sabato, Giugno 06, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Leggi il nostro commento alla partita Guarda le pagelle Guarda le foto della partita Leggi le interviste dei protagonisti Guarda il tabellino
COMMENTO PAGELLONE FOTO INTERVISTE TABELLINO

La vecchiaccia con la gobba al naso, forse juventina, non porta bene ai colori giallorossi negli ultimi anni. Il sei gennaio regala solo amarezze e punti buttati. Un solo punticino nella calza e quarto posto di nuovo abbandonato dopo una sola giornata.

Non che la vittoria fosse meritata ma quando ormai c’avevi fatto la bocca sto mattoncino di carbone risulta troppo indigesto. Anche perché sono questi i punti che fanno la differenza, quando giochi male e non tiri quasi mai in porta.

La coppia Vucinic Baptista davanti proprio non funziona e soprattutto nel primo tempo la Roma resta a guardare, come del resto Marchetti. Non che il Cagliari stesse facendo sfraceli ma il gol che sbaglia Lazzari ha del clamoroso.

La svolta nella ripresa. Rigore giusto ma senza senso regalato dalla difesa cagliaritana e Pizarro accende il suo di petardo dopo averne subito le conseguenze al rientro in campo.

Senza preavviso arriva anche il raddoppio di Perrotta, manna dal cielo. Doppio vantaggio e Cagliari mai pericoloso, tutto sembrava già scritto. Girandola di cambi, tra l’altro opportuni visto l’evanescente Baptista e lo sfinito montenegrino.

Putroppo Menez non fa quello che dovrebbe, ossia tenere palla il più lontano possibile dall’area giallorossa, anzi tocca pochi palloni e quelli che gioca li perde tutti. Toni non giudicabile anche perché ormai i compagni di squadra sono già rintanati nella propria metà campo.

Sul più bello, cioè nel recupero, si spegne la Roma. Prima un gol in mischia di Lopez, viziato da un evidente fallo di Conti. Si riaccendono i padroni di casa, non nuovi a queste imprese. Altri due minuti e arriva il pareggio. Cassetti si dimentica di Larrivey, Julio Sergio fa il miracolo, Juan si addormenta e il figlio ingrato ci toglie due punti.

Punti pesanti perché la lotta per il quarto posto è durissima. A fine anno si rischia di arrivare tutti attaccati. Pensare ad altre posizioni non fa bene a nessuno. L’unico obiettivo deve essere la quarta piazza. Concentrati solo su questo.

petra@corederoma.it