mercoledì, novembre 20, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORI: Crespo (I) al 5′ s.t., Cruz (I) all’11’ s.t.; Perrotta (R) al 38′ s.t.INTERNAZIONALE (4-3-2-1): Toldo; Maicon, Burdisso, Cordoba, Zanetti; Vieira (dal 26′ p.t. Cruz), Cambiasso, Stankovic; Gonzalez (dall’8′ s.t. Recoba), Figo (dal 37′ s.t. Maxwell); Crespo. (Julio Cesar, Andreolli, Grosso, Solari). All. Mancini.
ROMA (4-2-3-1): Doni; Panucci, Ferrari, Mexes, Chivu; De Rossi, Aquilani (dal 13′ s.t. Pizarro); Taddei, Perrotta, Mancini (dal 34′ s.t. Tonetto); Totti. (Curci, Faty, Wilhelmsson, Tavano, Vucinic). All. Spalletti.

ARBITRO: Morganti.
NOTE: spettatori paganti 26.606, incasso 700.699 euro. Espulsi Roberto Mancini per proteste, Cordoba al 26′ s.t. per doppia ammonizione, Panucci per comportamento non regolmentare; ammoniti Aquilani, Cambiasso, Perrotta, Chivu. Recupero 4′ p.t, 3′ s.t.

Guarda la photogallery

L’articolo della Gazzetta dello Sport sulla “Notte di delirio a Fiumicino” (.pdf – 206KB)

Spalletti: non avevo ancora vinto niente. Sono diversi anni che faccio l’allenatore, ora una “coppettina” la potrò mettere in bacheca anch’io: avevo detto a Mancini che, se non avessi vinto, mi sarei fatto prestare una delle sue, visto che ne ha vinte tante. Il merito è dei ragazzi che si sono impegnati molto. La squadra ha fatto passi avanti notevoli in questa stagione, ma anche nella scorsa. E’ una vittoria che va dedicata a loro, a questo splendido pubblico e al presidente Franco Sensi.

R.Mancini: la Roma è stata bravissima all’andata, noi oggi siamo stati straordinari, abbiamo fatto la gara che volevamo, ma siamo stati sfortunati a non andare in gol nel primo tempo. Per me c’era il rigore su Stankovic. Nel secondo tempo siamo stati eccezionali, poi l’espulsione ci ha tolto un giocatore importante.
La gara di oggi non era semplice. I ragazzi sono stati veramente bravi. Ci poteva anche stare il 4-0, poi in 10 contro 11 era difficile, loro giocano benissimo anche in parità numerica… Abbiamo comunque dimostrato grandissimo carattere, gioco e tecnica. L’arbitraggio di Emidio Morganti? C’era un rigore nettissimo su Stankovic, se vai sull’1-0 cambia tutto. Non mi è piaciuto, non ho nulla contro di lui ma per me non ha arbitrato bene. Forse era un po’ fuori forma, ma i meriti della Roma vanno sottolineati, sono stati bravi a farci sei gol all’andata.

Mihajlovic: la Roma ha meritato. All’andata ci stava di perdere, ma prendere sei gol e pensare di rimontare era difficile. Oggi i ragazzi hanno dimostrato carattere, abbiamo avuto tre-quattro occasioni limpide, se avessimo fatto gol nel primo tempo forse avremmo potuto fare di più. Poteva starci il rigore su Stankovic e Maicon, poteva essere un vantaggio andare 1-0 al termine del primo tempo… Comunque la Roma è una grande squadra e ha meritato la Coppa Italia.

Totti: ripartiamo da qui, non è l’ultimo trofeo, ma il primo di tanti. Eravamo abituati a veder vincere sempre l’Inter, non era più possibile, c’era la consapevolezza di volerli battere e ci siamo riusciti. Dedico questa Coppa a tutta la mia famiglia, perché mi è stata vicina nei momenti più difficili e più importanti. Il futuro? Tutti vogliamo ripartire da questo gruppo importante e compatto con qualche innesto in più, poi sta alla società e al mister decidere. Spalletti ha portato convinzione e compattezza nel gruppo: ci eravamo sgretolati, siamo riusciti a ricompattarci ed abbiamo messo in campo lo spirito del mister che, per questo, ringraziamo.
Philippe dice che si sente romano e vuole restare? E allora firmi subito, che aspetta?

Mexes: ho letto tante cose non vere sui giornali. L’intervista del mio procuratore è stata fatta due mesi fa, i giornali l’hanno riportata solamente adesso.
Spero con tutto il cuore che le parti trovino l’accordo, perché io ormai mi sento romano e romanista. Poi con questa straordinaria tifoseria, sto benissimo e voglio restare.