domenica, dicembre 15, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Leggi la nostra presentazione della partita Guarda le pagelle Guarda le foto della partita Leggi le interviste dei protagonisti Guarda il tabellino
PRESENTAZIONE PAGELLONE FOTO INTERVISTE TABELLINO

da forzaroma.info

MONTELLA A SKY

Era una partita compromessa già dall’andata. Un approccio buono nei primi minuti ma poi gli episodi hanno cambiato tutto. Che ne pensa?
Ho chiesto oggi ai ragazzi di fare la prestazione e non il risultato. Oggi sono contento perchè finchè siamo rimasti in 11 abbiamo creato, giocando con le idee. L’avversario era di ottimo livello e nonostante ciò abbiamo tirato molto in porta.
Quindi bisogna di ripartire da qui. Certo l’espulsione ha inciso perchè in campo internazionale non puoi giocare così tanto in 10. Io personalmente non commento la direzione arbitrale.Comunque abbiamo lottato e la squadra mi è piaciuta.

Vedendo il rigore sbagliato da Borriello, ci ha stupito che l’abbia tirato lui. Perchè non ha tirato Pizarro?
Per questa partita era Pizarro, come a Lecce, il rigorista. Però chi fa calcio sa che a volte ci sono giocatori che vogliono battere un rigore. Borriello l’ha chiesto e Pizarro gliel’ha lasciato. Il rigore lo sbaglia chi lo tira, mi dispiace per Marco ma non lo colpevolizziamo.

Si può migliorare qualche atteggiamento in campo? Ci riferiamo ai comportamenti assunti con Srna.
Bisogna stare tranquilli e non innervosirsi. Un grande calciatore non deve farsi prendere da questi nervosismi, quindi bisogna crescere e cercare di non ripetere questi errori. L’importante è rimanere nei limiti. Ci può stare l’insulto e il calcio, ma poi deve finire lì.

Come valuta questo risultato in vista del derby?
Dico a voi ciò che ho detto nello spogliatoio. Oggi sono contento per come abbiamo approcciato la gara e per la voglia. Sono “incavolato” per altri episodi e mi riferisco ad esempio alle ammonizioni gratuite e all’emotività che condiziona la prestazione.
Però sotto l’aspetto tecnico usciamo a testa alta. Ci siamo difesi con ordine anche in 10 e abbiamo cercato addirittura di tirare fuori la testa, subendo anche tanti contropiedi. Secondo me stiamo crescendo molto.

Rispetto al giorno in cui è arrivato, in cosa la Roma è migliorata e in cosa può ancora crescere? Come va la condizione fisica e mentale?
La condizione mentale sta pian piano risalendo, come anche la qualità di gioco. Siamo stati corti e organizzati. La sconfitta non ci deve demoralizzare perchè oggi abbiamo giocato un buon calcio.

MONTELLA A MEDIASET

Un bell’inizio, poi serata che è andata male

“Fino all’espulsione è stata un’ottima gara, abbiamo fatto la partita con idee e velocità. Siamo arrivati al tiro più volte con belle occasioni,. Dopo l’espulsione la partita è cambiata ed è venuta fuori la loro qualità che sfruttava l’ampiezza di gioco con i terzini. Abbiamo concesso pochissimo nel primo tempo, solo un paio di contropiedi che nel secondo tempo sono stati la loro arma. Nel secondo tempo mi sono piaciuti i miei per l’organizzazione. Non dobbiamo demoralizzarci perché come squadra abbiamo fatto un passo avanti”.

Perché Borriello e non Totti dal primo minuto, e perché Borriello ha tirato il rigore?

Borriello e Totti sono giocatori differenti, la partita l’avevo letta diversamente sotto l’aspetto tattico, pensavo che lo Shakthar si difendesse e avevo bisogno di fisicità giocandomi Totti nella ripresa. Poi la partita è stata complicata dagli episodi. Il rigorista era Pizarro, come a Lecce. Oggi glielo ha chiesto e Pizarro glielo ha lasciato. Mi dispiace per Marco e per la Roma, ma è tutto normale”

Da giocatore, chiedevi di tirare il rigore ad altri?

“A Totti l’ho chiesto tante volte solo qualche volta me l’ha lasciato”

Capello cosa avrebbe detto? Si arrabbiava?

“Capello ne designava due e si toglieva il problema. Avesse segnato sarebbe stato tutto diverso. Il rigore lo sbaglia chi lo tira”

Domenica ti serve un attaccante con fisicità o Totti?

”Magari tutti e due, chissà”

Se l’ambiente non è sereno diventa difficile. Riuscirai a portare serenità e toglier un po’ di egoismo all’ambiente?

