martedì, Gennaio 26, 2021 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Certo è che la notizia della bufala targata “principe saudita interessato alla Roma” ha dell’incredibile. In questa occasione si è potuto osservare la tempra dei giornalai e scribacchini di cose romaniste. Se per il caso Ruby (senza voler entrare nel merito, ma a mò di termine di paragone) s’era elevato un coro di ironia per le parole a difesa del Berluska, quando è trapelata la notizia di un presunto interessamento di un tale che viveva a Perugia a subentrare con una quota importante nella gestione della ASROMA tutti i professionisti del circo mediatico a mostrare un segno di stupore e di speranzosa attesa … Qui, a questo punto ci vorrebbe un colossale “ma dddde cheee???!”. Pinciarello e tanti colleghi suoi, detti romanissimi e benpensanti, hanno fin da subito avanzato il beneficio del dubbio, considerando l’intera faccenda “degna” di essere seguita, non tanto per la cronaca in sé, ma proprio per gli sviluppi che poteva conseguire.

Ma tentiamo di ricostruirla al fine di consegnare ai posteri comuni mortali la grottesca pantomimia .. cui prodest..

Partiamo dalla fase finale, le ultime dichiarazioni dello sceicco: “Che bello, io e il Papa insieme Intanto metto questi 50 milioni, poi mi prendo tutta la Roma. Non manca niente, non c’è nessun problema»…che bellooooo….ma che sta a dì..er papa? Ma cià pure l’articolo sui giornali?

In principio un giornalista nordico er ciambellano MoncalvINO desta la curiosità di tanta stampa romana (la grande stampa di sensiana memoria). Tutti in pellegrinaggio da colui che è considerato (da chi?) il portavoce dello sceicco perugino.Il guru però smentisce subito dopo: «Sono pessimista sull’esito positivo … Le cose si sono messe in maniera tale per cui non c’è più la volontà del venditore, di vendere». Il giorno dopo lo sceicco smentisce il ciambellano «La persona che ha parlato non è il mio portavoce e non condivido nulla di quanto è stato detto». Il mistero s’infittisce. La stampa gongola e sogna scoop e vendite record. Tra i frequentatori dello sceicco c’è anche un ex giocoliere pigiamato che ha qualche problemino con la giustizia, ma di buone frequentazioni. Lo sceicco rilancia. Ma alla fine er cammello nun giunge a destinazione, l’affare salta e er poro sceicco viene indagato. Qualcuno però ancora pensa che se non si fosse saputo nulla, tutto questo sarebbe stato evitato “Forse l’operazione doveva restare sotto traccia ancora un po’ ”. Operazione? Ma de che? Allucnante. Alla domanda “Lei segnalò lo sceicco alla Raptor, che poi ha fatto il proprio lavoro di controllo sui suoi conti. Come mai 14-15 mesi per capire che non era idoneo?Pupo risponde candidamente: “Non è che l’ho segnalato io, è lui che mi ha contattato … perché voleva rilevare il club .. Poi un salto temporale a 4-5 mesi fa quando lui si dichiarò interessato ad entrare in partnership con gli americani e allora gli hanno detto “parliamone” e poi sono stati fatti tutti i passi..

Cui prodest se interroga er tifoso giallorosso: chi ha favorito i contatti tra lo sceicco di Perugia e gli uomini di Pallotta? Qualcuno deve ancora spiegare, deve chiarire. Poi è la volta de CochiNostri: “Si parlerà di stadio della Roma a Tor di Valle solo quando verrà sistemato il problema del trotto nella capitale”..annamo bene …!

E poi c’è stanno le dichiarazioni dei nostri fenomeni su la ChampionZ Ligghe, Florenzi e compagnia sonante.  “La Roma può raggiungere il terzo posto?”? “Certo che si, abbiamo l’obbligo di provarci fino alla fine” aveva risposto OsvaRdo .. ma una cosa è provarci, n’antra cosa è manco quello visto il dopo sosta a Palermo. Per l’Europa servono i tre punti: “Yes we can”, dicono a Trigoria; “ma vaffanculo” riponnemo noi…La domanda è sempre quella “cui prodest”.

 

PS. E’ ufficiale, er salmone porta sfiga. Aveva promesso al Cardinale de Boston: «Quando vengo a Roma, ti passo a trovare».  Adesso er novo Papa l’ha cacciato fori per pedofilia.