martedì, ottobre 22, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Guarda il tabellino Leggi le interviste dei protagonisti Leggi il nostro commento alla partita Guarda le foto della partita
TABELLINO INTERVISTE COMMENTO FOTO

SABATINI A ROMA CHANNEL

Questo stato d‘animo mancava un po’ a tutti.
Forse non fa male ogni tanto scivolare per riprendere un percorso. Rendo onore alla Roma, in un pomeriggio triste dobbiamo riconoscere le qualità della squadra e dell’allenatore. Oggi c’è stato un corto circuito e ci dispiace per i tifosi, ma è un punto di ripartenza. Vogliamo fare bene contro la Juventus

Roma che in questa stagione ha sbagliato poco, ci sta una partita cosi’?
L’ho detto, è stato un corto circuito, ma è anche un parametro per capire quanto di buono è stato fatto dalla squadra. Dopo mesi di partite combattute e vinte ci sta che la squadra vada in campo un po’ scarica, per questo gli va riconosciuto quello che merita

Il più grande rimpianto? Cosa le è piaciuto di più?
Mi è piaciuta la coesione del gruppo e l’empatia con l’allenatore, ci mancano ancora altre partite e abbiamo obiettivi da perseguire. Non sono rammaricato, considero fisiologici certi risultati. La squadra non ha mai smarrito il suo percorso. Accetto tutto, anche la sconfitta di oggi. Conclamata la vittoria dello scudetto, c’è stata la resa. I ragazzi non sono stati al massimo dell’attenzione come sempre.

Florenzi diceva che siete gia pronti per la Champions
Alcune caratteristiche del nostro gioco si avvicinano allo standard europeo che viene evocato spesso. Dobbiamo arrivare a 90 punti, tanti punti faremo quanto la nostra posizione sarà solida. Dobbiamo ripartire subito

La sfida con la Juve?
Saranno onorati i crismi della sportività, ma non sarà un’amichevole. I ragazzi ci tengono a dimostrare che non c’è questo divario con la Juve

SABATINI A RAI SPORT

Come ha visto le partite stanno passando in secondo piano, un commento su quanto accaduto ieri?
Il mio non può differire da quello che avranno espresso in molti: un disagio incredibile. Lo stadio di molti è diventato di pochi, moltissime persone ostaggio di pochi.

La partita contro la Juventus solitamente ha tante tensioni, cosa ci dobbiamo aspettare?
Ci dobbiamo aspettare una grande partita perché lo sarà sicuramente. I nostri tifosi hanno vissuto una grande stagione e io sono venuto qui per onorarla, non è una partita a rovinarla. Domenica ci presenteremo, come la Juventus, nella miglior maniera possibile

Siete a 8 punti dalla Juventus, quanti colpi servirebbero per colmare il gap?
Prima della fine del campionato sono certo che la Roma dovrà forgiare un’idea di se stessa, di forza e potenzialità. Su questa idea incrementeremo l’organico, per essere competitivi come quest’anno, scegliendo insieme al mister

SABATINI IN MIX ZONE

Le modalità del risultato di oggi…
Non ci dobbiamo abituare, oggi siamo arrivati con infortunati e squalificati, in una situazione precaria. Però ora voglio parlare dei ragazzi e dell’allenatore che hanno fatto una stagione straordinaria. Una scivolata va capita e vanno capite le motivazioni. Fino a ieri pensavamo di poter concorrere a qualcosa di straordinario, lo faremo l’anno prossimo.

La differenza l’hanno fatta le motivazioni…
Loro avevano motivazioni straordinarie, ma anche noi dovremmo averne quando giochiamo le partite. Non serve sempre un obiettivo per giocare e vincere. Questo risultato brutto è accettabile, perché viene dopo dieci mesi di sacrifici. Oggi voglio rendere onore a questa squadra.

