giovedì, dicembre 05, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Leggi la presentazione del match Guarda le pagelle Guarda le foto della partita Leggi le interviste dei protagonisti Guarda il tabellino
PRESENTAZIONE PAGELLONE COMMENTO INTERVISTE TABELLINO

da romanews.eu

BURDISSO A ROMANEWS.EU e a FOX TV
“Siamo partiti male, poli ci siamo ripresi?. Gara complicata, siamo riusciti a ribaltarla nel secondo tempo. Te punti importanti per la Champions League, ora siamo lanciati e possiamo andare avanti sperando di vincere questo trofeo’.

TOTTI dal suo SITO UFFICIALE
“Che serata e che rimonta , da 0-2 a 3-2!!! Nel primo tempo siamo partiti male, ma alla fine abbiamo ribaltato il risultato contro una grandissima squadra come il Bayern Monaco. Non possiamo nasconderci, siamo un gruppo da vertice e dobbiamo essere competitivi anche in Europa. Stasera è grazie alla voglia e alla determinazione che abbiamo regalato una gioia bellissima ai nostri tifosi. In particolare voglio salutarne uno, il mitico Fabrizio er Mortadella: oggi non ha potuto festeggiare con noi allo stadio Olimpico, ma di solito ci segue sempre col suo fisico possente, la voce inconfondibile e il suo dito portafortuna. Daje Fabrì, sei un romanista vero, noi aspettiamo il tuo ritorno”

RANIERI ALLA RAI
“I ragazzi c’hanno creduto, non si sono disuniti. la Curva ci è venuta dietro e pi siamo andati. Noi sappiamo che giocando con il rombo lasci le fasce un po’ scoperte e loro sono maestri lì. Le 4 punte? L’avevo detto: se perdiamo. O se Mirco e menez si sacrificano. Van gaal? Stasera si sarà ricreduto su Totti.”

MEXES A MEDIASET
Cos’è successo alla fine del primo tempo?
“Nulla di che, il Mister ci ha parlato, ma non servivano parole…ci serviva minimo un punto, non avevamo nulla da perdere, ma solo ritrovare il nostro livello”
Un po’ la storia di questa squadra, grande difficoltà per reagire
“Si purtroppo dovevamo rimontare, era difficilissimo, ma subito il gol di Marco su grande azione di Jeremy e poi è andato tutto da sé, è un periodo dove ci dice un po’ meglio, approfittiamone”
E’ facile dire che la Roma ha le qualità per rimontare, ma altro è farlo
“E’ proprio così, lo stiamo dimostrando da parecchio, l’importante che il gruppo ha ritrovato questo entusiasmo, era difficile rimontare, soprattutto a Roma, la conosciamo la piazza, è bellissima anche per questo, ma rimontare non è semplice e avevamo bisogno di tutti. Greco e Simplicio non se li aspettava nessuno, questa è la nostra forza, il gruppo”
Hai visto che panchina avevate?Panchina “pesante”
“Si è bellissimo, vedereuna panchina del genere, si può andare ovunque, con Francesco, Pizarro e tutti i brasiliani…tanta roba. E’ bello perché siamo tutti concentrati sull’obiettivo di vincere il più possibile, ciascuno darà il massimo per portare avanti la Roma”

PRADE’ a SKY SPORT
“Siamo felicissimi, ringrazio anche il pubblico fantastico ..”Borriello? E´ un bomber di razza. Si è subito integrato. Ma io credo tantissimo in questa rosa. Quando Totti capirà che entrando così può fare altri 10 anni?Secondo me Francesco nella testa e nel fisico ha 20 ann. Il lancio per Borriello è straordinario, come la freddezza su rigore: vuol dire che sei un grande giocatore.”

