martedì, novembre 12, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Leggi il nostro commento alla partita Guarda le pagelle Guarda le foto della partita Leggi le interviste dei protagonisti Guarda il tabellino
COMMENTO PAGELLONE FOTO INTERVISTE TABELLINO

Totti in zona mista:
Non eri finito?
“Quasi… Mi mancheranno due mesi…”.

Totti alla Rai:
“È stato importante lo spirito del gruppo, la voglia di vincere, restare attaccati a Genoa e Fiorentina. Anche oggi abbiamo visto che, senza grandi giocatori si può pure vincere, come ha fatto la Fiorentina senza Mutu ed il Genoa senza Milito. La Roma ha fatto bene anche senza Totti, spero in questo finale di stagione di poter dare il mio contributo. Le cose dette sul mio declino mi hanno dato fastidio, ma ormai ci sono abituato. Il contratto? Fra un pò decideremo con la società, potrei anche avere firmato. Non ci sono problemi, comunque. Posso dire di non avere firmato. La doppietta di oggi la dedico a me stesso”.

Spalletti a Sky
Avete dato un segnale importante con questa vittoria.
“Le occasioni mi sono sembrate più a nostro favore. Il Bologna ha fatto la sua gara, la mia squadra ha risposto bene. Abbiamo giocato la partita che dovevamo. Una gara difficile, vinta meritatamente”.
Si aspettava un Totti così?
“Ha fatto una gara straordinaria. Anche sotto l’aspetto della condizione fisica. E’ la cosa che più ci fa piacere. Il suo apporto qualitativo è quello che fa la differenza”.
Preoccupato per le vittorie delle concorrenti?
“A Genoa e Fiorentina vanno fatti i complementi. Hanno vinto su due campi difficili. La Fiorentina l’ho vista e ha giocato bene. Complimenti a loro”.
Ci sono stati alcuni episodi. La Roma ha vinto con due rigori.
“Di episodi ce ne sono stati altri oltre ai rigori. La squadra ha meritato di vincere e bisogna porre l’evidenza su questo”.
Dopo la partita con la Juve aveva detto che le assenze sono pesate.
“Ho detto che dentro la partita se quelli che hanno giocato fossero stati in condizione sarebbe stata diversa la situazione. Dobbiamo ringraziare giocatori come Vucinic che si sono sacrificati per indossare la maglia”.

Spalletti a Roma Channel
“Buona prestazione anche se il Bologna è stato dentro la sfida lottando alla pari”.
Capacità di soffrire
“Di episodi ne sono capitati, anche quella di Brighi dopo il 2-1, ma quelle sono occasioni nettissime, se non le chiudi ti devi sacrificare. La squadra lo ha fatto bene, ha retto bene, lottando nella maniera corretta”.
È sembrato che faticaste troppo a chiudere sulle difficoltà che costruiva il Bologna
“Difficoltà nel tenere la squadra corta le abbiamo. Non è detto sia un difetto. Più corto stai più campo gli dai dietro. Bisogna giocare sulla lettura, se accorciare, allungare. Qualche difficoltà in questo la evidenziamo”.
Finalmente avete ritrovato Totti
“Francesco oltre che fare i due gol, che potrebbero essere normale, anche se bisogna avere il carattere particolare per segnarli, ha fatto vedere di essere in condizione mentale e fisica”.
Menez come sta? Come mai è uscito?
“Aveva preso una botta in un allenamento prima della gara. Nell’ultimo non aveva potuto allenarsi. Oggi stava bene, poi ci ha ripreso un colpetto e ho scelto di far entrare Baptista. Ogni tanto un cambio va fatto”.
Sabato si riparte dal derby con la Lazio.
“Grande squadra che sta benissimo in campo, fanno ottime prestazioni anche quando perdono. La Lazio ha qualità assolute difficili da arginare, uomini di tecnica e velocità. Non farà testo quello che si è vissuto precedentemente. Si dice che nel derby è più facile vinca la squadra peggiore”.
Le dirette concorrenti per il quarto posto hanno vinto
“Dobbiamo fare meno calcoli possibili, dobbiamo vincerle quasi tutte, giocando a viso aperto come oggi, buttando il cuore oltre la staccionata”.
Un calendario che vi porterà spesso lontano dall’Olimpico
“Gare tutte difficili, ora che cambierà la temperatura bisognerà vedere come si reagisce. Dobbiamo ancora recuperare degli elementi”.
Perrotta ha detto che lotterete fino in fondo
“Noi ci crediamo fino in fondo, dobbiamo avere questa ricerca”.
E lo scorso anno avevate più punti di distacco dall’Inter
“Nei finali abbiamo sempre espresso la nostra chimica e lo dobbiamo fare anche quest’anno”.

