martedì, Giugno 02, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Leggi il nostro commento alla partita Guarda le pagelle Guarda le foto della partita Leggi le interviste dei protagonisti Guarda il tabellino
COMMENTO PAGELLONE FOTO INTERVISTE TABELLINO

fonte: www.romanews.eu

Ranieri in sala stampa
Mister che partita è stata?
“Una partita giocata praticamente su una piscina. Abbiamo sbagliato a non chiuderla nel primo tempo quando eravamo in vantaggio 1-0 . Lì dovevamo essere più cinici e chiuderla. Ci siamo fatti riprendere e poi è stato tutto più difficile. Il Palermo è stato più bravo di noi nella ripresa ad interpretare meglio la gara. Abbiamo risentito del campo così pessimo. La prestazione c’è stata ma dobbiamo migliorare non dobbiamo incassare tre gol”.
Cosa si sente di aver trasmesso di suo alla squadra?
“Sono contento di quello che mi stanno dando. Mi è piaciuto molto l’atteggiamento di ragazzi che sono entrati, in particolare Faty e Okaka che è entrato si è subito dato da fare e si è anche fatto subito ammonire per eccessiva generosità. Questo è lo spirito giusto che voglio io”.
Su Totti
“Ha fatto il Totti. Non facciamo polemiche ora”.
Mexes?
“E’ un giocatore importante ma avendo tre centrali tutti importanti, lui è leggermente meno in condizione degli altri due. Sono sicuro che si riprenderà il posto in nazionale”.

Ranieri alla Rai
“La difesa della Roma? Stiamo lavorando per voi, come sulla Salerno-Reggio Calabria. Speriamo di metterci meno tempo. Nella ripresa il campo era davvero impraticabile, era come giocare a a pallanuoto. Se mi sentivo meglio quando allenavo la Juve? Direi di no, sto meglio a casa mia”.

Ranieri
a Sky
Roma bella nel primo tempo, sufficiente nel secondo. Probabilmente è mancata intensità difensiva per mantenere il risultato?
“Io credo che il campo ha giocato un ruolo fondamentale. Siamo più tecnici del Palermo e questa situazione ci ha svantaggiato tatticamente. Dovevamo essere più cinici nel primo tempo e passati in vantaggio avremmo dovuto mantenere il risultato, invece ci siamo fatti raggiungere. Il secondo tempo è stato di pallanuoto, comunque abbiamo comunque lottato fino in fondo e ripreso il risultato”.
Su Miccoli non ha funzionato qualcosa oppure ha funzionato tutto? Aveva previsto qualcosa di particolare per lui?
“Ha funzionato Miccoli. Se è un talento lasciamogli le giocate che sa fare. Avremmo dovuto raddoppiarlo ma è in una condizione eccellente. Già era tanto restare in piedi”.
Comincia ad esserci ora nella Roma una riquadratura del cerchio. Questa squadra ha delle qualità tecniche che forse una o due altre squadre possiedono in Italia. Dove pensa che si possa arrivare? C’è comunque un limite della sua sprovvedutezza che la frena?
“Me lo auguro che ci sia un limite. Non so dove si può arrivare. Di certo dobbiamo migliorare, quando ci distendiamo lo facciamo molto bene ma dovremmo rimanere più compatti. In alcune circostanze mi sembra che i ragazzi siano un po’ troppo generosi e pensano un pochino di meno. Abbiamo preso 3 goal, io non voglio che il portiere ne incassi uno, figuriamoci tre. L’importante comunque è fare risultato perché i ragazzi si stanno impegnando. Giocare tre volte in una settimana non aiuta, non ci si riesce ad allenare e non si riesce a fare tanto anche tatticamente. Di difficoltà ce ne abbiamo tutti, io in particolare perché sono arrivato da pochi giorni”.
Grande Totti, solito leader. Come giudichi chi dice che lei l’ha criticato?
“Totti è uno di quei giocatori che fa la differenza. Quella non era una critica, era un consiglio. Tutti dobbiamo essere intelligenti nel fare certi movimenti. Lui non deve venire incontro sempre perché lo sanno tutti. Ora il sistema di gioco è diverso. Tutti dobbiamo giocare in un’altra maniera”
Credo che Totti abbia le spalle sufficientemente larghe per non giudicare lesa maestà una critica che arriva da un allenatore che deve reimpostare l’assetto di una squadra…
“Totti è romano come me per cui le cose gli scivolano via. Noi romani ne abbiamo viste tante. Le cose ci scivolano dietro le spalle e guardiamo avanti perché domani è un altro giorno…”

