domenica, agosto 18, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Il nostro commento sull’ennesima tragedia che si consuma in seno alla nostra squadra gestita in maniera raffazzonata, senza anima e senza cuore ma anche senza lungimiranza da tristi figuri che risiedono tra le brume anglo-americane è quasi pleonastico.

Non c’è tifoso, non c’è sportivo, non c’è persona, che possa comprendere e/o avallare la scelta di questi personaggi di non rinnovare il contratto a Daniele De Rossi.

Decidere di privarsi dell’uomo, del capitano, dell’amico, del guerriero, del simbolo, dell’uomo-spogliatoio, di uno dei figli prediletti della nostra città è talmente autolesionistico che ci fa pensare che ormai sia stata varcata quella sottile linea rossa … e gialla che demarca il confine tra la lucidità e la follia.
Dopo che il signor James Pallotta ha pensato bene di inimicarsi i tifosi della curva sud (unico e inimitabile dal 1927 ad oggi), ovvero del tempio, del luogo in cui viene custodito il fuoco sacro della romanità calcistica, provvedendo ad etichettarli(ci) come fottuti idioti; Continua >>

Il nostro commento sull’ennesima tragedia che si consuma in seno alla nostra squadra gestita in maniera raffazzonata, senza anima e senza cuore ma anche senza lungimiranza da tristi figuri che risiedono tra le brume anglo-americane è quasi pleonastico.

Non c’è tifoso, non c’è sportivo, non c’è persona, che possa comprendere e/o avallare la scelta di questi personaggi di non rinnovare il contratto a Daniele De Rossi.

Decidere di privarsi dell’uomo, del capitano, dell’amico, del guerriero, del simbolo, dell’uomo-spogliatoio, di uno dei figli prediletti della nostra città è talmente autolesionistico che ci fa pensare che ormai sia stata varcata quella sottile linea rossa … e gialla che demarca il confine tra la lucidità e la follia.
Continua >>

Ci siamo volutamente astenuti dal commentare la ridicola performance di mercoledi contro il Porto per due principali motivi: non ne avevamo alcun dubbio, come già affermato nel precedente redazionale post-derby, e ci sembrava oltremodo sterile alimentare il dibattito su chi, tra arbitro ed allenatore avesse le colpe maggiori del disastro.

Per quanto il furto sia stato palese è evidente che funziona (male) come alibi sulla singola partita, ma non sulla striscia di prestazioni negative da sei mesi a questa parte.

Continua >>

I morti in piedi visti stasera in campo contro i fuori raccordo, danno la cifra di una combinazione letale di ex-giocatori (Fazio, Juan Jesus, Pastore), mai diventati tali (Florenzi, Pellegrini, Cristante, Shick), mezzi allenatori e mezzi dirigenti.

Una specie di replica, malriuscita, del celebre film dell’orrore di Zack Snyder in cui pure qui, manco a dirlo, non si salva nessuno.

Continua >>