“Io tifavo il suo Milan da ragazzo (rivolto a Sacchi). Io non ho trovato egoismo. Anche oggi ho visto una squadra che voleva vincere e collaborare. Sarò un ingenuo ma vedo un gruppo affiatato e una società presente. Di chiacchiere a Roma ce ne sono tante, fa parte del gioco. Chi indossa la maglia della Roma deve avere la responsabilità e lo spessore di gestire queste situazioni”

Non c’era troppo nervosismo stasera? Falli duri, rischio di cartellini…

“Non è stato un belvedere sinceramente. Non giustifico i miei ma i giocatori dello Shakthar non sono stati morbidi, fisicamente e deridendo a volte i nostri. Dobbiamo gestire meglio l’emotività della partita. Ceri atteggiamenti, però, non possono esser tollerati”

MONTELLA IN MIXED ZONE

Quanto sono ampi i demeriti della Roma?
Se accantono il risultato sono contento della prestazione della prima mezz’ora. Dove la Roma ha giocato con velocità, qualità e idee. Siamo andati al tiro c’era convinzione di fare bene, adesso bisogna non farsi condizionare da tanti discorsi. Il rigore sbagliato ci può stare, se avesse segnato Borrillo sarebbe stato meglio, ma ci può stare. Avremmo potuto comunque recuperare. C’era forse troppo nervosismo e si è perso di lucidità. Nel secondo tempo se analizzo vari fattori, ci stava anche una collaborazione difensiva, qualche volte abbiamo concesso il contro piede. Ma nella prima mezz’ora lo Shakhtar ha fatto veramente poco. Non scordiamo le cose fatte bene questa sera e vediamo le cose positive fatte che sono tate tante

Chi è stato il rigorista?
Il rigorista era Pizarro. Borriello gliel’ha chiesto e Piazarro lo ha lasciato. Io a Totti gliel’ho chiesto tante volete e poche volte me lo ha lasciato tirare. Mi dispiace per Marco, mi spiace per la Roma. Il rigore sbagliato ci può stare, Pizarro gliel’ho ha fatto tirare in serenità.

Totti?
Oggi dovevo fare una scelta fra i due. Li avrei rischiati comunque dopo. Ho previsto il primo tempo e poi si è verificato. Ci voleva un giocatore come Marco perchè attaccava la profondità, immaginavo che lo Shakhtar si chiudesse e quindi i centrocampisti dovevano giocare la palla sulla prima punta.

Cosa fare per limitare il nervosismo dei giocatori?
Succede tante volte che ti provocano, anche per strada. Alcuni giocatori indossano la maglia del proprio cuore e si fa fatica. E’ un dato da limare ed è un valore nel computo della valutazione del giocatore. Li per li si può difendere il giocatore ma poi le cose bisogna dirle personalmente

Totti era arrabbiato per l’esclusione…
E’ un valore me lo tengo stretto, vedremo se giocherà domenica oppure no. Anche quando gioca è un momento che sta particolarmente bene, trascina anche gli altri con la corsa. L’allenatore fa tante considerazioni come questa ad esempio.

Bene la Roma nel primo tempo?
Si, abbiamo giocato con coraggio e personalità, idee e bei movimenti in attacco, Ci è mancato solo il gol e cercheremo di migliorare anche in questo.

MONTELLA ALLA RAI

E’ arrivata una sconfitta, che vi porta fuori dalla champion.
Dopo la prima mezz’ora eravamo fiduciosi perché la squadra si stava esibendo a ottimi livelli. Si deve partire da questo. Sarà difficile perché rimane amarezza. Ma l’episodio dell’espulsione ha condizionato la partita.

Perché Borriello e non Totti?
Sono 2 giocatori diversi x caratteristiche

Quando l’hai deciso?
Oggi o forse ieri. Non lo so. Pensavo che nella prima parte ci servisse più un giocatore di fisicità che attaccasse la linea difensiva. Poi l’avevo letta in questo modo la partita.

Perché il rigore non l’ha tirato Pizarro?
Lui gliel’ha chiesto e ha tirato Borriello. Poi capita che lo si sbagli.
Lucescu diceva che c’è stato troppo nervosismo in campo da parte dei giocatori della Roma
Non dovrebbero succedere. Un pò d’aggressività va bene perchè fa parte dell’adrenalina che sale. Vedrò le immagini e poi giudicheremo.

Quanto può condizionare questa partita per il derby, che si sa per la Roma è molto importante?
Mi auguro di no perché ho visto dei progressi. Andare avanti e dimenticare questa parentesi. Non dobbiamo perdere la retta via. Quella che abbiamo intrapreso. Dobbiamo continuare così perché oggi ho visto dei segnali positivi.

