martedì, Ottobre 20, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Leggi il nostro commento alla partita Guarda le foto della partita Leggi le interviste dei protagonisti Guarda il tabellino
COMMENTO FOTO INTERVISTE TABELLINO

da romanews.eu

DE ROSSI ALLE RADIO
La sconfitta all’andata ha fatto partire col piede sbagliato anche la partita di ritorno… Sicuramente potevamo rimettere in piedi la partita e nel secondo tempo si è visto. All’andata potevamo fare un po’ di più ma anche l’ abbiamo avto delle occasioni clamorose… Certo è anche mancato qualcosa dal punto di vista nostro, ma avevamo davanti l’Inter
L’inter le sembra lontana?
No, non mi sembra… Poi oggi ci mancavano tanti giocatori… Credo che la Roma sia appena un gradino sotto
Come arrivate a domenica dopo questa sconfitta?
Dovremo fare due finali, io spero per uno sconto nell’ultima partita…
Quanta rabbia c’è a fare lo spettatore per te e per Francesco?
Quando stai a guardare ti chiedi perché lo stai facendo… io penso al perché della mia squalifica e sicuramente farò meglio in futuro

MONTELLA IN ZONA MISTA

“Pizarro non sta bene, non è il ginocchio, ma l’adduttore’

MONTELLA A RAI 1

Un po’ di rammarico c’è, questi 3 minuti…
C’è rammarico abbiamo provato fino alla fine, al di là dei minuti di recupero
Si parlerà della prova di Menez ti ha soddisfatto?
Ce l’ha messa tutta, ma sul piano qualità continuità ci aspettiamo di più
La Roma del secondo tempo è stata migliore…
Ma non per l’uscita di Menez, prima ci è mancato coraggio velocità, poi abbiamo alzato i ritmi, abbiamo giocato fino alla fine contro l’Inter, non meritavamo di uscire
Hai mai pensato di schierare Vucinic e Menez con Borriello prima punta?
Ci ho pensato, ma non avevo un cambio vero in panchina, non potevo rischiare

MONTELLA A ROMA CHANNEL
La Roma si è svegliata un pò tardi, visto la posta in palio?
“In parte sono d’accordo. Però non è che ogni volta si deve trovare le cose negative, la squadra ci ha provato. Avevamo in campo Pizarro e Cassetti non al meglio, contro un Inter fresca di qualità e di esperienza. Sarà anche merito loro. Valutando il primo tempo è vero potevamo essere più veloci e rischiare di più, cercare più la profondità. Però abbiamo creato 3-4 occasioni. La squadra ha prodotto, certo potessimo tenere un ritmo sempre più alto degli avversari per tutta la partita faremmo bingo. Comunque nel secondo tempo la squadra ha alzato i ritmi, me l’aspettavo prima ma non eravamo al top con 11/11. Non era facile. La squadra ha fatto quel che poteva fare, con coraggio e un pizzico di sfortuna. Da qualche giocatore a livello tecnico ci si aspetta di più”

La prova di Borriello e Vucinic
“Marco è cresciuto nel corso della partita, Vucinic è entrato dopo non essersi allenato. Non eravamo al mssimo con alcuni giocatori, altri giocatori titolari erano a casa. E nonostante questo abbiamo finito in crescendo. Io vedo il lato positivo, poi l’eliminazione dispiace a tutti. Il calcio è questo e secondo me va accettato. Ci tengo a far complimenti a Greco che, nonostante non abbia mai giocato con me, è entrato con la giusta determinazione. La squadra è entrata in campo per qualificarsi, fino alla fine. Queste qualità bisogna mettere in campo, anche a Catania, perchè abbiamo la possibilità con un passo falso delle avversarie di essere ai preliminari. I ragazzi stanno facendo tutto ciò che possono attualmente”
Doni torna ai suoi livelli, Greco entra e gioca così, Vucinic recuperato, Borriello sembra tornato. Quanto credi nel rush finale?
“Ci crediamo, a prescindere dagli infortunati. Abbiamo dimostrato di credere a quello che facciamo, anche stasera. Domani smaltiremo questa amarezza, il calcio è questo, siamo usciti a testa alta”
Credi in un passo falso dell’Udinese?
“Ci credevo quando ero 9 punti sotto, nel calcio non si sa mai. Noi dobbiamo vincerle entrambe, altrimenti ci sarebbero molti rimpianti”
Sul modulo, nel primo tempo provato un modulo diverso dal 4-2-3-1
“Scelta nata per le assenze e anche per come giocava l’Inter. Abbiamo fatto meglio di loro in mezzo al campo, mancava un pò di velocità e automatismi. Ma non si poteva pretendere di più visto che il modulo non era stato quasi mai provato. Ma sono contento per l’atteggiamento. Nel non possesso palla anche la squadra si è comportata benissimo”

