venerdì, Giugno 05, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Leggi il nostro commento alla partita Guarda le pagelle Guarda le foto della partita Leggi le interviste dei protagonisti Guarda il tabellino
COMMENTO PAGELLONE FOTO INTERVISTE TABELLINO

da romanews.eu

ROSELLA SENSI A MEDIASET PREMIUM

Dispiace non aver raggiunto gli obiettivi prefissati lo auguro alla nuova società.
Cosa si sente di dire ai tifosi?
Mi sento di ringraziarli ci sono sempre stati vicini un grande grazie da parte nostra, mi auguro che ci ricordino.
Può tornare una grande Roma?
A Settembre questa a detta di tutti era una grande Roma, voltiamo pagina sicuramente con la nuova società questa sarà una grande Roma.

ROSELLA SENSI A ROMA CHANNEL

Stasera si è fatta la storia, emozione?
“Tantissima, ho cercato di trattenerla perchè volevo tenerla per me e la famiglia ma non ce l’ho fatta”
Un periodo importante, di tanti successi, ma quest’ultimo periodo che sensazioni ha dato?
“Tante sensazioni, mi auguro che i nuovi proprietari raggiungano grandi successi. Ne sono certa. Sicuramente il periodo Sensi è stato grandioso, perciò voglio sottolineare il ricordo dei Sensi, di Franco Sensi, che hanno portato la Roma nel posto che gli compete. Detto ciò ringrazio tutti, anche chi ha contestato in modo civile, perchè il tifoso della Roma vive di Roma. Ci hanno dato la forza per andare sempre avanti, l’affetto, la forza, il calore. Mi sento di dire loro un grande e fortissimo grazie e basta. Sono tanto emozionata, adesso farò la tifosa e tiferò perchè la Roma vinca tantissimo, come merita”
La cosa più bella della gestione Sensi e la cosa che più l’ha ferita…
“Tanti momenti belli, mi viene in mente lo Scudetto. Ma tanti momenti belli e tanti brutti, ma non si può sempre vincere. Però la mentalità è stata importante, abbiamo il rammarico di due scudetti sfiorati e non vinti. Ma siamo sempre stati lì. Spero che la squadra ora vinca tantissimo. Io sono una grande chiacchierona, parlo tanto ma stasera mi si strozzano in gola le parole. Io ringrazierei anche la famiglia Viola, le famiglie che hanno fatto la storia della Roma. La Roma è la storia, a volte leggo ROMA CAPUT MUNDI. La Roma ha una storia da far rispettare e la prossima proprietà la rispetterà. Ai vostri colleghi ho detto di far lavorare con tranquillità i nuovi proprietari e quindi faccio questo primo augurio a loro, di poter fare le cose con la calma che serve. Perchè la troppa pressione che c’è intorno a questa società a volte non facilita le cose”
Ora resterete tifosissimi
“Certamente, io e mia madre lo saremo sempre, non saremo le uniche, ma saremo sempre a sostenere la Roma, anche nei momenti in cui le cose non andranno bene”
Ha ricevuto la maglia n.1 da Francesco Totti
“E’ stata una fortuna averlo con noi, spesso si sono dette cose su di lui. I tifosi gli sono sempre stati vicini ma nel periodo difficile ho sentito delle cose. Ma io sono fiera di lui”
Franco Sensi cosa avrebbe detto in questo momento
“Per fortuna non l’ha vissuto. L’era Sensi va ricordata come l’era di Franco Sensi, perchè ha portato un grande cambiamento in questa società. Io ho solo cercato di continuare sotto le sue indicazioni e credo di averlo fatto bene”

ROSELLA SENSI ALLE RADIO
“I giocatori? Mi hanno augurato il meglio possibile e mi hanno ringraziato; e mi hanno detto altre cose che rimangono tra me e loro. Con Totti e De Rossi abbraccio da fratelli. Il ricordo va a mio padre e spero che il ricordo di questo momento sia per lui”

“Il dispiacere di tutti è non aver raggiunto ciò che speravamo ad inizio stagione. Auguro alla nuova proprietà di  raggiungere i risultati che abbiamo mancato quest’anno. I tifosi? Mi sento di ringraziarli tutti, anche quelli che hanno contestato in maniera civile. E’ questo che rende unici i tifosi della Roma, vivere la squadra in modo speciale. Speriamo di aver lasciato un bel ricordo. Io sarò la prima tifosa della nuova proprietà. Vi faccio una richiesta: lasciateli lavorare, perchè non è facile a volte lavorare sotto pressone. Quello che avete scritto a settembre era vero: era una grande Roma. Purtroppo non si è risuciti a raggiungere i risultati. Cambia proprietà e speriamo che sia una grande Roma. Voglio ringraziare ancora i tifosi, anche quelli che mi hanno fischiato e contestato nei limiti della civiltà. C’è stato un cortocuito con la mia presenza in Lega. Io rimanevo in costante contatto con Unicredit che a sua volta sentiva la nuova proprietà. Non c’è nessuno screzio e nessuna incomprensione. Questo lo dico io alla presenza dell’avvocato Cappelli. Vi rifaccio una preghiera da persona che sta uscendo: fateli lavorare”.

