mercoledì, Agosto 17, 2022 Anno XXI


da ansa.it

Francesco TottiUn gol e il capitano e’ a 178 reti come la bandiera juventina

‘E’ un onore pensarsi in corsa per raggiungere Boniperti nella classifica marcatori di tutti i tempi’. Per Totti domani e’ un giorno storico. ‘Puo’ essere un’occasione storica’, aggiunge. Il capitano della Roma fino a oggi ha segnato 177 reti in A, tutte con la maglia della Roma, ora e’ a un solo gol dalla bandiera bianconera e domani contro il Torino provera’ a raggiungerlo e superarlo. Oggi Boniperti, in una lettera aperta, gli ha augurato di farcela.

da lasignoraingiallorosso.it

Luciano SpallettiQueste le dichiarazioni rese inconferenza stampa da Luciano Spalletti alla vigilia della gara con il Torino.

Che bilancio può fare della stagione?
Noi giocheremo per la vittoria, anche perchè ci serve per ringraziare il popolo giallorosso per l’appoggio e il sostegno che ci hanno dato anche quando le cose non sono andate bene. Il dissenso va accettato, ma anche nel dissenso si vede il sostegno dei nostri sportivi. Dico che non è una stagione tutta da buttare, sono state fatte anche delle buone cose. Se noi andiamo vedere quello che abbiamo fatto in questi quattro anni, ci accorgeremmo dei numeri importanti che vanno a supporto dei nostri calciatori e delle partite disputate, che danno lustro alla nostra società.

Lei come tecnico pensa di aver fatto il massimo in questa annata?
Probabilmente all’inizio della stagione c’è stato un periodo difficile e ho delle responsabilità importanti. Ad inizio stagione siamo arrivati un po’ morbidi. Poi mi sono sempre impegnato al massimo e magari attraverso l’impegno massimale mi sono lasciato trascinare in qualche reazione che non dovevo avere ma anche lì è sintomo di affetto e di amore.

Lei ama riscattarsi e giocarsi la credibilità?
Per me il calcio è una professione serie ed importante, attraente, per cui sono innamorato. Tutto quello che riguarda il calcio mi appassiona e mi piace misurarmi. E’ chiaro che in un ambiente come quello di Roma bisogna lavorare in maniera corretta e trasparente, senza creare aspettative che non si possono rispettare.

L’anno prossimo resterà alla Roma?
Nelle conferenze precedenti mi hai già fatto domande simili. Sotto questo aspetto non scherzo: la Roma è un’attrazione incredibile per quelli che fanno il mio lavoro. Sono incantato dalle bellezze di Roma. Con i ragazzi mi sembra di aver avuto un buon rapporto. Ciò significa voler dire anche quello che deve essere il suo ruolo e la sua disponibilità. Ci può stare che un calciatore viva un momento particolare di vita e lo porti dentro lo spogliatoio. Ma io ho cercato spiegare la traccia da dover seguire per avere partecipazione. Devo parlare con la Sensi come lei deve parlare con me. Una cosa la devo fare io, un paio lei e parleremo a metà settimana. Si cerca solo il momento giusto per avere la tranquillità per spiegare bene i programmi sempre per il bene della Roma e per i suoi sportivi.

E’ fiduciso?
Io so quello che devo dire, lei mi chiederà quello che vuole chiedermi. Bisogna lavorare in maniera seria e costante, buttarsi dentro in maniera importante in un impegno professionale assoluto.

Al di là dei contratti e degli incontri, l’attrazione è ancora viva verso la Roma?
Quando io dico “devo dare il 150 per cento” non significa non aver stimoli o entusiasmi. Se non si hanno i punti fermi dei progetti o una chiarezza assoluta, diventa difficile dare il contributo importante. Si farà un discorso corretto sempre per il coinvolgimento verso una partecipazione totale.

I punti fermi potrebbero essere una campagna acquisti dignitosa?
Un punto fermo? La riconferma di Giorgio Rossi alla Roma.

Lei cosa deve chiedere alla Roma?
Niente, io sono innamorato di Roma e della Roma. Dopo che ci saremo confrontati in maniera corretta e trasparente, si possono trarre le conclusioni.

Sarà un colloquio definitivo?
Vediamo quello che viene fuori. Siamo d’accordi che ci saremmo sentiti e stare insieme a fine campionato e lo faremo.

Lei si aspetta chiarezza: e se questa chiarezza non dovesse arrivare?
La Sensi è stata straordinaria a non fare vivere alla squadra la difficoltà finanziaria che gli si vuole attribuire. Noi abbiamo sempre riscosso tutto puntualmente. Noi dobbiamo fare il nostro lavoro dentro il rettangolo di gioco e la Sensi ci ha sempre pagato. Quindi la dottoressa Sensi è straordinaria.

Se la squadra si smobilitasse, lei ci lavorerebbe lo stesso?
Ci lavorerei comunque. Una programmazione fatta in maniera complice in tutti gli aspetti io ci lavorerei tranquillamente. Lavorare nella Roma fa piacere, ma non posso garantire di vincere il campionato. Se poi venisse qualcuno che garantisce questo, io mi farò da parte. Vorrei sottolineare che noi giochiamo sempre per la vittoria. Se si dice che è disastroso arrivare sesti, io rispondo che si può arrivare anche decimi, ci sta.

F.Cav.

Guardava il mare Ago quella mattina del 30 maggio?
Doveva essere una bella giornata piena di sole e di colori. Continua >>