domenica, dicembre 16, 2018 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Ieri si doveva andare a chiudere una leggenda. Come chiudere tutto in un contenitore troppo piccolo. Trasformare il sentimento in cronaca e l’Araba Fenice in un falò da spiaggia. Non era un compito facile, non ostante ci si fosse preparati a lungo ma a malincuore, rimandando di giorno in giorno come studenti riottosi e lazzaroni. Poi i giorni arrivano, le scadenze arrivano, gli esami arrivano, i conti arrivano, i presidenti arrivano (vedere il nostro è già un evento in se), gli avversari arrivano, arrivano i nemici, i falsi amici, le anime candide, i coccodrilli neri. Arrivano tutti.

Arrivano i tifosi, quelli che ci sono sempre stati, i tottisti, curioso neologismo creato per dividere minuziosamente il Padre dal Figlio e dallo Spirito Santo (la gemmazione il nostro sport preferito), gli occasionali, i cesaroni, i selfisti e quelli che vogliono esserci adesso o mai più, raggiungendo il Tempio dai quattro angoli dell’orbe terracqueo.

Continua >>

copertinacdr-nontilasceremomai

Guarda il tabellino Leggi le interviste dei protagonisti Leggi il nostro commento alla partita Guarda le foto della partita
TABELLINO INTERVISTE COMMENTO FOTO

SPALLETTI A MEDIASET

Quando alleni una squadra come la Roma devi pensare all’obiettivo della vittoria sempre e a volte il secondo posto, da parte di qualcuno, non è accettabile, ma questo secondo posto è un grande traguardo. Questo traguardo ce lo siamo dovuti andare a prendere e, oggi in particolare, la squadra ha meriti infiniti per come si è sviluppata la partita. Dobbiamo fare i complimenti al Genoa, perché ha giocato una grande partita, e ai nostri giocatori che hanno portato a casa un risultato eccezionale.
Continua >>