TOTTI SUL SUO SITO INTERNET (francescototti.com)

“La standing ovation del pubblico mi ha fatto veramente grande piacere: conosciamo bene tutti l’affetto che i tifosi mi hanno sempre dimostrato ed io cerco di contraccambiare al meglio. Stasera contro la Sampdoria era importante vincere davanti al nostro pubblico e dimenticare questa brutta annata.

Il bilancio stagionale è negativo perché avevamo ben altri obiettivi. Poi tra infortuni, sfortuna e demeriti nostri non abbiamo ottenuto quello che volevamo. Adesso dobbiamo lasciarci alle spalle questo periodo difficile per ripartire col piede giusto l’anno prossimo. la nostra speranza per il futuro è che la nuova proprietà ci aiuti a fare una grande Roma”

TOTTI A SKY
Uscito dal campo con ennesima standing ovation…

“E’ un piacere. Anche perché sappiamo l’affetto che mi hanno sempre dato e cerco di contraccambiare. Era importante vincere davanti al nostro pubblico e dimenticare la brutta annata”

La Roma farà l’Europa League: bilancio di stagione?
“Negativo, perché avevamo altri obiettivi. Poi tra infortuni, sfortuna e demeriti nostir non abbiamo ottenuto quello che volevamo. L’anno prossimo dobbiamo partire col piede giusto”

Pallotta non era in tribuna. Come affronti questa nuova avventura sempre da punto fermo della Roma?
“Finché sto bene cerco di fare del mio meglio, volevamo anche fare una bella figura davanti a Pallotta. Speriamo di fare veramente una grande Roma”

TOTTI A MEDIASET PREMIUM
Serviva una vittoria per chiudere una stagione difficile da te condotta tanto bene…
Si è stato difficile, speriamo di mettere da parte questa stagione e ripartire.
Cosa ti aspetti per il futuro?
Aspettiamo, speriamo che facciano una grande squadra. Mercoledì arriva Sabatini…
Questa sera esonero di Ancelotti…
Questo non lo sapevo, potrebbe essere uno dei “papabili”.

AVV. CAPPELLI A CENTRO SUONO SPORT

La questione sui diritti Tv?
E’ tutto molto gonfiato. La dottoressa ha seguito una linea in lega, non credo che il signor DiBenedetto abbia un’idea contraria. Quando lui sarà presidente deciderà se cambiare la linea, c’è stata una richiesta di chiarimenti che gli sono stati dati. Tutta la tensione che viene descritta dai giornali non l’ho vista.
Cosa si deve aspettare un tifoso della Roma?
Noi ci aspettiamo una guida professionale da persone appassionate e preparate, che hanno una forte solidità economica.
I tempi di insediamento?
E’ questione di settimane se non di giorni. Una gestione interinale già c’è e non è tempo perso in ogni caso. Noi aspettiamo il momento di fare il passaggio e ci sono solo problematiche burocratiche
Il rapporto che ci sarà tra Baldini e Montali?
E’ domanda che va rivolta agli americani. Unicredit non entra in gestione tecnica. Montali non un uomo in quota Unicredit è competente e sul quale abbiamo fiducia. E’ stato identificato come figura che poteva aiutare in fase di transizione.

AVV. CONTE ALLE RADIO

“Questa è una serata dove non dobbiamo dire niente. Sappiamo tutti quello che ha fatto la gestione Sensi nella sua storia e dobbiamo solo ringraziarli. Rosella Sensi ha comunque agito bene anche in questa fase di transizione, una fase difficile questa dove ha agito sempre in comunione di intenti con Unicredit. Voglio dirvi comunque sia che prima di essere l’avvocato della presidenza sono stato soprattutto un grande tifoso giallorosso”