BORRIELLO A MEDIASET
Gran gol, un gol decisivo
“Sì, sicuramente un gol che ha dato la scossa a questa meravigliosa serata, importante, strano, non da me, anche di destro…Ma decisivo per la rimonta”
La Roma deve essere sul baratro per reagire?
“Si davvero un brutto primo tempo, ma non esageriamo perché la Roma arriva da tanti successi, ha espresso un buon calcio in campionato, è capitato ci sta che un tempo non riesca ad esprimersi, ma c’è stata la reazione d’orgoglio, ci siamo parlati nello spogliatoio, abbiamo cambiato modulo, Menez a destra, Vucinic a sinistra, io centrale. Li abbiamo aggrediti un po’ di più e poi la qualità si è vista”
9 gol con la Roma, sei il punto di riferimento, cosa che al Milan ti riusciva di meno. Ti senti più coinvolto, rispetto al lavoro oscuro che facevi nel Milan?
“Si mi sento più coinvolto, giochiamo più in verticale, al Milan cercavamo di sfruttare più gli esterni, giustamente con grandi campioni come Ronaldinho e Pato. Io venivo usato più per il lavoro sporco, anche se poi ho fatto 15 gol comunque, ma non avevo questa continuità di gioco, qui mi accade e sono felice”
Mentalità diversa nel secondo tempo, voglia di vincere
“Devo dire che, non personalmente, ma parlando con i compagni eravamo un po’ in debito d’ossigeno e arrivavamo sempre dopo sul pallone, molti falli, pressavamo scombinati, ognuno per i fatti suoi. Nel secondo tempo, eravamo più sciolti, forse non so dobbiamo cambiare qualcosa nel riscaldamento, con i primi freddi…era solamente un discorso fisico secondo me”
Come hai preso il fatto che, infortunato Inzaghi, si è scritto”il Milan si riprende Borriello”?
“Innanzitutto in bocca al lupo a Pippo, speriamo torni presto, per il resto, ringrazio il Milan, credo non ci sia mai stato niente di vero, è impossibile. Ringrazio il Milan per ciò che mi ha dato umanamente e professionalmente, è il passato. Il presente e il futuro sarà la Roma, sono un giocatore a tutti gli effeti della Roma, è un prestito, ma con obbligo di riscatto, quindi sono effettivamente della Roma. Quindi è impossibile un ritorno al Milan”

DE ROSSI A MEDIASET
Roma a due facce
“Si grande voglia, mentalità nel secondo tempo, ma l’approccio nel primo non è da grande squadra che vuol fare grandi cose in Champions”
Cosa vi ha detto Ranieri nell’intervallo?
“Di cominciare a correre perché li lasciavamo giocare, chiunque se lo lasci giocare diventa difficile, figuriamoci il Bayern”
Grinta, carattere dato dal tuo gol, anche da Borriello, tanti giocatori che hanno fatto la differenza
“Tanti giocatori che fanno una squadra in negativo nel primo tempo, in positivo nel secondo. Io credo di aver fatto molte partite migliori, ma voi ricorderete più questa perché ho segnato. Sono contento per la vittoria della squadra”
Ora qual’è la situazione?
“Siamo una grande squadra, quando ci accorgeremo veramente, ma veramente di essere una squadra molto forte, e che ci manca solo quel pizzico di cattiveria in più per 90 minuti, faremo male a tante squadre”
Ranieri ha detto che con questo modulo bisogna lavorare di più, che ci vuole la partecipazione di tutti, sei d’accordo?
“Penso che con qualunque modulo ci vuole la partecipazione di tutti. Nel calcio d’oggi, chiunque affronti se non corri, si fa fatica”

