giovedì, novembre 15, 2018 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Guarda il tabellino Leggi le interviste dei protagonisti Leggi il nostro commento alla partita Guarda le foto della partita
TABELLINO INTERVISTE COMMENTO FOTO

DI FRANCESCO A MEDIASET

Non è stata la Roma che si immaginava
Invece sì: più del 70% di possesso palla e tanti crossquando tiri quasi 30 volte in porta… E’ mancato solo il gol. Non si valuta solo il risultato. Non c’è stata partita per le dinamiche della gara. Poca cattiveria sotto porta, ma mi aspettavo questa Roma, abbiamo dominato.

Squadra nervosa per l’arbitraggio?
Non ci dobbiamo cadere, ci sono stati falli di troppo e cartellini in meno, ma non ci dobbiamo cadere.

Nel primo tempo non avevate la stessa determinazione del secondo… 
I dati in realtà mi dicono altro. Nel primo tempo abbiamo avuto ottime occasioni con Gerson e Kolarov. La partita era questa, io lo sapevo. Meritavamo il gol, ma non l’abbiamo fatto per colpa nostra.

Soprattutto c’è stata poca cattiveria soprattutto sui cross. Schick e Dzeko arrivavano poco convinti
Ci dobbiamo lavorare, dovevamo riempire meglio l’area. In quelle situazioni bisogna ‘battezzare’ un posto, se lo facevamo con maggiore convinzione… Per un po’ di ritardo non siamo arrivati al gol, ma meritavamo la vittoria. Sono felice di aver creato tanto, meno per aver concretizzato poco.

Ottava partita senza subire gol, ma solo 27 centri in stagione. Dipende tutto da Dzeko o c’è altro?
Non ci possiamo aspettare i gol solo da Edin. Sono felice di concedere poco agli avversari, cercando di giocare sempre alti e aggressivi.

Schick al ritorno in campo da titolare come prima punta, ruolo definitivo?
Può giocare anche esterno e oggi ha fatto entrambe le cose.

Ancora convinto che la Roma può lottare per lo scudetto?
La Roma deve crescere e fare punti, stiamo rincorrendo e non siamo i favoriti, ma abbiamo mezzi e qualità. Giochiamo sempre per i 3 punti, peccato non siano arrivati oggi.

La Champions, chi vorrebbe pescare o evitare?
Non mi interessa parlarne, la mia testa era solo al Chievo. Se arriverà il Real Madrid, pazienza. Ogni squadra che troveremo avrà qualità importanti.

Le parole di Monchi sul suo rinnovo?
Non ne abbiamo nemmeno parlato, assolutamente. Condivido le parole del direttore, ho fatto un contratto con una stretta di mano, come con il Sassuolo. Vivo ancora di queste cose. Spero di incontrare sempre persone oneste nel mio cammino, come fatto finora, sono stato fortunato in questo.

DI FRANCESCO A SKY SPORT

Due punti che pesano tantissimo in questo campionato. Un tempo non si può regalare, ma nel secondo vi ha fermato solo la causalità
Credo che anche i dati del primo tempo dicano che abbiamo dominato, con l’occasione clamorosa di Gerson ed altre occasioni. Siamo stati poco cattivi e determinati come anche nel secondo tempo. Ogni squadra non può pensare di fare 90 minuti perfetti, non abbiamo concesso quasi nulla al Chievo e li abbiamo tenuti nella loro metà campo, concedendo solo poche ripartenze. Se c’è una squadra che meritava i 3 punti eravamo noi, peccato, perché è solo per colpa nostra che non abbiamo vinto.

Tanti cross da Kolarov e Peres, ma manca determinazione nell’attaccare gli spazi sulle occasioni?
Devo dire che siamo anche arrivati ad occupare l’area. Quando si va a chiudere un’occasione da gol o un cross, bisogna battezzare un posto e non andare tutti nello stesso posto, dobbiamo distribuirci meglio e stiamo lavorando, per quello ho tenuto Schick ancora in campo, per cercare di coprire l’area con maggiore fisicità.

Si aspettava un calo rispetto al successo in Champions League, magari di testa? Monchi aveva mostrato qualche timore
Me l’aspettavo, ma, se valutiamo la prestazione, devi solo fare gol, poi ci sta, perché ho cambiato 5 giocatori e ho messo freschezza rispetto alla partita col Qarabag. Non siamo stati bravi a concretizzare e questo fatto ce lo portiamo dall’inizio del campionato, perché siamo la miglior difesa, ma davanti possiamo fare meglio.

La partita di Schick?
Mi è piaciuta, ha retto 90 minuti, ha grandi qualità, si è mosso bene, poteva essere più determinato e calciare con più immediatezza in alcune occasioni, ma ha fatto una buona gara nel complesso.

