venerdì, Giugno 05, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Guarda il tabellino Leggi le interviste dei protagonisti Leggi il nostro commento alla partita Guarda le foto della partita
TABELLINO INTERVISTE COMMENTO FOTO

BALDINI A ROMA CHANNEL

Quale commento si può fare?
Sono pochi in questo momento: è stata una partita molto giocata sul fio della tensione, non si è visto un grande gioco da entrambe le parti, ma non poteva essercene un granché. Abbiamo cercato di sfruttare le poche occasioni che si potevano creare, non abbiamo avuto quel pizzico di sorte che loro hanno avuto, non voglio dire abbiano rubato niente, anzi, alla fine il campo è giudice supremo. Questa partita poteva consentirci l’ingresso in Europa, che era l’obiettivo da inizio stagione, pensavamo, così come credo molti pensavano, di avere una squadra idonea per poterlo fare, il campionato ci ha visto avere un paio di battute d’arresto piuttosto pesanti che poi hanno minato la fiducia che c’era nella squadra anche da parte dello stesso ambiente, quindi le cose sono diventatre molto difficili e quella che poteva essere una stagione soddisfacente, non solo per i risultati, anche con la vittoria della coppa italia il campionato ci avrebbe visti sotto di diversi punti, ma con la vittoria di stasera avremmo definito la stagione soddisfacente, per l’ingresso in Europa e per l’avere costruito una squadra quasi unanimemente riconosciuta come competitiva.

Da domani sulla Roma si dirà di tutto, si invocherà di tutto, come gestire il momento?
E’ chiaro che la delusione della gente è tanta, siamo una squadra che ha il favore di tantissima gente qui a Roma… Non so quale sia la proporzione, credo 3 su 4 siano tifosi romanisti ed è chiaro che la loro delusione è la nostra, ma in questo momento c’è solo da mettere un punto e poi sederci insieme da domani e vedere tutto quello che è possibile fare per regalare a questa società, squadra e città soprattutto, le soddisfazioni che merita.

Da domani si lavora insieme molto uniti
Sì, ci si metterà a sedere e si cercheranno tutte le cose che si possono fare, tutto quello che non è andato e quello che è andato, cercando di ovviare a quello che non è andato, qualsiasi cosa sia stata, e provando a ripartire da quello che è andato.

PERROTTA A ROMA CHANNEL

Partita durissima da digerire… Hai visto il cuore oggi?
C’è stato, nelle situazioni la voglia di vincere la partita l’ho vista, poi indubbiamente non abbiamo fatto una grandissima partita, ma credo la Lazio abbia fatto altrettanto, sono partite molto tirate in cui la posta in palio è molto alta e il più delle volte escono gare cos.ì C’è grandissima amarezza, è anche riduttivo dirlo… Non avere dato una gioia grande ai nostri tifosi forse è il dolore più grande che proviamo.

Il momento peggiore anche per te?
Sì, non doveva finire in questo modo, forse per come abbiamo vissuto la stagione, per la società che ha operato in questi due anni, per un allenatore subentrato due mesi fa, per tante situazioni doveva finire in modo diverso, ma lo sport ci insegna anche a perdere, è la vita e chissà da queste sconfitte magari può nascere qualcosa di veramente grande come è successo a squadre più blasonate di noi come abbiamo visto ieri sera: da due sconfitte in finale di Champions hanno creato una squadra formidabile e l’auspiscio è che possa succedere anche a noi.

Tu protagonista straordinario delle finali di Coppa in cui abbiamo vinto… Oggi la Roma mi è sembrata bloccata… Dalla Roma mi sarei aspettato, per qualità tecnica… Nel 2007-2008 andavate a prendere la partita, perché è mancato questo, perché era il derby?
Perché forse in quegli anni avevamo fatto anche meglio in campionato, avevamo certezze che forse questo sesto posto, senza l’europa… ha levato un po’ di sicurezza alla squadra e sicuramente la Lazio dall’altra parte ha creato un po’ di nervosismo, ansia,tensione… Un po’ ci ha bloccato sicuramente.

