martedì, Giugno 02, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Leggi il nostro commento alla partita Guarda le pagelle Guarda le foto della partita Leggi le interviste dei protagonisti Guarda il tabellino
COMMENTO PAGELLONE FOTO INTERVISTE TABELLINO

Fango e pioggia ma la Roma c’è. In un campo di battaglia i giallorossi hanno lottato, hanno sofferto ma anche imposto il gioco. La sconfitta sarebbe stata pesante e ingiusta, col punticino il morale rimane alto.

Partenza decisa, Palermo sotto botta e arriva il vantaggio. Capolavoro del capitano con il tocchetto magico per Brighi. C’era da assestare il colpo del ko e qui la Roma è mancata. I rosanero hanno ripreso coraggio, metri e campo.

Lo sfortunato pareggio subito però ha ridato la scossa tanto da andare a trovare il nuovo vantaggio con un colpo di testa di Burdisso. Qui altro errore, la testa se ne è andata negli spogliatoi senza giocare il minuto di recupero. Puntuale il pareggio di Miccoli.

I padroni di casa entrano più decisi nella ripresa. Si soffre, si stringono i denti, la squadra si allunga e lo svantaggio è inevitabile. Con la pioggia che aumenta sempre più di intensità le speranze di riacchiappare la partita diminuiscono col passare dei minuti.

La stanchezza lascia il segno, non si gioca più a pallone ma solo con i lancioni. E proprio allo scadere su uno di questi si lancia Okaka e si va prendere un rigore insperato. Il capitano realizza e la trasferta si fa più dolce.

È stato davvero importante non perdere. Certo prendere di nuovo tre gol non è piacevole, però si potranno rivedere gli errori con più serenità.

Domenica si torna in Sicilia e qui sì che vogliamo i tre punti. Abbiamo troppi conti in sospeso da quelle parti, è arrivato il momento di chiuderli. Recuperare più energie possibili per saccheggiare Catania.

petra@corederoma.it