RANIERI IN CONFERENZA STAMPA
La vittoria di oggi dà morale?
“Si se non scenderemo in campo con presunzione a Palermo. Perchè potrebbe essere un duro risveglio. Per cui tutto questo farà bene se interpreteremo bene la prossima partita”
Ha lavorato sulla testa dei ragazzi tra primo e secondo tempo?
“No sulla testa no. Nel primo tempo correvamo male. Per cui l’importante era mettere la squadra nell’asseto più consono rispetto all’andamento della gara. I ragazzi c’erano, ho spiegato soltanto quello che dovevamo fare e in che maniera”
Nel primo tempo tutti lanci lunghi. Nel secondo la squadra ha giocato come sa giocare e la musica è cambiata
“Si sono d’accordo”
Il cambiamento tra primo e secondo tempo è venuto solo dal fatto di aver allargato Vucinic e Menez sugli esterni?
“Probabilmente si perchè i ragazzi erano in partita già nel primo tempo. Avevamo studiato come pressarli e come stare in ogni posizione del campo. Finchè non ci allungavamo noi o ce lo facevano fare loro, perchè sono molto bravi in questo possesso di palla, noi soffrivamo. Ed ecco che appena recuperavamo palla avevamo distanze troppo lunghe. Lanciavamo questa palla lunga e non riuscivamo a giocare. Così avendo dei punti di riferimento, sapendo dove stavano riuscivamo meglio nella gestione della palla. E’ diventato un 4-3-3”
La sostituzione dopo il 2-2- è cambiata?
“No, era già deciso Vucinic. Anzi non te lo dico”
Dove può arrivare questa Roma?
“Siamo in fase di lavorazione. Credo che tutti quanti stiano capendo quanto è importante la Roma. E’ una cosa nuova per la rosa della Roma. Si parla è sempre parlato: “La Rosa della Roma, la Rosa della Roma” (tono sarcastico ndr). Vedete Francesco, ha accettato la panchina e poi è entrato in campo nel momento giusto con mille intenzioni di far bene, ed è quello l’importante. Chi gioca gioca ci mette tutto. Adesso stiamo parlando in maniera positiva, perchè abbiamo vinto 3-2. Non ci vuole la zingara per capire i commenti di qualcuno alla fine del primo tempo, ma questo è il calcio e io devo accettarlo. La cosa che mi fa più piacere è come i ragazzi pensino alla Roma. L’allenatore pensa alla squadra e non al singolo pur sapendo che il singolo è una componente fondamentale ed ha bisogno del sostegno dell’ambiente, dell’allenatore, di tutti quanti. Per voi è gioco facile dire “doveva giocare Totti, doveva giocare Borriello” doveva giocare sempre quello che non giocava. I ragazzi dovranno essere bravi a non cadere in questo vostro tranello, se loro ci cadono è la fine della rosa della Roma”
Borriello, in un’ipotetica classifica degli attaccanti in che posto lo mette
“A me non piace mai fare classifiche. E’ un gran centravanti, ma questo lo sapevamo altrimenti non l’avremmo preso. Sono contento per lui principalmente e naturalmente per la Roma. Chi viene viene a Roma, trova uno spogliatoio concreto, sereno e formato da persone che vogliono fare. E questo è un vantaggio per lui. Lui poi è un ragazzo simpatico e si è subito adattato bene e credo che questo sia il valore aggiunto della Roma”
Simplicio
“E’ un jolly che serve alla Roma. Si sta ritrovando ma non è stato solo lui a cambiare il volto della Roma”
Le quattro punte sono praticabili?
“Lo dico e lo ripeto, se la Roma giocherà con quattro punte sarà solo per ribaltare un risultato e speriamo che non accada più”

PRADE’ in ZONA MISTA
‘Abbiamo ottenuto vittoria contro squadra fortissima. Sono anche contento per il ranking Uefa. Grande reazione. E’ difficile capire cosa accade nella testa dei giocatori. Loro sono stati bravissimi nel primo tempo. Ci ha dato forza il gol di Borriello, poi siamo stati trascinati, ho rivisto la stessa squadra dell’anno scorso. La partenza di quest’anno è quasi inspiegabile. Questa è una partita che dà sicurezza. Questa è una squadra completissima. Abbiamo ancora Perrotta e Taddei infortunati. Oggi abbiamo avuto 3 cambi che ti danno il cambio di marcia. La qualificazione va ancora ottenuta’

