lunedì, novembre 18, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Vediamo adesso come i poeti romaneschi hanno interpretato la storia e la leggenda a proposito di questo evento.
Leggiamo cosa dice il più grande di tutti, rivolgendosi…

A PADRON MARCELLO

Chi ha fabbricato Roma, er Vaticano,
er Campidojo, er Popolo, Castello?
Furno Romolo e Remolo, Marcello,
che nisun de li dua era Romano.

Ma volenno uno e l’antro èsse sovrano
de ‘sto paese novo accusì bello,
er fratello nemico der fratello,
vennero a patti cor cortello in mano!

Le cortellate agnedero a le stelle,
e Roma diventò dar primo giorno
com’è oggi: ‘na torre de Babbelle!

De li sfrizzoli, ognuno ebbe li sui:
e Roma, quelli dua la liticorno,
ma venne er papa, e se la prese lui!

G.G.BELLI

Un poeta moderno, Bruno Fiorentini, ha scritto una STORIA SEMISERIA DI ROMA ANTICA in sonetti: ne trascriviamo qualcuno per cambiare punto di vista. Iniziamo dagli antenati:

OVVEROSII: LI MORTACCI NOSTRI

La storia principiò, si come sanno
inzin li pupi da le prime pappe,
co Enea trojano, poi ch’annò freganno
pe mezzo monno, e qui posò le chiappe.

Indifficile a disse er come e er quanno,
fra momenti de gloria e lippe-lappe,
er bon Virgijo ce sudò quarch’anno
a spreme er sugo e disegnà le mappe.

Je faceva bon gioco padre Enea
pe coprì le vergogne co ‘na foja:
fàsse razza d’eroi, fiji a ‘na dea!

Ma gratta gratta, e taja, e cala, e sbroja,
in fonno se vantaveno a l’idea
d’èsse li fiji (eh, sì) de ‘na gran …Troja.

Bruno Fiorentini continua confermando “l’origine” dei gemelli:

L’INGHIPPO

Parlo d’Amulio. Un giorno che se sbrija,
scatena in Arba Longa una gran buja
pe falla in barba a tutta la famija:
la corona regale era la puja.

Dà addosso ar re leggittimo e l’umija
sbattennolo filato in gattabuja.
E la fija de lui? Povera fija,
la fa “vestale”, e pò cantà alleluja.

L’antro a strillà: ma nun se mosse paja.
Pe poco nun schiattò da la gran doja,
ma nun s’intenerì quela canaja.

Rea Sirvia, che ciaveva quarche voja,
se la levò co Marte, un dio de vaja,
ma pagò er fio d’ogni vestale troja.

Vediamo come Bruno Fiorentini descrive la lite tra Romolo e Remo, a seguito della disputa tra chi avesse visto più uccelli…

LA LITA

-Viè sotto tu, sor Rompi, che te corco!-
Quarche pacere fece scenne er prezzo
e finì cor un –Vaffa..- e un –Brutto porco!-
Ma nun era che er solito intermezzo.

La spuntò Romoletto e tracciò er sorco.
Quell’antro lo smicciava co disprezzo
ner mentre, travestito da biforco,
arancava cor bove già da un pezzo.

E al’improvviso (possin’ammazzallo!)
com’a dì –T’ho fregato!-, com’a dì,
fece ‘no zompo e se piantò a cavallo.

Romolo, qui l’avevi da sentì!
E, pe imparaje che ‘n doveva fallo,
pijò un tortore e l’ammazzò lillì.

Passiamo ad un altro grande interprete della poesia romanesca: Giorgio Roberti.
Nella sua rivisitazione del 21 aprile, l’attenzione è concentrata sui “gemelli”.

Un aratro, du’ bovi maremmani,
quattro fossi, e sò fatti li confini.
Quelli che stanno drento sò romani,
quelli che stanno fora sò burini.

A ‘sto punto, li giovani sovrani
incominceno a fà li litichini
(uno è più duro de li monticiani,
l’antro somija a li trasteverini).

-Mbè, come la chiamamo?- – Je mettemo
er nome mio- fa Romolo. – E’ più cicia
se porta quello mio- risponne Remo.

Roma o Rema? Sbrilluccica er cortello…
Roma è nata co tanto de camicia,
però se perde subbito…un gemello.

Vediamo come Antonio Delle Piane, altro contemporaneo, riesca a intuire cosa ci potrà essere dopo quel 21 aprile:

Vanno, aggiogati assieme, vacca e toro,
verso la Murcia e tracceno le mura.
Nun senteno la fame, né l’arzura:
je preme solo de finì er lavoro.

Dar Celio pe la Velia, insino ar Foro
er quadrato se chiude e, sull’artura
piantata in mezzo, ride la natura
e cià stampato “Roma” a lettre d’oro.

E mentre er Campidojo e l’Aventino
je fanno intorno intorno ‘na raggera,
drento s’arza solenne er Palatino.

Mo, sò appena ‘na mucchia de capanne:
ma poi nun basterà tutta la tera
pe quanto Roma sarà forte e granne!