domenica, dicembre 15, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Leggi il nostro commento alla partita Guarda le pagelle Guarda le foto della partita Leggi le interviste dei protagonisti Guarda il tabellino
COMMENTO PAGELLONE FOTO INTERVISTE TABELLINO

La sorte ha agito non tanto sugli infortuni, quelli dipendono anche dai giocatori, ma sulla febbre di Vucinic e su Loria.

Arrivare rimaneggiati in terra calabra, soprattutto nel reparto offensivo, e scoprire che il montenegrino ha una febbre da cavallo ti fa maledire la dea bendata e tutte le sue donzelle. Capisci che la giornata inizia male e che la partita con l’ultima in classifica sarà una battaglia.

Il campo è pessimo come ogni anno a Reggio. La pioggia caduta prima e durante fa il resto. Un pantano vero e proprio che livella ancora di più il tasso tecnico. Infatti Menez non entra mai in partita, il suo tocco raffinato non è fatto per i porcili.

Chi tira fuori una prestazione super è il cileno Pizarro. Lo trovi dappertutto e realizza una doppietta che poteva regalarci una vittoria importante. Splendido il gol del pareggio e bravo a mettere una toppa sul pessimo tiro dal dischetto.

Okaka, prima di trasferirsi a Trieste, mette in mostra tutto il suo fisico. Fa tanto lavoro sporco, si procura anche occasioni importanti, quello che gli manca è il guizzo finale davanti alla porta. Questa esperienza in B sarà fondamentale per lui e per la Roma.

Saplletti fa un errore clamoroso a dieci minuti dalla fine. Decide per una sostituzione che ci costerà davvero cara. La sua decisione è discutibile da tutti i punti di vista. Togliere Taddei per Loria quando i padroni di casa non stavano più giocando non è logico. Palle alte in area non ne arrivavano proprio ormai, e poi c’erano Juan e Mexes contro Corradi. Mettere un giocatore in difficoltà psicologiche in un campo del genere è da pazzi e con la partita in bilico ancora di più.

Certo Loria commette un errore ma non si può condannarlo. Anche Juan aveva sbagliato poco prima e se non ci fosse stato Tonetto avremmo preso lo stesso il gol. È che purtroppo la sua avventura giallorossa non è andata e non solo per limiti suoi.

Peccato perché la classifica sarebbe stata diversa, addirittura si intravedeva il terzo posto. Lasciamo stare e concentriamoci sul quarto. Da tenere d’occhio il Genoa, che calerà, e soprattutto i viola, saranno loro il nemico da battere.

Recuperiamo l’ennesimo mucchio di acciaccati e torniamo all’attacco, a cominciare dai genoani!

petra@corederoma.it