Se oggi sono mancate, le motivazioni domenica prossima ci saranno sicuramente…
Chiarisco, non è che sono mancate, ma magari non era sufficienti per affrontare questa partita. L’allenatore ha dovuto fare delle scelte che probabilmente in condizioni normali sarebbero state diverse.

Come si migliora questa Roma e dova va migliorata?
Intanto la Roma deve definire un’idea di sé stessa e l’ha fatto per un anno intero. Un’idea di forza, di potenza, di competere sempre ogni domenica. Integreremo l’organico per quello che ci dirà l’allenatore. L’importante che lo zoccolo di questa squadra sia forte fin da ora perché il campionato prossimo si sta giocando e si giocherà domenica prossima.

GARCIA ALLA RAI

Un giudizio su quanto accaduto ieri all’Olimpico? Ha seguito le vicende? Cosa ne pensa da allenatore che viene dall’estero?
Sono cose che dobbiamo risolvere perché non possono accadere vicino a uno stadio nè dentro. Ci sono state brutte cose fuori ma non mi è piaciuta nemmeno l’invasione di campo a fine gara. Domenica prossima ci sarà una bella partita contro la Juventus e mi aspetterò atteggiamenti di Fair Play e una bella festa per il calcio italiano.

Il calcio è vittima o ha delle colpe per i suoi rapporti con i tifosi?
Non lo so, ci sono dirigenti che hanno responsabilità di dirigere queste cose. Sto in Italia da poco tempo, quello che posso dire è che il calcio deve essere sempre una festa e che le persone devono venire allo stadio con i bambini. Qualche paese, come l’inghilterra è riuscito in questo, c’è sempre un buon esempio da seguire-

La migliore difesa contro il peggiore attacco ma hanno vinto 4-1. Avete sciolto le righe?
Abbiamo sbagliato tutto, i giocatori e l’allenatore. Può succedere di perdere ma non così. Adesso mi aspetto una risposta domenica prossima della mia squadra

Stringerà la mano a Conte domenica prossima?
Voi avete una domanda differente, perché Sky e Mediaset hanno fatto la stessa domanda in modo differente. Vorrei parlare soprattutto di calcio.

Ce la dà la risposta? Altrimenti ci rimaniamo male
Io vorrei parlare di calcio, di partite. Mi piace il campo e stasera non abbiamo fatto bene. Sulla partita di domenica prossima posso dire che l’allenatore sarà motivato non solo per vincere contro la Juve, ma per fare bene. Dobbiamo prepararci per la prossima stagione, per fare bene l’anno prossimo. Non avremo squalificati o infortunati per la prossima partita e questa è una cosa buona.

Mister come se la spiega questa partita e il suo approccio un po’ imbarazzante?
Prima di tutto complimenti al Catania perché si è vista la differenza di motivazione. Se non c’è è difficile vincere una partita in Serie A. I miei giocatori ad inizio gara volevano vincere, ma abbiamo lasciato il nostro gioco negli spogliatoi prima della gara, non ci muovevamo ed è difficile riuscirci così. La colpa è di tutti, anche dell’allenatore.

GARCIA IN CONFERENZA STAMPA

Si aspettava una prestazione così volitiva e determinata del Catania?
Si, loro si giocavano la salvezza e hanno dato tutto, alla fine hanno raccolto il giusto. Noi abbiamo fatto tanti errori, abbiamo preso due contropiedi nel primo tempo. L’unica cosa positiva è stata non aver infortunati e squalificati per la settimana prossima.

Perché Gervinho fuori?
Ho fatto in modo di mettere la migliore squadra, 3 diffidati erano in campo e volevo vincere. Ho fatto uscire Castan per non rischiare, in un momento ho pensato più alla prossima gara ma puntavo a vincere. Ora dobbiamo tornare subito a un atteggiamento più positivo.