Ti sei alzato tante volte durante la gara, cosa dicevi?
Cerchi di fare arrivare una voce in quei momenti, dalla panchina riesci ad essere un po’ più lucido, ma è anche difficile fare arrivare la tua voce dall’altra parte del campo…

PERROTTA ALLA RAI

Grande delusione
Inevitabile l’amarezza, ci dispiace enormemente per tutti i tifosi, per la squadra, per la società, per il tecnico, lo sport ti insegna a perdere e dalle sconfitte si può costruire qualcosa di importante

Stagione fallimentare?
Come la vuoi considerare, siamo fuori da tutto non possiamo che considerarla tale…

ANDREAZZOLI A ROMA CHANNEL

Ci tenevamo tutti in maniera particolare… Una brutta partita,un episodio che ha girato dall’altra parte, ma forse da noi stessi ci saremmo aspettati di più. Bloccati anche mentalmente alcuni?
Sì, sono d’accordo. Alla fine del primo tempo ho detto alla squadra che era ora di cominciare a giocare, perché effettivamente non potevo… Chiedere niente di più sotto l’aspetto della partecipazione, dell’agonismo, del furore agonistico anche, ma c’era troppo furore, troppo agonismo e poco raziocinio, e poche idee. Di quello che avevamo preparato non siamo riusciti a fare niente nel primo tempo, ma avevamo combattuto e questo era un aspetto che mi lasciava… Ben sperare, inizio secondo tempo abbiamo fatto meglio, non bene, decisamente, e quando siamo riusciti a trovare quelle vie di passaggio che volevamo siamo riusciti a prendere in mano la gara per una ventina di minuti credo, il gol ce lo hanno fatto quando? Al 71esimo… A 19 dalla fine,in quel momento sembrava di riuscire a comandarla noi la gara, e invece siamo stati penalizzati per una di quelle situazioni che succedono, succede che un episodio trascina nel baratro una squadra e invece dà il gol all’altra.

Un pensiero per i tifosi? Oggi sono stati straodrinari…
Cosa mi sento di dire, di solito non entro nel riscaldamento, ma oggi sono venuto per una decina di minuti per guardarli, per guardare la Tevere e la Curva Sud, un’immagine che mi porterò con me tutta la vita.

La Monte Mario…
Sì, ho sbagliato non la Tevere, la Monte Mario. Un’immagine che mi porterò dentro, una cosa fantastica bellissima. Immaginavo un finale diverso, un finale con loro, non dentro lo spogliatoio, ma così è andata, sappiamo che lo sport è così, bisogna accettare il risultato del campo, il campo ha detto questo. Il risultato è amaro, ma va accettato, sono ferire che dovremo leccare, a lungo.

Hai parlato con i ragazzi a fine partita?
Piangevano tutti dentro lo spogliatoio, era inutile restare a parlare, ci siamo guardati… che vuoi dire? Cosa vuoi dire ad un uomo che piange? Puoi solo essergli riconoscente per tutto quello che ti ha dato e a me hanno dato molto, mi si sono consegnati completamente in questo periodo e li ho ringraziati spesso, saremo mancati nelle aspettative di chi ci circonda qualche volta, ma li ringrazio ancora una volta, perché ho avuto a che fare con uomini di cui ho apprezzato comportamenti e sentimenti e questa per me è una bella cosa, certo rimane l’amarezza di una ciliegina che speravamo dolce e invece è amara, volevamo metterla nel nostro periodo, nella nostra torta e invece purtroppo è amara.

Adesso cosa farà la squadra in questi giorni?
Ora sentiamo la società cosa ha intenzione di fare,n oi eravamo d’accordo di prenderci qualche giorno e poi valutare, ora sentiamo il direttore cosa decide e noi ci adegueremo alle decisioni della società.

BALDINI ALLA RAI

La Lazio ha meritato
Ce l’aspettavamo questa partita, molto tesa molto nervosa, un episodio avrebbe potuto deciderla, uno dei pochi la sorte a sorriso alla Lazio e non c’è niente da dire, noi accettiamo il verdetto ma la squadra ha dato tutto quello che aveva

Una delle partite peggiori?
Dal punto di vista del gioco si è stata molto chiusa molto strana con poca fluidità non c’era da aspettarsi lo spettacolo, abbiamo cercato di avere le nostre occasioni, non sono deluso dal fatto che la Roma non abbia prodotto gioco, dal punto di vista dell’impegno i riagazzi hanno dato tutto

Stagione fallimentare?
Abbiamo avuto molto meno di quello che aspettavamo, potevamo aspirare a qualcosa di più, questa partita avrebbe potuto considerare la stagione soddisfacente, ma ora non possiamo tracciare un bilancio positivo

Il progetto continua con Pallotta?
Tutta la voglia del mondo di proseguire, continuerà a fare investimenti, il progetto va avanti, certo queste sconfitte costringono a delle riflessioni che verrano fatte.