LUCESCU A SKY

Alla fine è stata più facile del previsto, se l’aspettava?
No, non ce l’aspettavamo ma avevamo fiducia. Sapevamo che avremmo potuto proporre un buon calcio. Abbiamo studiato bene la Roma e abbiamo giocato due grandi partite, ottenendo un risultato straordinario.
La Roma ha iniziato subito bene con un pressing alto costringendoci a giocare come non siamo abituato. Col passare del tempo però abbiamo fatto gol, anche con un po’ di fortuna, e loro si sono innervositi.

Qual’è stata la differenza tra le due squadre?
E’ difficile da dire, noi abbiamo giocato come siamo abituati. Abbiamo avuto una buona organizzazione difensiva e abbiamo sfruttato il contropiede.
Forse loro ci hanno sottovalutato all’andata perchè una grande squadra non può prendere tre gol così. Poi qui, in casa, noi giochiamo sempre bene ed è difficile ribaltare.

Come si colloca ora lo Shakthar in Europa?
Dopo che abbiamo vinto la Coppa Uefa, era importante per noi fare bene in Champions. Ora abbiamo battuto la Roma ed il nostro obiettivo è fare un passo alla volta. Non abbiamo traguardi.
Sono contento perchè la squadra è giovane. Magari fra due o tre anni potremo crescere e migliorare.

Lei che conosce bene il calcio italiano, quale pensa che sia il motivo di tutti questi problemi in campo europeo?
Secondo me l’età dei calciatori gioca un ruolo importante. Il calcio si sta evolvendo e se le grandi squadre comprano giocatori di 32 anni diventa difficile correre come i giovani. Io trovo grande soddisfazione a far giocare i giovani in questo modo.

Cosa è successo con Srna?
i giocatori della Roma erano nervosi, perchè Srna aveva sbagliato: dopo il nostro vantaggio, ha cominciato a prendere in giro l’Italia.
Mi sono arrabbiato con lui e l’ho minacciato con la sostituzione. Lui ha ripreso a comportarsi bene ma poi i giocatori della Roma hanno esagerato.

LUCESCU A MEDIASET

Prima volta ai quarti, una lezione di calcio con una squadra giovane. Dove può arrivare lo Shakhtar?
Vincere la prossima partita, stiamo crescendo è una squadra molto giovane, però giocano da tre quattro anni a questo livello. C’è tanto entusiasmo, non penso che arriveremo fino in  fondo però prendiamo il giusto da ogni partita. E’ una squadra buona, ben organizzata, oggi abbiamo avuto difficoltà ad inizio partita contro una Roma aggressiva e attenta. Hanno rischiato per fare il gol e li abbiamo presi in contropiede, da quel momento si sono innervositi ed è arrivata anche l’espulsione di Mexes.

Durante la partita ha dialogato con Borriello e De Rossi. Cosa è successo?
Gli ho detto che perdono loro le partite facendo cos’, che il nervosismo li porta a fare errori del genere. A questo livello non possono stare, capisco il periodo e quello che passano ma quando entrano in campo devono essere professionisti. Srna ha voluto fare un po’ di spettacolo e i giocatori della Roma hanno reagito. Non sono d’accordo sia con il mio giocatore che con quelli della Rossi. Srna nel secondo tempo ha cercato di stare tranquillo

Chi spera nei quarti? Altra italiana?
Preferirei Milan o Inter, sarò loro tifoso. Mi piacerebbe tornare in Italia

Alla fine del primo tempo è andata via la luce
Non lo so è la prima volta

Che cosa temeva della Roma in particolar modo?
Tante cose, noi abbiamo preparato bene la partita, sapevamo che erano forti nel gioco offensivo. Dovevamo chiudere le zone centrali perché verticalizzano tanto, Pizarro tiene il possesso palla e De Rossi verticalizza. Abbiamo raddoppiato al centro, loro sulle fasce sono meno forti e abbiamo sempre creato superiorità numerica. Lì abbiamo vinto la partita
Quando c’è stato il sorteggio tutti dicevano che con lo Shakhtar sarebbe stato facile per la Roma
Quando prendi giocatori giovani e gli dai fiducia alla fine sono questi i risultati. Abbiamo una squadra molto disciplinata

BORRIELLO A SKY

Gli episodi hanno caratterizzato questa eliminazione
Abbiamo subito un gol stranissimo. Sul rigore mi prendo io le mie responsabilità. Forse segnando avremmo avuto più possibilità. Fino all’espulsione è stata una Roma che ha fatto un’ottima partita che ha tenuto testa allo Shakhtar nella loro casa.