Cosa vorrebbe dire una vittoria contro la Juve?
Sarebbe soprattutto dimostrare che possiamo rispondere dopo un momento negativo (e non è successo molte volte in questa stagione, viste le vittorie), che il gruppo ha carattere. Mi aspetto soprattutto una bella festa, che ci sia fair play. Faremo di tutto per ringraziare i tifosi. Speriamo di fare il nostro gioco, che oggi è rimasto negli spogliatoi. Ieri ho ascoltato e sentito di tutto, era difficile fare una festa ieri, non so se c’era qualcosa che ha avuto a che vedere con il calcio. E quell’invasione di campo con il Cagliari ha poco a che vedere con i festeggiamenti di un trofeo.

GARCIA A ROMA CHANNEL

Il problema di oggi è che il nostro gioco è rimasto negli spogliatoi e si è vista la differenza di motivazioni. Abbiamo sbagliato tutti, ora mi aspetto una risposta sul campo

Ha messo in campo la miglior formazione possibile, con 3 diffidati in campo.
Volevo fare in modo di allungare la striscia, non è successo. Anche io forse ho sbagliato, ho pensato più a domenica prossima, non volevo vedere Castan infortunato. Speriamo di vedere domenica una Roma bella in campo, anche per ringraziare i tifosi.

Anche per dimostrare che il divario con la Juve non è questo?
Mancano due partite, per preparare bene la prossima stagione dobbiamo finire bene questa. Il gruppo ha sempre mostrato un atteggiamento positivo.

La sua battuta sul campionato chiuso?
L’unica cosa che non ho sbagliato questo weekend, è qualcosa che si è avverato. Forse non ha aiutato la squadra, ma dovevamo comunque essere all’altezza della nostra stagione e non lo siamo stati.

Benatia?
Era importante che tornasse in campo, meglio avere lui e Toloi domenica tutti insieme. La cosa positiva di stasera è che non abbiamo nè squalificati nè infortunati.

GARCIA A MEDIASET

Non è che ieri le sue dichiarazioni hanno fatto staccare la spina ai suoi?
Può essere, ma non è normale, sul campo dovevamo avere un atteggiamento differente, io e i giocatori, non mi aspettavo una Roma così, con molte meno motivazioni del Catania, complimenti a loro che hanno fatto di tutto per credere nella salvezza.

Domenica c’è la Juve…
Mi aspetto una risposta sul campo, è sempre venuta questa risposta quando abbiamo avuto un momento difficile, non è accaduto spesso in questa stagione che è straordinaria, siamo tutti delusi, dobbiamo fare in modo di fare una bella festa e di vincere domenica, per ringraziare i nostri tifosi e preparare la prossima stagione.

Le contendenti del Catania possono lamentarsi con voi?
Avevamo tre diffidati in campo, quindi abbiamo messo i migliori in campo, può succedere questo.

Chiellini ha detto che verranno a Roma in gita…
Approfitto di questa cosa per dire che mi aspetto una bella festa, con un fairplay importante, ieri abbiamo visto una brutta cosa, speriamo che i tifosi festeggino questa bella stagione e la Champions.

Le vicende di ieri sera l’hanno fatta riflettere?
Non cambia nulla sul fatto di essere qui, è un orgoglio lavorare in Italia, ieri è successo una brutta cosa, non possono succedere queste cose fuori dallo stadio, non capisco poi l’invasione di campo, meglio festeggiare sulla tribuna.

Sei già preoccupato per la prossima stagione?

Sì, dobbiamo fare in modo di finire bene questa stagione, abbiamo due partite, con Juve e Genoa, dobbiamo sfruttare la lezione di oggi e dopo lavoreremo con la società per l’anno prossimo, sarà una stagione molto più dura, dobbiamo fare in modo di tenere i nostri giocatori importanti e avere una rosa più ampia, abbiamo avuto tanti infortuni importanti questa stagione, il prossimo anno sarebbero un problema più grande, dovendo giocare ogni tre giorni.