Quante responsabilità si dà lei?
Tutte, sono quello che ha avuto carta bianca su tutto quindi non posso sottrarmi dalle responsabilità, il responsabile sono io. Ci mancano un paio di giocatori con determinate caratteristiche, sono sicuro che trovando la guida tecnica meno percepita come supplente come è stato percepito Andreazzoli possa aiutare a tirar fuori quelle caratteristiche

Ultima per Andreazzoli?
Ci stiamo leccando le ferite ora, le considerazioni le rimandiamo a domani mattina

ANDREAZZOLI IN CONFERENZA STAMPA

La valutazione è amara, naturalmente, avevamo altre aspettative e speranze. Sotto l’assetto tecnico il primo tempo è stato deludente, perché le squadre si sono date battaglie e di questo sono contento dei miei, ma ho visto anche la Lazio che ha fatto un primo tempo con molto ardore, ma con poca lucidità e producendo poco tutte e due, una palla noi e una loro e mi sembra poco quello che è stato fatto. Però c’era molta voglia di combattersi e questo lo si è visto. Poi come spesso succede il secondo tempo, quando sembrava che riuscissimo noi a condurre la gara, a metterla nel binario che volevamo, la Lazio è stata premiata da una situazione che come spesso succede in queste gare risulta decisiva e così è stato: la deviazione di Lobont è finita nei piedi di Lulic, sono stati piremiati e hanno vinto. Bisogna accettarlo, con rammarico e molta amarezza. La partita è stata bruttina onestamente, a me non è piaciuta, abbiamo fatto poco di quello che avevamo preparato, ma abbiamo fatto fare molto poco anche alla Lazio, sotto l’aspetto tecnico tanti errori, di passaggio, di misura, nel primo tempo mi sono sembrati più fini loro in quello che volevano ricercare e meno noi, poi nel secondo tempo abbiamo fatto 20 minuti buoni come volevamo, ma non siamo stati premiati e nel momento in cui forse pensavamo di dare una direzione di un erto tipo alla gara siamo stati puniti. Il campo ha detto questo, va accettato, con amarezza ma va accettato.

Perché Destro e non Osvaldo?
Scelta sotto l’aspetto tecnico che rifarei senza nessun dubbio. E… Niente, tutto qua.Dal punto di vista della costruzione, con De Rossi e Bradley… Un uomo di idee come Pjanic?
Non lo scopriamo ora Pjanic sapete benissimo la mia opinione su di lui, però purtroppo il ragazzo non sta bene, lo abbiamo messo in campo nelle ultime gare, abbiamo provato, ma è stato costretto ad uscire, non per scelta, per scelta l’ho messo in campo, ma poi è usito per necessità: la caviglia non sta bene, ha una condizione precaria. Io lo apprezzo in maniera esagareta il ragazzo, ma se non sta bene in una partita come questa non puoi permetterti di rischiare qualcosa,cerchi di andare sul sicuro. Certo la sua qualità è importante.

Cosa soffre la Roma della Lazio di quest’anno?
Ho giocato due derby, anche nel primo non abbiamo sofferto affatto, la gara è stata criticata… Il primo mio…L’ho rivisto, anche in sede di preparazione di questa, ma abbiamo fatto un approccio meraviglioso, se vi riguardate il primo quarto d’ora di quella partita, un bel quarto d’ora fino al gol inventato da Hernanes che ha spostato gli equilibri, poi il secondo tempo lo avevamo fatto tutto noi credo, anche prima dell’espulsione e poi dopo eravamo stati avvantaggiati meritando di vincere nettamente. Oggi credo sia stata una partita pari, non mi è piaciuta sotto l’assetto tecnico, l’ho detto anche ai ragazzi, però mi è piaciuto molto come abbiamo profuso ogni energia in campo e su questo non si può dire niente, nessuno può farlo perché veramente hanno dato tutto quello che avevano.

Facendo un’analisi complessiva, ritiene l’atteggiamento della Roma alla partita inadeguato? E l’apporto dato dalla panchina con le sue scelte?
Sai, quando perdi una partita come questa si può dire di tutto, ho già detto il mio pnsiero sulal formazione iniziale, rifarei la stessa cosa senza nessun dubbio… Drante la gara abbiamo cercato di apportare delle modifiche,ci siamo riusciti parzialmente, siamo stati condizionati anche un po’ da due ammonizioni prese nello stesso settore del campo da Balzaretti e Marquinho,questo ci faceva anche pensare un po’, ma al di là di questo abbiamo cercato di migliorare la situazione e ci siamo riusciti parzialmente,perchPé poi nel momento in cui la Lazio è andata in vantaggio abbiamo perso anche un po’ di fisionomia che all’inizio del secondo tempo avevamo dimostrato e ci aveva fatto mettere le mani sulla gara.