DI FRANCESCO A ROMA TV

Cosa pensa della gara?
Che abbiamo perso due punti, abbiamo dominato per lunghi tratti, siamo mancati negli ultimi 16 metri nel concretizzare. E’ ciò che ci capita ultimamente: creiamo molto, ma non concludiamo.

26 tiri in porta…
Oltre la bravura del portiere, devi far gol se vuoi ambire a qualcosa di più. Dobbiamo crescere e lavorare ancora, la squadra c’è, ma a tu per tu col portiere si deve segnare. Succede, ma avendo creato così tanto è davvero un peccato. Abbiamo fatto una buona gara, ma manca ancora qualcosa per diventare una grande squadra. Quando crei così tanto, devi segnare

Cosa manca?
Le partite vinte magari 3-0 potevano finire anche con punteggi più alti, e altri giocatori avrebbero fatto gol. Fare gol significa migliorare a livello psicologico, fare gol aiuta, noi a volte siamo poco convinti a entrare con molti uomini in area. Nel riempire l’area non ci muoviamo ancora troppo bene

Come si insegna la cattiveria?
Loro lo hanno capito, hanno affrontato bene la gara mentalmente. La cattiveria va allenata, le cose vanno fatte, vorrei una maggior copertura della porta, che va attaccata bene. Oggi la prestazione mi è piaciuta, i numeri lo dimostrano, ma sotto porta serve il gol

L’arbitraggio?
No, pensiamo che ci rifaremo, bisogna essere positivi.

Schick?
Ha fatto una buona gara.

DI FRANCESCO a RAI SPORT

Il problema nella FICG? La colpa è anche nostra, perché siamo stati poco presenti nelle riunioni. Non bisogna scaricare tutte le colpe su Ulivieri, siamo stati poco presenti anche noi allenatori. Tommasi penso sia la persona più indicata per poter assolvere questo compito. Nella FIGC è stata riconosciuta da tutti la sua limpidezza. Ci vuole competenza in quello che si fa e Damiano credo ce l’abbia. Ha un vissuto, inoltre, che aiuta a capire certe dinamiche. Il calcio è anche politica. Oggi voterei lui sicuramente. Mi auguro possano valere le sue qualità.

DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA

Due punti persi, 26 tiri in porta. Nulla da rimproverare per la prestazione
Sicuramente, per i dati che ha già detto, abbiamo creato tanto, ma non siamo stati bravi a segnare. Se andiamo a vedere la gara, abbiamo dominato e rischiato solo in qualche ripartenza. La squadra mi è piaciuta, dovevamo essere più determinati in area di rigore.

13 calci d’angolo, ma si fatica a fare gol da corner.
Ci stiamo lavorando, ma dobbiamo essere determinati. I corner e i tanti cross indicano che c’è da lavorare molto nel riempire l’area di rigore.

Si aspettava un Gonalons più incisivo?
Ha fatto la partita che doveva fare, ha lavorato bene e fatto un’ottima fase difensiva, andando anche vicino al gol. E’ un giocatore che dà equilibrio.

In campionato Dzeko fatica a segnare, è diventato un problema?
Ma ha segnato con la Spal… Dzeko è una risorsa, i gol arriveranno. Non c’è solo lui che deve segnare. L’attaccante deve fare più gol, ma ce li aspettiamo anche dagli altri.

Il Chievo, cosa l’ha impressionata?
Loro giustamente si sono difesi bene, cercando meno il fraseggi, ma più la verticalità. Sono arrivati tante volte in fuorigioco, poi sono bravi sulle seconde palle e sono una squadra fisica. Ma, se tiri quasi 30 volte in porta e Sorrentino para tutto… Purtroppo il risultato sposta troppo.

SCHICK A SKY SPORT

La prima da titolare la sognavi in maniera diversa? Tu come ti sei sentito?
Mi sono trovato bene, ho giocato 90 minuti dopo tanto tempo e per questo sono contento, ma ho ancora bisogno di tempo e di lavorare per sentirmi bene. Siamo delusi per il pareggio.

Cosa vi è mancato?
Abbiamo avuto tante occasioni per fare gol, ma è ci è sempre mancato poco. Peccato!

Hai giocato in due ruoli. Dove ti sei trovato meglio?
Non è un problema questo, posso giocare punta, ma anche esterno. Quando gioco esterno inizio a destra, ma finisco come punta quando si conclude l’azione.

Oggi è un’occasione persa?
Sì perché, se avessimo vinto, avremmo solo 3 punti di ritardo dall’Inter.

SCHICK IN MIXED ZONE

26 tiri, ma zero gol
Abbiamo avuto tante opportunità, peccato perché è mancato poco.