FLORENZI A ROMA CHANNEL

Sostituire Totti all’esordio in Serie A, le tue sensazioni. Nel secondo tempo guardavi sempre la panchina…
“Quando ti riscaldi pensi sempre ad entrare. Sostituire il capitano, il simbolo di tutta Roma, è qualcosa di incredibile. Tutto bello, i genitori, la mia ragazza, la mia nonna che mi guarda da lassù”
Quando sei entrato cosa ha pensato?
“A giocare più palle possibili, sono entrato e ho giocato”
“Cerco sempre di dare il meglio, la personalità cerco di metterla in campo in ogni occasione, sia in Primavera, sia con i titolari. Ringrazio Mister Montella”
Ora le fasi finali di Primavera contro il Milan
“E’ una grande squadra, ma anche noi non siamo da meno. Da domani mi vedrete a Testaccio ad allenarmi perchè la mia squadra è la Primavera senza dubbio”

LOBONT ALLE RADIO

“Ci dispiace per i tifosi perché, dopo la stagione dell’anno scorso avevamo grandi pensieri di arrivare in alto. Cosa abbiamo sbagliato? Abbiamo sbagliato tutti. Si vince insieme e si perde insieme. Ognuno dei portieri che ha giocato ha provato a fare il meglio. Voglio rimanere fino al 2013. ho un contratto e vogliamo onorarlo. Julio Sergio? Sta bene e siamo una famiglia. Poco spazio? Ogni allenatore ha le sue convinzioni. Ognuno di noi ha l’obbligo di provare a mettere in difficoltà chi ci dirige”

MONTELLA  A ROMA CHANNEL

“Ci dispiace per i tifosi perché, dopo la stagione dell’anno scorso avevamo grandi pensieri di arrivare in alto. Cosa abbiamo sbagliato? Abbiamo sbagliato tutti. Si vince insieme e si perde insieme. Ognuno dei portieri che ha giocato ha provato a fare il meglio. Voglio rimanere fino al 2013. ho un contratto e vogliamo onorarlo. Julio Sergio? Sta bene e siamo una famiglia. Poco spazio? Ogni allenatore ha le sue convinzioni. Ognuno di noi ha l’obbligo di provare a mettere in difficoltà chi ci dirige”
“I miei programmi erano diversi da quel che è accaduto 3 mesi fa. Con le difficoltà che ho incontrato mi sento una persona e un allenatore diverso”
Allenare la Roma invecchia…

“Questi tre mesi sono valsi tre anni. Ho avuto modo di capire e affrontare tante cose. A volte ci ho messo cose personali e quindi credo di non potermi rimproverare nulla”
La tua media punti è stata comunque importante, hai restituito una identità tattica. Quand ti senti accostato non ai santoni del calcio, ma a dei giovani come te, come ti senti?
“Non mi da fastidio, quando ho accettato l’incarico sapevo che anche dopo due settimane si sarebbe potuto parlare di altri allenatori. Me l’aspettavo, non mi da fastidio di Pioli, di Ancelotti. Oggi è stato esonerato Ancelotti, il calcio è questo. Sono molto sereno”
Cambieresti Roma-Palermo?
“lL’abbiamo persa li la Champions, anche un punto sarebbe stato importante. Meritavamo di vincere, con l’Inter non ci stava perdere. E’ stato un cammino lineare, forse abbiamo pagato le aspettative che questa squadra aveva. Sicuramente potevo fare di più, ma potevamo fare anche di meno. Sarebbe stato molto più facile fare peggio”
Un tuo ricordo personale dei Sensi
“Ci siamo emozionati tantissimo oggi nel ringraziare Rosella e la famiglia, una famiglia molto passionale, molto tifosa, questo a volte ti fa sbagliare anche valutazione. Però grande è stato l’amore per questa squadra. Noi oggi volevamo regalare una piccola soddisfazione alla famiglia e ora diamo un grandissimo abbraccio, ricordando anche il presidente Franco Sensi, che ha dato un’impronta importante. Sono sicuro che continuerà a vegliare su questa tifoseria e su questa maglia. La famiglia Sensi ci ha dato molto”

MONTELLA A RAI SPORT
“Volevo ringraziare innanzitutto la famiglia Sensi che ha dato tutta la passione per questa squadra”
C’è voglia di voltare pagina. Si parla di Pioli. Non è un po’ offensivo per Montella, visto che si parlava di Ancelotti e di Mourinho?
“Non mi da fastidio perché stimo molto Pioli. A me ancora non è stato detto nulla, si sono dette tante cose, la verità non c’è, si deve ancora decidere”
Quando hai preso la Roma, cosa ti aveva chiesto la società?
“Quando sono arrivato la squadra veniva da quattro sconfitte consecutive, a me avevano chiesto di risollevarli e di provare a avvicinarci al quarto posto. Abbiamo lavorato molto e fatto molto bene in termini di punti. Questa non è un’autocandidatura, ma i numeri parlano chiaro. Ora bisogna voltare pagina, sia la società ma anche il sottoscritto”

