domenica, dicembre 16, 2018 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORI: nel pt 8′ Mancini, 18′ Gilardino, 23′ Perrotta; nel st 1′ Pizarro.

ROMA (4-2-3-1): Curci, Panucci, Chivu, Ferrari (33′ st Cassetti), Tonetto, De Rossi, Pizarro, Taddei, Perrotta (43′ st Faty), Mancini (40′ st Wilhelmsson), Totti. (32 Doni, 28 Rosi, 17 Tavano, 23 Vucinic). All.: Spalletti.
MILAN (4-4-1-1): Dida, Bonera, Costacurta (1′ st Oddo), Simic, Jankulovski, Cafu, Seedorf, Pirlo (15′ st Gattuso), Ambrosini (21′ st Inzaghi), Kakà, Gilardino. (26 Storari, 3 Maldini, 24 Grimi, 20 Gourcuff). All.: Ancelotti.

ARBITRO: Rizzoli di Bologna.
NOTE: angoli: 8-3 per il Milan. Recupero: 2′ e 4′. Ammoniti: Costacurta per proteste. Spettatori: 40.000. Continua >>

MARCATORE: Vucinic al 17′ s.t.

ROMA (4-2-3-1): Doni; Cassetti (28′ s.t. Panucci), Ferrari, Chivu, Tonetto; De Rossi, Pizarro; Taddei, Perrotta, Mancini (13′ s.t. Tavano); Vucinic (35′ s.t. Faty). (Curci, Mexes, Rosi, Wilhelmsson). All. Spalletti.
SIENA (4-3-1-2): Manninger; Bertotto, Rinaudo, Portanova, Molinaro; Antonini, Codrea (30′ s.t. Alberto), Vergassola; Cozza (13′ s.t. Locatelli); Corvia (23′ s.t. Chiesa), Frick. (Benussi, Negro, Gastaldello, Brevi). All. Beretta.

ARBITRO: Giannoccaro di Lecce.
NOTE: spettatori 32 mila circa. Espulso al 46′ s.t. Locatelli (S) per condotta violenta. Ammoniti Portanova, Vucinic, Rinaudo, Panucci. Recupero 0′ p.t., 4′ s.t. Continua >>

Qualche anno fa, diciamo così perché ci spaventa pensare che ne siano passati più di venti, un filmetto di John Badham intitolato War Games basava tutta la sua trama sull’inutilità di giocare questo gioco perché alla fine non c’è nessuno che possa vincere, almeno che l’altro non sbagli.
Il Tic Tac Toe infatti non è che il nome anglosassone di quello che da noi si chiama Tris o Filetto, gioco che consiste nell’allineare tre simboli uguali, in una matrice tre per tre, e che ineluttabilmente finisce in pareggio, se non interviene una topica di uno dei due contendenti. Continua >>

Basta con la Coppa Italia alle 21 d’inverno! Problemi per gli stadi? Tutt’altro.
Problemi di digestione.
Dopo aver cercato di dribblare tutti i guai giornalieri, dopo esserci attozzati quella minestruccia e quella fettinuccia infame (se Della Valle venisse a casa nostra smetterebbe de annasse a fa i pezzi delle scarpe in Cina), non è sopportabile per nessun romanista che dopo venti minuti si stia già sotto di due. A Milano poi…
Attaccati a canna alla boccia del Borghetti confortante, fortunatamente c’ha pensato San Didone nostro a sgorgare il chilo. Continua >>