Sul piano tattico è completamente soddisfatto o la squadra non ha risposto alle sue indicazioni?
L’ho già detto, ho appena risposto: nel primo tempo non abbiamo fattoniente di quello che volevamo ed avevamo preparato e si è visto. Avevamo preparato l’aspetto agonistico e questo si è visto perché la squadra ha battagliato, come ha fatto la Lazio. Il secondo tempo abbiamo iniziato a trovare qualche passaggio interessante, molti, che ci hanno dato la possibilità per lo meno di andare in una direazione logica che avevamo in testa,poi sono mancati… sono stati bravi anche loro a non permettercelo, ma forse poi siamo mancati in fase conclusiva, ultimo passaggio, tirare anziché passare…

Mancanze dovute a reparti o individualità?
La Lazio ha fatto la gara che doveva fare, come noi, loro non hanno permesso niente a noi,noi niente a loro, è stst una gara molto maschia, molto veloce, e ti toglieva la possibilità di ragionare e ne è usita fuori una partita confusionaria, giocata più sui rimbalzi che sulle logiche e le trame di gioco.

All’inizio mi è sembrato di vedere Burdisso secondo marcatore, in seconda battuta sull’uomo, e dava ordine alla difesa. Poi nel secondo tempo la Lazio aveva maggiore velocità quando affondava. Alla Roma queste opportunità non sono capitate,si cercava di sfondare centralmente e con poco esito…
Primo tempo così come dici, forse non c’è stato gioco, ma nemmeno da parte della Lazio, ho visto lanci lunghi da parte di tutte e due le squadre, perché c’era possibilità di poco fraseggio. Sul gol è stata una casualità, Lulic era marcato, ma la deviazione gli ha mandato la palla sul piede e l’ha messa dentro. Su Burdisso non è così… Dipendeva da dove andava Klose, se andava da Castan lo marcava lui, se andava da Burdisso lo marcava lui, non era un battitore libero, ma due centrali che dovevano dividersi il lavoro.

Nella storia edizione di Roma meno talentuose ma con molta più anima,specialmente nel proprio stadio. Questa squadra, al di là di oggi,non ha quest’anima?
Al di là di stasera può essere che quqalche volta sia mancata, e anche i risultati lo dicono, oper quanto mi riguarda con Pescara, ma no l’ho vista mancare altre volte, noi in definitiva, escluso il Chievo,nel nostro stadio abbiamo fatto buoni risultati e a onor del vero li abbiamo fatti anche fuori. E’ na componente che va sicuramente migliorata, ma nella costruzione e nella crescita ce ne sono diverse di componenti da migliorare: aspetto tecnico,caratteriale, della varietà dei calciatori,della tipologia anche morfologica tante volte. Nella costruzione, nel raggiungimento di una costruzione ci sono divrese componenti che vanno considerate.

Lei si vede sulla panchina della Roma la prossima stagione?
Domanda che mi è stata fatta tante volte. Credo non sia un problema da discutere stasera sicuramente, ora siamo nella condizione di avere ferite sanguinanti da dovere curare e penso che non basteranno i fatidici 7 giorni per fare guarire una ferita.

ANDREAZZOLI ALLA RAI

Rifarebbe tutto?
Sì, rifarei tutto senza dubbio, ero alla ricerca di risposte dai ragazzi che mi hanno dato, hanno cercato il risultato dandosi battaglia è uscita una partita non di alto livello ma combattutissima, poi ad essere premiata è una casualità o un episodio

Modulo molto offensivo che ha prodotto poco?
Non è stata pericolosa nemmeno la Lazio, è stata una battaglia interpretata bene da entrambe nessuno voleva perdere ci siamo annullati a vicenda, non mi è piaciuta tecnicamente ma la voglia di darsi battaglia si

Il futuro di Andreazzoli?
Mi dispiace deluderla ma non penso al mio futuro, abbiamo tempo per parlare, il mio futuro è smaltire l’amarezza

Bella avventura comunque per lei alla Roma?
Senz’altro, ho avuto la fortuna di lavorare con un gruppo di calciatori che ha fatto risultati importanti, eravamo alla ricerca di una ciliegina che non abbiamo trovato

Finito tutto adesso, questa squadra secondo te è da rifondare?
Penso di sì, tutte le squadre sono migliorabili sia tecnicamente che caratterialmente, anche la Roma sarà sogetta a dei cambiamenti che sono nella logica delle cose