Conte?
Io ho detto una cosa e la penso, siete voi a creare i casi.

GARCIA A SKY SPORT

Un gran campionato, oggi un calo. ci può stare?
Abbiamo sbagliato tutto, giocatori e allenatore. Complimenti a loro, perchè si è vista la diversità di motivazione. Non pensavo di vedere una partita così.

Bilancio di fine stagione, lei ha rilanciato questa squadra con una grandissima stagione. Un bilancio personale?
Questa sconfitta non cancella nulla, ma rimangono ancora due partite e io mi aspetto una risposta domenica prossima.

La Juventus cosa ha più delle altre?
L’abitudine di vincere. Noi abbiamo imparato tanto questa stagione, ma dobbiamo finire meglio l’anno prossimo.

Ora le aspettative cresceranno. Questo gruppo è pronto per vincere?
Non solo la gente si aspetta di fare meglio, ma anche io ed i giocatori. Lavoreremo su questa cosa e per il momento bisogna solo lavorare per domenica, visto che ci sarà una bella partita. Non dobbiamo sbagliare.

E’ un caso che le dichiari il campionato chiuso e la squadra perde cosi?

C’è una percentuale. Su questo sono un po’ stupito che anche sapendo che il primo posto non era raggiungibile, quando scendiamo in campo dobbiamo dare tutto, ed oggi non l’abbiamo dato. Ancora complimenti al Catania perchè hanno vinto i duelli ed hanno dimostrato che il parametro mentale è importante.

Complimenti per il campionato. Oggi si poteva sottovalutare questa gara, ma fa piacere ricordare il gioco che avete espresso tutto l’anno.
Grazie. Il nostro gioco però è rimasto negli spogliatoi oggi, non c’era movimento e voglia. Può succedere e speriamo domenica prossima di dare una risposta.

Domenica non conta la classifica, ma si può preparare in due modi. Come passerella finale o come voglia di affermare che la Roma può essere superiore.
Anche per ringraziare i nostri tifosi e per preparare la prossima stagione. Mi aspetto una Roma che sia forte mentalmente, solo così possiamo vincere quella partita. Dobbiamo trovare subito la forza di riprenderci, speriamo succeda anche questa volta.

C’è urgenza di giocare la partita in un ambiente tranquillo. Lei ieri ha fatto i complimenti a squadra e società Juventus, ma Conte nulla. Vuole rimediare questa cosa?
Adesso saremo avversari sul campo. Questa partita deve servire per il futuro, lo ripeto. Dovremmo andare avanti verso una risoluzione positiva, dimostrando che anche se non ci giochiamo nulla entriamo in campo al 100%. L’unica cosa positiva è che non abbiamo perso nessuno per infortunio.

Su Conte non ha risposto.
Voi siete bravi su queste cose. Quando io dico una cosa le interpretazioni sono vostre.

Le chiedevamo solo un giudizio da collega.
So solo che oggi sono dispiaciuto di perdere oggi. Sul campo dobbiamo fare meglio.

Un pensiero su quello che è successo ieri.
E’ brutto vedere questo. Anche l’invasione di campo a fine partita non è stata bella. Non si possono vedere queste cose. Approfitto per dire che domenica voglio solo una festa del calcio. I tifosi devono solo dimostrare che sono felice di noi, noi giocheremo solo per questo.

TOTTI ALLA RAI

Cosa dire su questo campionato?
C’è poco da dire, c’è solo da fare i complimenti alla squadra che ha vinto il campionato: complimenti alla juve

Senza Garcia sarebbe stato un monologo, ci parli di lui?
Facile parlarne adesso, con vittorie su vittorie. E’ venuto a Roma con la mentalità giusta ed è riuscito a cambiare il volto a questa squadra e a tanti giocatori. Il merito di questa annata è in parte suo