MONTALI ALLE RADIO

3 minuti di recupero…
Pochi, pochissimi… 5 sostituzioni, gioco frammentato, loro che perdevano tempo: non si possono dare 3 minuti, anche perché sul finale noi eravamo in ottime condizioni fisiche e loro erano sulle ginocchia. Usciamo a mio avviso per un tiro da 40 metri di Stankovic all’andata e decisamente potevamo andare a giocarci la finale. Volevamo dare soddisfazione ai tifosi, che ne hanno avute davvero poche. Però ho visto una squadra che giocava per vincere e per osare e questo mi fa ben sperare. Così a Catania prenderemo i 3 punti
Forse il furore un po’ tardi…
Gli innesti del secondo tempo sono stati molto buoni e vogio fare i complimenti a Greco, anche Borriello ha fatto un’ottima gara
Le 4 espulsioni dalla panchina?
Anche lì si è perso tempo… Nessuno ha detto niente, probabilmente faceva parte del gioco
Ha mai visto 4 componenti del suo staff espulsi tutti assieme?
Mai, ma in altri sport queste cose non si vedono, si possono vedere solo ogni tanto nel calcio

MONTALI A ROMA CHANNEL
Una Roma che poteva essere più aggressiva nel primo tempo, si è svegliata tardi
“Si, poi c’era pure il timore di partire male nel primo tempo. Di certo se spingevamo dall’inizio li mettevamo in difficoltà. Siamo stati anche sfortunati, nel secondo tempo ci abbiamo provato con la giusta cattiveria. Sono arrabbiato molto per i 3 minuti di recupero concessi dall’arbitro, ha perso tempo ancora nell’espellere alcuni della panchina nostra. Non ha fatto giocare mentre noi eravamo nella fase di massima determinazione. Usciamo per un tiro di Stankovic da 40 metri”
Peccato anche per i tifosi
“Un vero peccato, quest’anno abbiamo dato poche soddisfzioni a loro. Ma gli uomini veri tengono il timone dritto e ora rimane l’obiettivo più importante, il quarto posto, importantissimo per la vita di questa società”
Un’annata sfortunata, c’è voglia di cambiamento. I tifosi parlano di squadra logora…
“Abbiamo una grande fortuna, abbiamo tifosi che capiscono di calcio, me ne rendo conto da quando vivo a Roma. Soprattutto sono persone che si rendono conto delle cose come stanno e vogliono la verità, chiarezza. Il cambiamento deve essere una opportunità per tutti ma soprattutto dovremo essere chiari con loro. Loro capiranno le strategie. Tutti quanti insieme, ci sarà un grande cambiamento, di idee e di uomini, dovranno starci molto vicini perchè in un cmbiamento così forte c’è bisogno di tutti quanti. Voglio dire però che questa squadra in questi ultimi mesi ha lavorato, sfiderei altre squadre al mondo a lavorare in queste condizioni, è stata viva la squadra fino alla fine che lotta ancora per la champions”
Qual’è la base da mettere per iniziare a vincere?
“Non dimentichiamola questa parola, vincere. Per vincere in ordine servono società, giocatori e allenatori. La prima cosa è la società. Comunque queste due partite della Roma vogliono dire tanto, il futuro è adesso. Se vinceremo le prossime due avremo fatto quel che dovevamo fare”