Dove ti sei trovato meglio?
Su questo non c’è problema per me, posso giocare punta o esterno, mi sono sentito bene anche lì.

Come ti sei trovato?
Bene, ho giocato dopo tanto tempo 90 minuti. Sono contento per questo.

Calo mentale dopo la qualificazione?
Abbiamo preparato bene la partita, ma purtroppo non abbiamo fatto gol.

SCHICK A ROMA TV

Complimenti per l’esordio, è mancata la vittoria…
Mi sono trovato bene, ho giocato 90′ dopo molto tempo e sono contento per questo, ma sono deluso per il pareggio.

Come mai?
Abbiamo avuto molte occasioni, ma è sempre mancato qualcosa. Peccato!

Come ti sei trovato da prima punta?
Nel primo tempo ho fatto la punta, poi l’esterno, ma è molto simile. Da esterno ho più la palla, ma da esterno inizio a destra e poi mi accentro, quindi è lo stesso.

A destra ti trovi meglio?
Quando gioco esterno ho più possibilità di andare dentro verso la porta, ma anche di fare più passaggi.

FAZIO A SKY SPORT

Occasione persa?
Oggi era una grande occasione per vincere. Abbiamo lavorato bene in difesa. Sapevamo di avere pressione, abbiamo creato tanto, ma non siamo stati fortunati nel trovare il gol, è stato molto bravo Sorrentino. Abbiamo fatto una grande gara, peccato per i 3 punti. Ma nulla è finito, continuiamo a lavorare e pensiamo a vincere in casa contro il Cagliari.

Può essere un vantaggio ora non avere la Champions?
Siamo molto contenti del girone, ore però pensiamo al campionato, anche alla Coppa Italia. Importante vincere con il Cagliari, ci sono ancora tanti punti in gioco, poi lo scontro diretto. Lavoriamo e pensiamo alla prossima gara.

Partita sfortunata…
Oggi abbiamo creato tanto e sapevamo che dovevamo essere pronti in difesa. Eravamo convinti del gol nelle azioni da noi create, ci è mancata la fortuna e il portiere è stato eccezionale. Nulla è finito, dobbiamo lavorare, mancano tante partite a dobbiamo pensare a quella di sabato.

Due punti persi…
La cosa buona è che ieri Inter e Juve non hanno preso punti, vediamo che farà il Napoli. Abbiamo una gara in meno, dobbiamo continuare a lavorare, oggi abbiamo fatto una grande gara, con tante occasioni. Adesso pensiamo al Cagliari.

Perché davanti non si realizzano le occasioni?
Penso che in attacco abbiamo creato tanto, non abbiamo avuto fortuna nel sbloccare la gara, abbiamo avuto occasioni evidenti per segnare, Sorrentino è stato bravissimo. Era una gara da vincere, ma nulla è finito, la squadra vuole ancora lavorare per crescere nelle prossime gare.

E’ stata paura di vincere o solo un caso?
Non paura. In altre gare, quando c’era da vincere, lo abbiamo fatto come la scorsa settimana con la SPAL, approfittando di Napoli-Juve. Abbiamo vinto tante gare in trasferta, siamo stati sfortunati con il Genoa e oggi che abbiamo avuto tante occasioni. Pensiamo alla prossima gara, che è la più importante.

La Roma cosa avrebbe potuto fare di più oggi?
La squadra ha sempre voglia di lavorare, non abbiamo preso gol, abbiamo giocato nella loro metà campo per tutta la gara. Se avessimo sfruttato le occasioni, sarebbe finita 0-1 o anche di più. Ora però dobbiamo solo pensare al Cagliari, non siamo distanti dalle altre squadre, dobbiamo solo continuare a lavorare.

FAZIO IN MIXED ZONE

Alla Roma manca sempre qualcosa per fare quel passo in più…
E’ mancato il gol, Sorrentino è stato bravo, abbiamo creato occasioni, ma alla fine non abbiamo avuto la fortuna di sbloccare la partita. Dobbiamo continuare a lavorare, mancano tante partite, compreso lo scontro diretto con chi ci sta davanti.

Cosa manca alla Roma per vincere queste partite?
Penso che abbiamo vinto 12-13 partite in trasferta di fila e non ci è mancato niente. Abbiamo avuto la sfortuna di un rigore contro il Genoa, oggi abbiamo creato tanto, dobbiamo lavorare e continuare ad avere fiducia.

Cosa vi ha detto Di Francesco?
Parliamo sempre, non solo oggi. Parliamo dell’avversario, di noi…

Si è arrabbiato, è successo qualcosa?
No, non è successo niente. Continuiamo a lavorare, sapevamo che le occasioni sarebbero arrivate, ma è stato bravo il portiere.

(da laroma24.it)