Ranieri a Roma Channel
“Dopo il primo gol dovevamo chiudere la partita. Il Palermo era in difficoltà e non ne abbiamo approfittato. Il campo giocava a favore loro, essendo il Palermo una squadra meno tecnica della Roma. Noi dobbiamo migliorare ancora. Giocando ogni tre giorni ci si allena col contagocce. La prestazione c’è stata, come contro la Fiorentina. Non vogliamo incassare tre gol ma stiamo lavorando e prima o poi aggiusteremo tutto. Motta è andato bene. Faty e Okaka si sono calati alla perfezione nella battaglia. Stefano si è procurato pure il rigore. Bene così, credo in questi ragazzi. Il secondo gol del Palermo? Me lo rivedrò con calma. Io poi analizzerò tutte le azioni in cui abbiamo subìto. Perrotta questa mattina ha avuto problemi al polpaccio, non dovrebbe avere problemi per Catania. Andremo a Catania con i tappi di cera e cercheremo di fare bene”.

Nocerino in sala stampa
Sul fallo di Rubinho su Okaka, che ha causato il rigore del definitivo pareggio dei giallorossi.
“Più che essere contento per il primo gol, mi dispiace per come sia finita la partita perché abbiamo fatto un grandissima gara. Purtroppo negli ultimi minuti abbiamo subito gol per una nostra disattenzione. Non è colpa di Rubinho perché siamo una squadra e l´errore è dovuto sempre a una mancanza di tutti. Adesso ci dobbiamo preparare per la gara di domenica contro la Lazio”.
A chi dedichi il gol?
“Al gol il mio primo pensiero è stato per la mia famiglia in tribuna e poi ho abbracciato il mister. Dedico la mia rete a loro, ma anche ai soldati italiani morti a Kabul, le loro famiglie in questo momento hanno bisogno della mia gioia più di me”.
Su Ranieri
“Io non ho rivalse nei confronti di mister Ranieri, però il mio è un gol che mi darà fiducia e mi farà lavorare con più ottimismo, dobbiamo solo continuare così”.

Pradè a Roma Channel
“Abbiamo cominciato alla grande. Potevamo chiudere, dovevamo essere attenti. Abbiamo giocato su un campo quasi impraticabile, difficilissimo. Si sono visti il carattere, la forza di reazione: questo è sintomo che la squadra crede. E’ un campionato difficilissimo. Vogliamo che la squadra sia vogliosa e che dimostri carattere. Dobbiamo essere uniti. I calciatori dicono che Simplicio abbia fatto fallo su Cassetti e che fosse anche in fuorigioco. Miccoli sappiamo chi è, poi. Il calendario è duro. Speriamo di recuperare Baptista che ha un problema all’adduttore alto e all’anca”.

Pizarro a Roma Channel
“Siamo contenti di aver pareggiato su un campo improponibile. Sul livello caratteriale ci siamo. Fa piacere vedere che ognuno corre per l’altro. Ci siamo. Abbiamo capito il messaggio di Ranieri. Dobbiamo dimostrare il nostro valore domenica dopo domenica. Ci teniamo a fare risultato ovunque. Il gol di Miccoli? Avremmo preferito andare negli spogliatoi sul 2-1. Abbiamo parlato con l’arbitro ma va bene così, ormai”.

Burdisso a Roma Channel
“La cosa più positiva di oggi è non aver perso. Con un altro campo sarebbe stata un’altra partita. Siamo in salita, e questo è un risultato importante. Per la difesa è un periodo nero, siamo attenti ma non riusciamo a chiudere la porta. Siamo sfortunati, anche io stasera lo sono stato sul primo gol. Ma siamo comunque sulla buona strada. Il primo gol? Me lo sono goduto per dieci secondi… domenica abbiamo un’altra battaglia”.

Zenga in sala stampa
“Questa sera credo che tutti i tifosi presenti alla stadio o davanti alla Tv abbiano apprezzato lo spirito di questi ragazzi. La squadra ha lottato sino all’ultimo nonostante le condizioni atmosferiche. E’ un peccato ma sono contento. In occasione dell’azione che ha causato il calcio di rigore per la Roma avevo chiesto il cambio. Bovo era già pronto per entrare ma il quarto uomo si è distratto e non ha completato il documento della sostituzione. Il rigore magari sarebbe arrivato comunque però qualche piccolo rammarico rimane. Rubinho? Preferisco analizzare questi aspetti in privata sede. A partire da domani affronteremo questi argomenti ma questa sera voglio parlare unicamente della grande prova offerta dai ragazzi. Dal carattere di Migliaccio alla grande prestazione di Budan e Miccoli”.