PERROTTA A ROMA CHANNEL

“A mio avviso abbiamo fatto una discreta partita, certo se il palo di Marco andava dentro avevamo più tempo per poter fare il 2-1. Ma con i se e i ma non si va avanti, analizziamo la partita. Non è stata brutta, abbiamo preso gol per una ingenuità collettiva. Ma per 90? minuti la squadra ha fatto discretamente”

Il tifoso si aspettava una squadra più aggressiva nel primo tempo
“Si però sullo 0-0 la partita poteva sbloccarsi da un momento all’altro e bastava un gol. Il ritmo è vero era un pò blando. Poi dopo preso il gol abbiamo accelerato per riagguantarla.”

Qual’è la condizione dello spogliatoio ora
“E’ stata una annata particolare sotto tutti i punti di vista, sotto l’spetto societario anche se la dottoressa ci è stata vicina. In modo diverso dall’anno scorso perchè anche lei era una precaria, non ci è stata vicina da proprietaria diciamo. Non era facile neanche per lei. Da 3 mesi a questa parte ci sentiamo tutti nell’incertezza, dal magazziniere a Francesco Totti. Non si sa chi resta e chi verrà, si sentono tanti nomi. Questo clima non aiuta la squadra. Non voglio creare alibi, le nostre responsabilità le abbiamo. Però lavorare in un ambiente sereno giova nell’affrontare i problemi che ci sono stati in questa stagione”
Montella destinato a un grande futuro?
“Sono d’accordo, non era semplice per lui allenare un gruppo che conosceva da giocatore. Ha le idee chiare, buiona personalità e un grande futuro”
Il carattere spigoloso dell’Inter, cosa è successo con Burdisso alla fine?
“Li il nervosismo è prevalso. Noi volevamo fare gol, loro temevano di prenderlo. Era il momento cruciale, abbiamo fatto il gioco loro, negli ultimi minuti abbiamo giocato pochissimo a calcio”
Ultime due partite, credete in un passo falso delle altre?
“Assolutamente, non dipende solo da noi. Dobbiamo assolutamente ivncere e sperare che l’Udinese possa perdere qualche punto”

GRECO ALLE RADIO
Roma che non ha giocato benissimo, primo tempo non dei migliori. Tu ti sei scaldato dall’inizio, Pizarro stava male?
Si non stava tanto bene e mi hanno detto di tenermi pronto. Una partita difficile, ma ci abbiamo provato fino alla fine e siamo stati un p’ sfotrunati.
E’ mancato un po’ di coraggio?
C’è stata anche un po’ di stanchezza… siamo stati sfortunati col doppio palo di Borriello…
Inter abbastanza morbida, forse se la Roma avesse tirato fuori prima il furore degli ultimi minuti…
Si però ci abbiamo provato e ci dispiace uscire. Ci abbiamo provato fino all’ultimo
Una fortuna rigiocare tra 4 giorni, o ci vorrebbe una sosta per rifare benzina?
Ormai siamo a fine stagione e domenica è una partita fondamentale per la Champions
Ora necessari 6 punti, sperando che l’Udinese non faccia bottino pieno. Che percentuali dai alla Roma quarta?
Dobbiamo solo pensare a portare a casa i 3 punti di Catania
Avevi mai visto 4 componenti espulsi assieme?
Sono abbastanza giovane, ma è la prima volta che mi capita e non so dare una spiegazione

MONTALI A RAI 1

“E’ un peccato, usciamo dopo1 80 minuti nei quali la squadra c’ha provato. CI stanno stretti i 3 minuti di recupero con 5 sostituzioni. Le espulsioni per qualche protesta. Menez? Non è  solo quello. Penso che Geco sia stato molto utile con grande aggressività. Non mi piace parlare dei singoli. Un peccato uscire così. Ci tenevamo ad arrivare a Roma per la finale. Borriello ha fatto ottima gara. C’è molto rammarico. Se Menez andava sostituito? Mi sento di appoggiare le scelte di Vincenzo. Stasera non sono stati i cambi, non siamo stati fortunati”.