagini, dal campo sembrava netto.

Zielinski però sembra toccare il pallone dalle immagini
Si vede che taglia le due gambe, non si vede chi tocca prima il pallone. L’arbitro é a cinque metri, avrà visto bene lui.

Non vede una squadra che sta arrancando dal punto di vista fisico?
Sul piano fisico no, abbiamo giocato 120 minuti e tutti stavano bene. In attacco però bisogna fare meglio, essere più efficaci e più collettivi.

Quest’anno venite infilati troppe volte in verticale
Penso sia casuale, l’Empoli usa molto la profondità, sono bravi per questa cosa. Però, a parte l’1–1, non mi ricordo altre occasioni loro. Non é un problema difensivo, dobbiamo chiudere la gara quando dobbiamo farlo.

Aveva chiesto diverso approccio, é contento?
Sì, perché abbiamo segnato subito, anche se nel primo tempo giocavamo troppo di fretta. Nel secondo invece troppo lenti, dobbiamo migliorare su questo piano.

Che sentimenti ha dopo questa partita?
Ci sono sempre cose da migliorare. Abbiamo cambiato modulo oggi e i giocatori devono lavorarci su. Dobbiamo fare una riflessione sul piano difensivo e sarà il mio compito stasera.

Su Destro ci sono tante squadre: o arriva offerta irrinunciabile o resta a Roma?
Io non posso decidere sul piano finanziario. Io decido sul piano tecnico. Spero che arrivi presto il 2 Febbraio: saranno 10 volte che dico che Destro rimane a Roma.

Jovetic le piace?
Potremmo dire tutti i giocatori del Manchester City… Noi dobbiamo aspettare il rientro di Gervinho e Keita. Abbiamo pareggiato troppo queste ultime gare, dobbiamo recuperare bene, perché abbiamo giocato 30 minuti in più, anche se la Fiorentina gioca domani, quindi non sarà un problema.

Vista la squalifica di Gervinho spera che rientri prima?
No, a me fa piacere quando giocano nella loro Nazionale.

GARCIA IN CONFERENZA STAMPA

In questo periodo la squadra non riesce a finalizzare, come mai?
Alcune volte si incontrano anche portieri bravi, sulla finalizzazione possiamo fare meglio, perché poi può capitare quello che è successo. Quando abbiamo la possibilità di fare il secondo gol, bisogna farlo. L’importante comunque è qualificarsi.

Roma fortunata…
La squadra può giocare meglio, soprattutto con più entusiasmo. Più movimento, più decisivi. Stasera abbiamo studiato bene l’Empoli, ed è una delle migliori della serie A sul gioco e sull’organizzazione. Sanno verticalizzare molto, complimenti a loro che sono un’ottima squadra.

Fa giocare Totti e Destro insieme l’ha convinta? Il cambio di modulo è valso la candela?
Era interessante vedere come ci potevamo comportare con questo modulo, non abbiamo fatto bene sul piano difensivo. Ma era interessante vedere la squadra con questo modulo.

Roma meno brillante. La causa è il cambiamento di preparazione?
No, assolutamente. E’ questione di movimento, con i giocatori che abbiamo dobbiamo fare meglio sui movimenti. Dobbiamo giocare più di prima, dobbiamo aumentare questa cosa per ritrovare il gioco.

Il rigore…
L’arbitro era a meno di cinque metri, ha potuto giudicare bene. Non so se tocca la palla prima di tagliare la gambe. Comunque per me c’è rigore su Paredes.

GARCIA A ROMA TV

Dobbiamo avere più finalizzazione a rete. Possiamo fare meglio su scelte di gioco e su ritmo, accelerare e dare più possibilità ai nostri attaccanti per avere più occasioni da rete.

Si fa fatica ad alzare i ritmi. E’ un problema di tenuta fisica?
No, è anche bravura dell’Empoli. E’ una squadra organizzata e pericolosa, esce palleggiando e trova la profondità verticalizzando. Per noi era importante sfruttare l’ampiezza prima di verticalizzare, ma lo abbiamo fatto poco. Nella ripresa meglio. Bisogna però essere più cinici negli ultimi 30 metri. L’Empoli ha un blocco compatto e gestisce bene la verticalizzazione. Ma noi bravi anche a gestire la palla..