MONTELLA IN CONFERENZA STAMPA

2,8 punti a partita la tua media, se consideri tutto il campionato avresti 70 punti e saresti abbondantemente in Champions..
“I numeri non mentono, è un dato di fatto. Fa piacere che hai ricordato questo. Io non ho novità sul mio futuro, sono rimasto a settimane fa quando mi veniva detto che avevo le mie chances per continuare ad allenare la Roma. Io in queste settimane ho comunque sempre pensato a lavorare, perchè per me era tutto un mondo nuovo e non volevo sprecare energie in pensieri prematuri. Ora la situazione è la stessa per quanto riguarda quel che dicono a me. Se non fossi più l’allenatore me lo avrebbero detto e credo che questi giorni mi devono dire qualcosa perchè anche io ho bisogno di vedere il mio futuro”
Cosa ti ha lasciato questa esperienza?

“Sono stati tre mesi intensi, per me è come se avessi fatto degli anni di tirocinio. Sono e mi sento una persona e un allenatore diverso rispetto a tre mesi fa”
Come vedi il fatto che la società sta sondando altri allenatori?
“In modo molto distaccato, perchè sapevo all’inizio che questo sarebbe accaduto. Mi ero preparato che succedesse anche prima di adesso. Se non fossimo arrivati alla penultima giornata a provare la Champions si sarebbe fatto prima. Non mi da fastidio, è il calcio che è così”

MONTELLA A MEDIASET PREMIUM
Una vittoria importante, si chiude un momento difficile per la Roma…
La squadra ha cercato di vincere, ha meritato di vincere, abbiamo leggittimato il posto in classifica ora dobbiamo guardare avanti preparare insieme, o ognuno per conto suo, il futuro.
A cosa è servita questa esperienza?
Questi mesi, sono come anni di tirocinio di esperienza.
Futuro?
Si è detto tanto, la varità sta in mezzo, sarò valutato e dovrò anche io valutare delle cose.

MONTELLA A SKY

Che succederà a Vincenzo Montella?
Diretta e veloce, così andiamo a letto presto! Sinceramente non lo so, non mi è stato detto nulla. A sentire i media sicuramente fino a una settimana fa ero il futuro della Roma, viceversa adesso le probabilità sarebbero invertite. Le cose cambiano e potrebbero anche ricambiare. Sinceramente spero, credo dovranno dirmi qualcosa in settimana, anche perché così potro anche io valutare e scegliere il mio futuro.
Quanthe chances ti dai?
Non me le do, credo di essere sato valutato dalla dirigenza che era a trigoria tutti i giorni e questo mi ha gratificato perché sono piaciuto. E’ stato bello poter dimostrare che posso già fare questo mestiere. Belli anche gli attestati spontanei dei giocatori, anche di quelli che giocano poco. Poi vedremo cosa succederà
C’è in agenda di Sabatini un incontro con lei?
Non ho io la sua agenda! (ride)
Giudizio sul lavoro dei Sensi, un pezzo di storia…
Si abbiamo salutato Rosella Sensi e tutta la famiglia. Molti di noi hanno anche avto la fortuna di constatare la passione del papà Franco ed oggi è stato un momento molto triste. Gli siamo vicini e gli dedichiamo questa piccola vittoria, anche se sappiamo che anche le loro aspettative erano totalmente diverse
Penso che oggi Montella potesse avere di fronte anche il suo futuro…
Il mio passato sicuramente (ride). Comunque non lo so, non se ne è parlato
Similitudini tra il tuo percorso e quello dei Sensi: tu hai cominciato a sorpresa come allenatore dei giovanissimi, ora arrivi ed hai allenato al Roma in serie A. Torneresti a fare l’allenatore dei ragazzini oppure questa esperienza ti ha cambiato?
Il mio programma era diverso qualche tempo fa, avrei voluto fare tutta la trafila. Evidentemente tre mesi di Roma a queste dimensioni e con queste difficoltà fanno crescere: ora mi sento pronto e sarebbe difficile tornare tra i ragazzini perché ormai il salto l’ho fatto. Sono stati 3 mesi intensi e sono valsi come tre anni di tirocinio, vista la dimensione e le difficoltà che la squadra ha avuto
Saprà tutto a giugno o si aspetta fino a Settembre? (scherzano)
Probabilmente potrò fare qualcosa prima io, contrattualmente… (ride anche lui)