MONTALI ALLE RADIO
“E’ più bello ed emozionante così. Prova di grandissimo carattere. Nello spogliatoio continuavamo a drici “se due gol li hanno fatti loro li possiamo fare anche noi”. La squadra ha giocato con molta determinazione, volendo fortemente questo risultato. Per noi era molto importante vincere stasera, quindi complimenti alla squadra e all’allenatore per il risultato”.
Stasera una Roma a due facce, che è un po anche la fotografia della stagione. Dopo un inizio difficile, una grande ripresa
“Ora però dobbiamo dare continuità a questi risultati perchè così si vincono campionati e coppe. Così si vince e visto che abbiamo dimostrato di essere una squadra che se vuole, se scende in campo con l’atteggiamento giusto può farcela. Dobbiamo coninuare su questa squadra”
In questo momento è più forte il rammarico per il terreno perso o la consapevolezza che la Roma si è ritrovata?
Nello sport come nella vita bisogna sempre avere il coraggio di provare. Se poi uno ha la coscienza a posto non deve mai guardarsi indietro e rimpiangere nulla, perchè se noi non avessimo commesso errori in precedenza ora non avremmo capito i nostri punti deboli. Credo che in una stagione lunga certe cose debbano succedere. Nella mia vita precedente da allenatore ciò che ho vinto, ed ho sempre vinto in ogni stagione, non l’ho mai fatto andando bene dall’inizio. Sono momenti che forse devono venitre fuori. Momenti di difficoltà senza i quali non capisci i tuoi difetti e i tuoi punti deboli. Se di queste cose ne fai tesoro possono venire risultati straordinari”
Qual’è stato il momento della svolta?
“E’ stato l’inizio del secondo tempo con il gol iniziale che ci ha ridato morale perchè sotto 0-2 in casa alla fine del primo tempo non era facile. Inoltre c’era il risultato di Basilea che ci metteva con le spalle al muro. Quello è stato il momento decisivo in cui la squadra ha iniziato a giocare con il suo modulo, contro una grandissima squadra perchè non dimentichiamoci che il Bayern ha avuto un possesso palla incredibile nel primo tempo, ma Claudio assieme ai giocatori ha trovato i loro difetti nella fase difensiva. Quindi in modo chirurgico sono risuciti a trovare gli spunti. Siamo stati bravi a vincere”
Dove può arrivare questa Roma?
“Questo dipende solo da noi. Ragioniamo gara dopo gara è questa la cosa più importante. Se giochiamo sempre ogni gara come se fosse la più importante e con l’atteggiamento giusto andiamo avanti”.
Il black-out nel primo temopo lo avete capito? Le quattro punte in campo nella ripresa?
“Non è questione di black-out. Loro hanno avuto il 70% del possesso palla e con due tiri hanno fatto due gol. Il calcio è anche questo, quindi non è questione di black-out, è questione che la squadra doveva ritrovare quelle che erano le idee che l’allenatore voleva apllicare in campo e ci sono risuciti. Siamo contenti e spero lo siano anche i nostri tifosi. Nell’ultima partita non gli ho fatto i complimenti ma lo faccio stasera. Per oggi sicuramente, ma anche per l’ultima gara, per come hanno sostenuto Adriano negli ultimi venti minuti. Quando si parla del pubblco di Roma, che è straordinario, si parla anche di questo. Con il cuore e la testa per la propria squadra e i giocatori”

BORRIELLO A SKY
Uno dei gol più difficili della tua carriera?
“Non lo so , è stato stranissimo. Sicuramente è stato importante per la rimonta”
C’è più autostima ora?
“Si, molta. C’è stata una reazione d’orgoglio mostruosa. Anche il pubblico è stato incredibile, mai visto un pubblico del genere. Abbiamo alla fine portato a casa una vittoria meritata, che ci fa quasi passare il turno”
Come hai preso il passaggio dal Milan alla Roma? Bocciatura o opportunità?
“Io non penso di aver fatto male l’anno scorso, ho fatto 15 gol. Nel Milan si gioca un calcio diverso, che esalta gli esterni e io facevo il lavoro sporco e venivo penalizzato. Alla Roma mi cercano di più con tagli in verticali e vengo valorizzato di più.”