Il rigore?
C’è, è netto, il giocatore dell’Empoli taglia tutto e Paredes prende la palla. L’arbitro stava a meno di cinque metri ed era ben piazzato per decidere.

L’Empoli gioca bene, i tifosi della Roma però sono poco soddisfatti per come avete giocato. Un buon test però, Ljajic va bene nel ruolo di trequartista per un futuro?
Volevo anche vedere Iturbe più al centro insieme a Mattia e sono insegnamenti per il futuro. Sono d’accodo con i tifosi, perché vogliono vedere una Roma più ambiziosa, però dobbiamo dire che l’Empoli non è una squadra semplice.

Quando allenò il Lille, soffrì in Coppa di Francia. Come finì quella stagione?
(ride) Sono d’accordo. In coppa quando si soffre tanto è un buon segnale.

Anche come finisce la stagione?
Siamo tutti d’accordo…

DAVIDE ASTORI A RAI SPORT 

Passaggio del turno, ma resta qualche problema?
“Sapevamo di trovare difficoltà, ma volevamo ritrovare fiducia. Siamo contenti di aver passato il turno, è quello che conta. Siamo pronti per domenica.”

Dovrete recuperare le forze ora?
“Siamo in tanti e finora siamo stati bravi a giocare con molti giocatori diversi, dobbiamo continuare così”.

LJAJIC A RAI SPORT

Una partita sofferta. Ve l’aspettavate?
“Sicuramente, sapevamo che era difficile. Dopo Palermo, oggi dovevamo vincere per forza. Loro sono stati molto bravi nel secondo tempo e hanno ritrovato fiducia”.

Alcuni giocatori hanno ammesso che non era rigore. Tu sei tra quelli?
“No, io ero negli spogliatoi ma, rivedendolo, secondo me prende la palla ma anche il giocatore e il rigore ci può stare.”

Dove preferisci giocare? 
“Io preferisco essere mezza punta, ma mi trovo bene in ogni posizione dell’attacco”

Domenica la Fiorentina?.
“Provo tante emozioni. Ho tanti compagni e tanti ricordi. Noi andremo li per provare a vincere e imporre il nostro gioco”.

Cosa è cambiata dalla sconfitta contro il Bayern?
“Con il Bayern devi più difendere che attaccare. Dopo questa partita abbiamo voltato pagina e siamo ripartiti. Siamo su tre fronti e non è facile”.

Saresti felice di ritrovare Jovetic alla Roma?
“Come no. Lui per me è una persona importante, è come un fratello. Spero venga alla Roma, ma non ci siamo sentiti e non abbiamo parlato di Roma”.

HOLEBAS A ROMA TV

Sei contento del passaggio del turno?
“Sì, per il passaggio lo sono, ma non abbiamo giocato bene oggi. Ci siamo complicati la vita da soli e l’Empoli è riuscito a tornare in partita, costringendoci ai supplementari. Ora dobbiamo riprenderci e andare avanti”.

In molti si chiedono quale sia il vostro problema in questo periodo: mentale, fisico o cosa?
“No, non dobbiamo cercare scuse. Non so da cosa dipenda, ma alla fine abbiamo passato il turno e questo è l’importante”.

Garcia ha detto che la squadra deve ritrovare la verve, ora siete in corsa in campionato, in Coppa Italia e in Europa League, ma come mai c’è questa mancanza di entusiasmo?
“Beh, è difficile perché abbiamo molte gare. Ora ci concentriamo sulla Fiorentina, è un match molto importante per noi. Certo, dobbiamo essere sempre entusiasti, ci attendono partite molto importanti”.

Ora infatti vi attende una gara difficile...
“Siamo concentrati. Non sarà facile, ma lotteremo in tutte le partite”.

(da forzaroma.info e romanews.eu)