Perrotta a Roma Channel
Con Totti un’intesa sempre perfetta
“Sì, da un po’ di anni io e Francesco giochiamo insieme e abbiamo una grandissima intesa. Vado nello spazio perché so che mi arriverà la palla con i giri giusti. Vado tranquillo”.
Spesso si perde l’attenzione concedendo troppo
“E’ vero, ne parliamo spesso, oggi però c’era anche un gran caldo nel primo tempo, nel secondo siamo riusciti a trovare le solite giocate”
Come è andato il rientro?
“Mi sembrava più grande il campo. È andata bene, alla fine avevo i crampi, ma è stato un buon rientro”.
Le dirette concorrenti hanno vinto
“Speravo in un successo pieno della Reggina. Noi ci saremo fino alla fine sperando loro possano perdere dei punti”.
Quanto diventa difficile adesso?
“L’anno scorso avevamo di fronte l’Inter, a questo punto della stagione avevamo più di cinque punti di ritardo e ci siamo giocati lo scudetto fino all’ultimo. Sappiamo l’importanza di arrivare quarti e ci proveremo, lavorando per quello”.
Ora il derby in casa della Lazio
“In casa della Lazio ci sono sempre più romanisti che laziali. Loro vengono da un periodo non felicissimo ma il derby sono partite mai facili. Speriamo di fare come all’andata”.
Finalmente Perrotta ha ritrovato il sorriso
“Il sorriso l’ho sempre avuto. Ho passato un momento con dei problemi ma il sorriso non l’ho mai perso. Il sorriso è importante”.

Pizarro a Roma Channel
“Non ci aspettavamo un caldo così, ci ha sorpreso”.
Roma che sa soffrire
“Sì, i ragazzi che sono arrivati dalle nazionali hanno speso molto,. Era normale soffrire così col Bologna che ha giocato bene. Bravi a non mollare, abbiamo un obiettivo che è il quarto posto. La vittoria delle avversarie non ci distrae, sappiamo di avere le possibilità per arrivarci, anche se non dipende solo da noi”.
Come sta?
“Ho sofferto un po’ di crampi, credo la stanchezza, niente di ché. Poi con le gambe mie è più piccolo il crampo”
Derby e Fiorentina gare decisive?
“Sicuramente sì, cercheremo di arrivare allo scontro diretto con meno punto possibile di distacco. Le potenzialità le abbiamo e abbiamo ritrovato Francesco, fondamentale per noi”
Fiorentina o Genoa?
“Due ottime squadre. Poi quando un anno è segnato…”
Come mai così tanta sofferenza oggi, rischiando di riaprire una gara che sembrava chiusa?
“Abbiamo nel DNA di riaprire le gare. Mancanza di concentrazione nei momenti in cui devi capire dove gestire e non spingere sull’acceleratore”
Quanto sarà importante il recupero degli infortunati?
“Contenti che per questo sprint finale abbiamo altri giocatori per noi fondamentali. Speriamo di riuscire a raggiungere il nostro obiettivo”.

Motta alle radio
“Le partite sofferte sono le più belle da vincere, siamo contenti per la vittoria e da domani si pensa al derby”.

Mihajlovic a Sky
Hanno vinto i migliori?
“Sulla carta sì, ma in campo penso di no perché oggi abbiamo disputato un’ottima gara, il pareggio sarebbe stato giusto. Sono contento, anche se sembra assurdo dopo una sconfitta, perché ho rivisto la squadra che voglio io, una squadra che lotta e non molla mai, siamo stati un po’ sfortunati, ma sono ancora più fiducioso adesso”.
Sui due rigori della Roma.
“I rigori potevano anche starci, sono convinto che se fosse successo a noi, uno dei due non l’avrebbero dato. Io chiedo agli arbitri, come chiedo ai miei giocatori, quando si incontra una grande squadra, si gioca davanti a un grande pubblico come oggi, di avere più personalità. Noi oggi l’abbiamo dimostrato, l’arbitro purtroppo ha fatto le scelte meno rischiose, diciamo così”.

Antonioli alle radio
“Abbiamo avuto qualche occasioni, il primo rigore è stato generoso il secondo netto. Peccato perchè il primo lo avevo intuito poi Francesco è stato bravissimo a tenere la palla bassa. Poi per me è un’emozione particolare giocare contro la Roma, magari potessi giocarci tutte le domeniche”.