RANIERI A ROMA CHANNEL
Avevamo studiato bene questa gara. Tre centrocampisti ballavano troppo. Menez? Fa il vento. E’ giocatore splendido. E’ la fortuna di un giocatore che lo può usare dietro le punte, ma anche sulla fascia. Sono state importanti le prime azioni, poi, il pubblico ci ha soffiato dietro. Il Bayern è venuto per vincere la partita, a noi servivano i tre punti per andare avanti, ora noi dobbiamo andare umili a Cluj. Serve sacrificio. Compito dell’allenatore è mettere la qualità mantenendo un equilibrio. Pizarro? vedevo Daniele un po stanco e serviva un po’ d’equilibrio. Per il resto del Campionato questo ci servirà solo se resteremo umili. A Palermo voglio vede come andrà. Non abbiamo ancora fatto nulla però’

VAN GAAL A MEDIASET PREMIUM
Cos’è successo nel secondo tempo, dopo un primo tempo perfetto?
“Ranieri ha cambiato il modulo in un 4-3-3, ma non credo sia stato questo il problema. Abbiamo perso molti palloni, questo è stato il problema fondamentale, questo non va bene, abbiamo perso da 2 a 0 in vantaggio, ma dobbiamo pensare al primo tempo, non al secondo”

BURDISSO A SKY
Ti sei divertito oggi?
“No, ho corso tantissimo (ride ndr)”
Cos’è cambiato dal primo al secondo tempo
“Nel primo tempo eravamo sempre in ritardo. Nel secondo abbiamo cambiato mentalità e abbiamo reagito bene. Abbiamo vinto meritatamente”
Cosa ti rimane più impresso di oggi
“Vincere questa partita. Fare 3 gol in 45 minuti al Bayern non è facile e lo abbiamo fatto.”
Hai fatto dire a Mourinho “ho sbagliato ad averlo sottovalutato”
“Io ho sempre avuto un buon rapporto con lui. Volevo restare lì e mi ha detto di fare come volevo. C’è ancora un buon rapporto con lui.”

DE ROSSI A SKY
Una rimonta dal sapore epico
“Si, nel primo tempo avevamo giocato. Non sembrava una partita di quelle in cui non puoi recuperare perchè c’è troppo divario”
Con 4 attaccanti è arrivato il tuo pareggio
“Si, quando stai sotto 2-0 è più facile rischiare. Poi se il mister vuole sperimentarli dal primo minuto sono “problemi” suoi”
L’ingresso di Totti ha dato una carica in più
“Per me già dall’inizio del secondo tempo eravamo entrati in campo con un altro atteggiamento. Poi entra lui e può cambiare tutto. Basta la sua presenza.”
Dove può arrivare la Roma?
“Innanzitutto agli ottavi. Non dobbiamo pensare solo alla Roma del secondo tempo ma anche a quello del primo”
I risultati del calcio italiano sono stati positivi oggi
“Si, ma in generale siamo ancora indietro. Come mentalità, come cultura, come testa nel confrontarsi col calcio stiamo indietro anni luce. Poi io a Roma sto da Dio.”

VAN GAAL IN CONFERENZA STAMPA
“La Roma ha meritato fino ad un certo punto. Il Bayern si è smarrito ad un certo punto. Problema di concentrazione all’inizoi del secondo tempo. Totti giocatore di grande pericolosità, ma la nostra squadra era molto lunga”.
Questa sera ha torvato una Roma diversa? E perchè è così diversa dalla gara d’andata?
“In Europa è sempre così. Siamo stati noi a riportare la Roma in partita e nemmeno il secondo tempo ha giocato così bene. Forse lei ha visto un’altra partita ma la Roma ha segnato su tre contropiede”
Che giocatore della Roma porterebbe nel Bayern?
“Penso che Vucinic oggi abbia giocato una partita molto buona”
Totti?
“Totti sicuramente è un grande giocatore e se le linee di centrocampo e difesa non sono chiuse è ovvio che lui diventa molto pericoloso, sopratutto per il suo passaggio filtrante. La squadra era troppo lunga e poco chiusa”

