martedì, ottobre 22, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Ci ritroviamo, meno di tre settimane dopo l’ultimo redazionale, a salutare un inaspettato anticiclone estivo fuori stagione, che ci risolleva un po’ dalla temperature artiche del dopo-derby.

Dobbiamo dare atto a Fonseca di essere uno che quantomeno evita di fare il cazzaro davanti ai giornalisti e sembra, almeno per il momento, credere nel lavoro e nel gruppo.

Con un discreto turn-over e qualche colpetto di martello qua e là, ci si è presentati agli appuntamenti con Sassuolo e Turchi_Impronunciabili con una squadra decisamente messa meglio in campo.

Il fronte offensivo sembra funzionare e questo non era un mistero, pertanto la vera notizia di ieri sera è che finalmente non abbiamo subito gol, e a guardare i nomi dietro non è cosa da poco.

Qualcuno di noi ha anche visto Pastore giocare una partita a livello discreto ma questa ce la teniamo nascosta perchè urlarla troppo forte potrebbe portare una zella di cui non sentiamo affatto la mancanza.

Tutti i giocatori sembrano crescere e questo è molto importante, al di là del fatto che Dzeko e Zaniolo restano comunque gli unici due insostituibili di questa rosa.

Avanti cosi. Lavorare senza inutili trionfalismi e senza rompere i cojoni.

Se gli aspetti tecnici, in queste due partite, lasciano il tempo che trovano, così non sarà domenica contro il Bologna, che sta dove sta in classifica non a caso. Sarà durissima e questo test darà la vera cifra dello stato di forma delle nostre truppe.

Partita questa, che ci consegna anche la possibilità di fronteggiare un avversario duro, ma innegabilmente sincero come Sinisa, al quale abbiamo già fatto pervenire i nostri auguri di una pronta guarigione e al quale va la nostra ammirazione per la massa a vuoto dei propri cojoni.

Vorremmo poi chiosare su un aspetto che dovrebbe far riflettere (semmai ne è in grado) la società: vedere lo stadio semi-deserto in una partita di coppa europea è quanto di più deprimente possa esistere nel calcio… ma in generale nello sport.

Se pensate che questo sia dovuto alle TV non avete capito un cazzo. Ma non sarebbe un novità del resto.