Ci sarà Roma-Juventus, tutti si aspettano una bella sfida anche dal punto di vista del Fair Play
Il campionato è finito ma la partita contro la Juve non è come le altre. Tutti vorrebbero esserci, anche allo stadio, noi faremo di tutto per fare bene

Ieri tutti i giocatori che sono andati in campo hanno fatto il loro per rispodnere all’appello di Papa Francesco, ti senti di fare un appello ai tifosi per domenica prossima per evitare che accada quanto successo ieri?
Sì, sono tantissimi anni che calpesto i campi di calci e ne ho viste di tutti i colori. Non si deve basasre solo su domenica prossima ma a tutto il calcio. Noi dobbiamo pensare solo a giocare e a fare il nostro meglio, anche perché tanta gente cerca di vedere quello che facciamo in campo. Noi cercheremo di onorare tutte le partite nel migliore dei modi. Poi quello che è successo ieri non deve più accadere. Però vorrei mettere un puntino: Roma non c’entra niente, è accaduto lì solo perchè la capitale ha ospitato la finale ma poteva succedere ovunque. Roma è una città pulita e accogliente. Roma è Roma, è la capitale e va rispettata

Forse quella di oggi è l’unica partita sbagliata in questo campionato
Sì, una brutta partita. Nessuno si sarebbe aspettato una Roma così brutta. Volevamo vincere per ottenere il record di vittorie ma non ci aspettavamo una squadra così agguerrita che ci ha messo in difficoltà.

TOTTI A ROMA CHANNEL

La sfida con la Juve?
Anche se il campionato è finito è una partita diversa dalle altre. Cercheremo di vincere, vogliamo chiudere in bellezza davanti ai nostri tifosi.

TOTTI A MEDIASET

Ci avete provato in tutte le maniere per li scudetto…
Purtroppo abbiamo trovato una squadra che va a 100 all’ora, è difficile vincere il campionato.

Oggi cosa è successo?
Nessuno si aspettava una partita del genere dopo un’annata spettacolare, non abbiamo fatto la nostra partita, dopo i loro due gol è finita la partita. Abbiamo provato a recuperare ma non ci siamo riusciti.

Domenica c’è la Juve?

Domenica sarà una super-partita, anche se i giochi sono fatti, vogliamo far vedere a tutti quanti che la Juve non è più forte di noi.

Cosa serve a questa squadra?
Non sta a me dire quello che serve, è normale che servano giocatori di livello internazionale, è normale che servano giocatori di esperienza e forti, cercheremo di riportare la Roma nelle zone alte.

Serve un attaccante?
Io mi faccio da parte, sono 22 anni che dico che serve un attaccante, se il mister mi fa giocare ben venga, non creo nessun problema.

Mi sorprende la tua condizione fisica…
Faccio una vita sana, mi mantengo, cerco di fare il professionista al 100%, mi metto a disposizione della squadra con l’esperienza.

Pensi al Mondiale?
Ni, ci penso, ma leggendo le dichiarazioni che fa il mister non ci dovrei pensare.

Cosa pensi su ieri?
Sono episodi che sono successi tante altre volte, spero non succedano più, il calcio è un’altra cosa, va messo da parte e spero che non succeda più. Roma non c’entra nulla, è una città pulita.

Ti manca solo la Champions tra i titoli…
Quasi l’ultima opportunità di vincerla, cercherò di sfruttare nel migliore dei modi questa chance.

Complimenti alla Juve?
Quando una squadra vince il campionato è doveroso farli.

TOTTI A SKY SPORT

Sei in Serie A da 20 anni con Buffon.
Si, ma non si vede. Però è più vecchio lui (ride)

C’è stato un momento che la marcia era stata invertita...
Quando hai davanti una squadra che viaggia a questa velocità è difficile raggiungerla. Per noi era difficile stargli dietro, abbiamo fatto di tutto ma oggi abbiamo mollato.

E’ ancora lei l’avversario più ostico per Buffon?
No (ride). Con Gigi cerco sempre di fare più gol possibili, pur sapendo che è il portiere più forte d’Europa.