DE ROSSI IN ZONA MISTA
Una Roma compeltamente diversa tra primo e secondo tempo
“Una voglia diversa. Loro ci hanno dato la scossa. Due squadre diverse. Il primo tempo è quella delle prime partite, nel secondo quella attuale. Dobbiamo cercare di fare 90 minuti, non dico come il secondo tempo perchè abbiamo corso come dei matti, ma trovando un equilibrio.
La dedica a Pizarro?
“E’ un mio amico con il quale ho condiviso e continuerò a condividere anni bellissime. Per quello l’ho abbracciato”.
Ranieri aveva detto che le quattro punte si sarebbero viste solo iin caso di svantaggio. Questo modulo si può applicare dal primo minuto?
“Questo lo dovete chiedere a Ranieri nella prossima conferenza stampa. Ma ha fatto quello che ha promesso”.
Il gol?
Stavo li, è stata una bella azione e una bella palla l’ho solo appoggiata. Sono contento”.
Van Gaal aveva parlato di una Roma difensivista
“Van Gaal aveva i ricordi di Monaco e non si poteva dargli torto. Dipendeva da noi e anche da loro che sono un ottima squadra e può metterti in difficoltà in ogni istante”

RANIERI A SKY
Secondo tempo straordinario. Questa partita entra nella storia della Roma?
“Se l’ha detto il presidente allora è vero. Volevamo fare tre punti, ma nel primo tempo abbiamo sofferto. Poi insieme anche al pubblico siamo rivenuti fuori e abbiamo lottato. Una grande soddisfazione”
La gestione è stata ottima
“Si, ma volevo sapere i giudizi alla fine del primo tempo.”
Totti è entrato e ha deciso
“Si, veniva da due partite intere e l’ho fatto recuperare. Lui sà che conto su di lui, non era dispiaciuto perchè sà che io scelgo per il bene della squadra; è entrato in campo e ha dato il suo apporto.”
Il possesso di palla del Bayern Monaco vi ha ipnotizzato
“No, ci ha fatto correre tanto.”
Nel secondo tempo hai fatto aggiustamenti tattici o psicologici?
“Non lo so, anche nel primo tempo avevamo giocato bene. Dovevamo pressarli bene e coprire sulle fasce. Nel primo tempo eravamo lunghi e facevamo la fine del topo giravamo e giravamo ma non trovavamo il bandolo della matassa. Poi abbiamo cambiato marcia e dopo le prime due-tre azioni il pubblico ha iniziato a crederci e ad esaltarci.”
Ora con il Cluj bisogna fare un altro punto
“Si, noi vogliamo entrare negli ottavi. Non li abbiamo ancora conquistati. Andiamo lì con umiltà. Vogliamo gli ottavi, sono importantissimi”
Una reazione così contro una grande squadra
“Si, gli schiaffi di inizio anno ci hanno fatto capire che dovevamo iniziare un nuovo campionato. A Brescia avevo detto che li sentivo di nuovo. E da lì siamo ripartiti.”