Dietro al decisione di battere il rigore la voglia di prendere la squadra sulle spalle?
No, assolutamente, Io sto pagando gli episofìdi in questo momento ma al di là di questi io credo che abbiamo fatto una buona prestazione

Quanto ha influito la decisione di lecce di battere il rigore?
Avevo anche parlato con il mister e con Pizarro in settimana, al derby mi sono preso la responsabilità di battere due rigori. Poi con Montella è stata cambiata la scelta senza parlare con me. Con Francesco si sa li batte lui, ma quando non gioca li batto io. Avevo chiesto a Pizarro di lasciarmelo tirare anche per sbloccarmi

Quando hai saputo di giocare oggi?
L’ho saputo alle 18:50 nella riunione

L’abbiamo detto prima noi di Sky…
Ah sì? Mi dispiace volevo ripagare la fiducia del tecnico, al di la del rigore penso di aver giocato bene tenendo botta fisicamente agli avversari senza perdere un contrasto

BORRIELLO A MEDIASET PREMIUM

Perché hai tirato tu il rigore?
E’ stato un episodio. Mi dispiace molto, altre volte è andata meglio, mi sono preso la responsabilità. Poteva regalarci un risultato positivo. La Roma è stata punita da episodi

La squadra perde un po’ la testa con qualche fallo duro di troppo, cosa scatta nel gruppo?
Se Srna ha subito tutti questi falli ci sarà un motivo, ci sono dei comportamenti. Non va bene colpire a proposito un giocatore

Domenica c’è il derby, partita importante. Come si prepara a mente fredda?
Per natura non sono un pessimista. Abbiamo fatto sette punti in tre partite di campionato. Fino all’espulsione abbiamo dominato il gioco, è una squadra in salute punita da episodi. Il rigore poteva portarci sul pari. Sfido chiunque a dire che la Roma non sia stata viva e che io ho fatto una brutta partita. Mi sono battuto come un leone insieme ai miei compagni, naturalmente ho sbagliato io il rigore e verrò massacrato io

Quella frase detta in panchina all’andata con lo Shakthar, come ti senti all’interno dello spogliatoio? C’è un rapporto sereno?
Assolutamente, quella frase all’andata è stata un po’ paradossale ed è dovuta alla delusione delle quattro partite in panchina. Lo spogliatoio è sereno, sfido qualsiasi giocatore a non essere scontento se va in panchina. Per questo episodio ho comunque già chiesto scusa. Andiamo via di qui fiduciosi, siamo una buonissima squadra. Per il derby mi ritengo disponibile, se Montella riterrà di farmi scendere in campo darò il massimo come ho fatto stasera

BORRIELLO ALLA RAI

Il rigore sbagliato?
Il calcio è fatto da episodi e in questo momento non mi girano particolarmente a favore. Per la squadra non possiamo cancellare le tre partite di montella in panchina. Abbiamo conquistato 7 punti.Tu non segni da Roma  Brescia.

È successo qualcosa? Come ti senti tu in questo momento?
Un momento di difficoltà realizzativa ma sfido chiunque a dire che stasera non ho fatto una buona partita.

A Lecce si capiva  che volevi tirare tu ma poi ha tirato Pizarro. Stasera non ne avete parlato ma so che il primo rigorista quando non c’è Totti è Pizarro.
Si il primo rigorista è Pizarro. Ma io in settimana ho chiesto a entrambi se potevo essere il secondo rigorista. Il caso ha voluto che questa sera capitasse un secondo rigore, procurato da me ma nel calcio si sbaglia.Avrei voluto fare gol per la Roma e i tifosi.

Quando hai saputo che avresti giocato tu stasera?
L’ho saputo alla riunione alle 18.50. ma mi impegno ogni volta che scendo in campo e agli allenamenti. Spero sempre di partire titolare. Siamo stati condannati dagli episodi come all’andata ma sfido chiunque a dire che nn ci abbiamo provato fino alla fine. Rimane un bel primo tempo. Non si può giudicare una squadra in 10.

Uscito Vucinic per lasciar posto a Brighi e c’è stata la resa?
No . abbiamo creato occasioni. . Fino all’espulsione avevamo il 60 % di possesso palla e tante occasioni create. Adesso per una partita non possiamo buttarci giù.

C’è un po di polemica per il nervosismo in campo da parte della roma.cosa dici tu?
Se uno stesso giocatore subisce dei falli bisogna chiedersi il perché. In campo ci siamo noi e noi vediamo. Voi non potete vedere tutto.

La Roma sembra una squadra che si autogestisce. Con una molto bassa soglia di umiltà.E un nervosismo esagerato.
No siamo ottimi ragazzi. Grandi uomini. Non ho visto questo nervosismo. è normale che a nessuno piace perdere. Ma stiamo qui a parlare di niente. Abbiamo perso 3 a 0 dobbiamo star zitti e ripartire da domenica.

Questa sconfitta quanto pesa per il derby?
Il risultato pesa tanto ma rimango fiducioso perchè la Roma in 11 ha dominato lo Shakhtar.