Hai la percezione che questo sia solo un punto di partenza?
Io lo spero. Spero che sia di buon auspicio. Quando ci sono vittorie su vittorie pensi sempre in positivo e partenda da quest’anno possiamo fare grnadi cose.

Cosa manca alla rosa?
Non sta a me dirlo. Dobbiamo lavorare per aggiungere ancora più giocatori di livello e già dalla prossima potremmo dire la nostra in Europa.

Ci sono chance per vederti in Brasile? Che riflessioni fa Prandelli?
Io sto facendo il massimo con la Roma, poi se il mister prenderà questa decisione valuteremo. La mia sensazione è che vado in vacanza.

Per domenica Garcia mi sembra carico.
Ci sarà una super partita. Con la Juve è una partita che va al di sopra di tutto e poi dobbiamo chiudere in bellezza con il nostro pubblico. Cercheremo la grande prestazione, faremo vedere che il campionato italiano non è solo Juve.

Conte manderà in campo le riserve?
Chi gioca gioca, per loro sarà dura.

Possono bastare le parole dell’allenatore per far sbagliare una partita?
Siamo noi che scendiamo in campo, la prestazione la facciamo noi. Abbiamo disputato una bruttissima partita, eravamo sottotono. Quando c’è una giornata simile non puoi fare nulla.

Una tua sensazione su quello che è accaduto ieri? Un messaggio per domenica?
Il calcio è tutta un’altra cosa. Spero che tutto questo non succeda più, il calcio deve essere divertimento e basta.

BENATIA A ROMA CHANNEL

Come stai? Sei pronto per la Juve?
Si, sto meglio, non ero al 100% oggi e per questo abbiamo scelto di giocare solo per mezz’ora. Spero di essere pronto per la Juve.

Il distacco con la Juve è veritiero?
Se c’è questo divario vuol dire che di fronte c’è una squadra di qualità. Guardando la partita di oggi il distacco è meritato, ma non guardando la nostra stagione. Oggi non abbiamo mostrato il vero volto della Roma, non abbiamo giocato con la solita cattiveria. E vogliamo vincere la sfida con la Juve in casa.

BENATIA ALLA RAI

“Oggi tante cose non sono andate come al solito, un calo di tensione ci sta ma perdere così è una cosa brutta. Siamo molto dispiaciuti, il nostro campionato non è finito e vogliamo fare bene fino alla fine. La vittoria del Catania è molto meritata”.

Dopo i quattro gol incassati avete raggiunto la Juve in quanto a gol subiti. Sarà un motivo in più per fare bene nella prossima gara?
“Si, ma soprattutto dovrà essere una festa per i nostri tifosi. Ci teniamo a disputare una grande gara, hanno vinto lo Scudetto e se riusciamo a vincere sarà una grande soddisfazione. Poi, se chiuderemo la stagione come migliore difesa, sarà ancora meglio”.

ROMAGNOLI A ROMA CHANNEL

La sconfitta ci piuò stare?
Non ci deve stare, gara affrontata male.

Contano le motivazioni?
Si, abbiamo sbagliato ad affrontare il Catania così, abbiamo preso la gara alla leggera ed è andata così. Può succedere di perdere ma non dobbiamo calare di attenzione così.

Cosa vi ha messo più in difficoltà?
Sono stati bravi sui contropiedi e sulla profondità.

Garcia era molto arrabbiato, cosa vi ha detto?
Nulla di particolare, nel primo tempo ci aveva chiesto di svegliarci e di riprendere in mano la partita, non è andata così.

Cosa non ha funzionato?
Il terzo gol ci ha tagliato le gambe. La Juve? Ci teniamo tanto allo scontro diretto, anche se loro sono gia campioni è una partita che vale molto.

La tua stagione?
Penso che sto facendo un bel campionato.

(da romanews.eu)