RANIERI A MEDIASET PREMIUM
Complimenti per l’impresa
“Si, partita difficilissima, primo tempo trovavano sempre l’uomo libero e abbiamo sofferto molto”
Un po’ la fotocopia della stagione della Roma. Grandi individualità, Menez e Borriello su tutti
“E’ la squadra il valore aggiunto, hanno voluto lottare fino in fondo, non si sono arresi, grazie al pubblico…questa è la Roma, che non ci sta a perdere e vuol dimostrare che vuole andare avanti”
Totti così impiegato è stato molto importante. Può essere una soluzione anche per il futuro?
“Quando lo facciamo gli esterni devono lavorare molto, solo così si può pensare ad un modulo in questa maniera, Vucinic a sinistra e Menez a destra devono lavorare se vogliamo fare questo modulo, dipende dalla loro disponibilità. Nelprimo tempo eravamo lunghi perché loro non riuscivano a rientrare. Abbiamo sofferto. Nel secondo ho cambiato apposta, allargando Mirko a sinistra e Menez a destra e li abbiamo potuti pressare meglio”
Difficile per una squadra italiana giocare 90 min come voi nel secondo tempo aggredendo e essendo più compatti?
“Non credo perché abbiamo corso anche nel primo tempo, solo che col rombo o li chiudevamo su una fascia o se no ti facevano girare perché sono molto bravi, tedeschi, ma con allenatore olandese, giocano così, finchè li pressavamo alti ancdava bene, come ci allungavamo, i 3 centrali di centrocampo dovevano correre e eravamo in inferiorità numerica, con Menez a destra e Vucinic a sinistra abbiamo coperto meglio il campo”
A Cluj basterà un pareggio per qualificarsi, non con 4 attaccanti dall’inizio…
“Sto già pensando alla partita di domenica sera col Palermo che sarà una gran bella partita”
Periodo positivo, ma primo tempo nelle mani del Bayern, nel secondo la Roma ha sovvertito i pronostici. Può essere la svolta della stagione?
“Aver battuto i vice campioni d’Europa è una grande iniezione di fiducia, ma dobbiamo procedere giorno dopo giorno, senza montarci la testa, con umiltà, l’entusiasmo è uguale allosconforto, dobbiamo essere molto tranquilli”
Fiducia che deve spaventare anche chi vi è 7 punti avanti in classifica?(Allegri ascolta)
“Mah…se si fermano noi li prendiamo(ride ndr), dipende da loro, noi vogliamo rientrare in corsa, è poco ma sicuro, lottare fino in fondo fino all’ultima giornata”

TOTTI A MEDIASET PREMIUM
Partiti male, ma alla fine ce l’avete fatta
“Si, non eravamo partiti come volevamo, sotto di 2 gol era difficilissima, di fronte avevamo una grande squadra che voleva vincere, ma con la determinazione e la voglia di una grande squadra abbiamo ribaltato il risultato”
Un po’ la fotocopia della stagione della Roma…ma ipoteca sulla qualificazione
“Si non possiamo più nasconderci, siamo una squadra da vertice, dobbiamo essere competitivi anche in Europa perciò speriamo di dimostrarlo”
Sotto la pioggia sei entrato e hai fatto il gol della vittoria
“E’ bellissimo perché era tanto che non facevo un gol decisivo, me lo tengo stretto e sono contento per la Roma”

ROSELLA SENSI ALLE RADIO
“Quanto vuol dire questa vittoria?
“Tanto tantissimo. Anche questa partita rappresenterà una delle pagine più belle della storia della Roma perchè fare tre gol al Bayern…Sarà una serata che ricorderemo tutti noi tifosi. Una forza di carattere, una concentrazione, una capacità di replicare non da tutti. ”
Totti? Lo criticano ma alla fine entra lui e si vince
“Ho un dubbio su chi lo critica. E’ sempre importante come nessuno in questa squadra per tanti motivi. Ma non gioca da solo, in questa squadra ci sono tanti campioni importanti. Un grazie va a tutta la squadra”
Dopo il 2-0 credeva in una vittoria?
“Sul 2-0 ci speravo più che crederci. La Roma però ci ha abituato a vedere delle cose bellissime. Sul 3-2 è stata una sensazione davvero piacevolissima. Credevo più al pareggio che alla vittoria per cui è stato bellissimo. Stasera c’è da essere molto contenti e da domani torniamo con i piedi per terra e pensiamo alla partita di domenica”.
Le scelte di Ranieri
Credo che il mister faccia sempre scelte oculate. Oggi ha risposto al dubbio delle quattro punte”