sabato, novembre 23, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORI: 17′ pt Totti (R), 36′ pt Cassetti (R), 41′ st Gio. Tedesco (P).

PALERMO (4-4-1-1): Fontana; Zaccardo, Barzagli, Biava, M. Pisano; Diana (18′ st Brienza), Guana, Corini, Simplicio (24′ st Gio. Tedesco); Di Michele; Caracciolo (1′ st Cavani). A disp. Agliardi, Dellafiore, Ciaramitaro, Bresciano. All. Gobbo-Pergolizzi.
ROMA (4-2-3-1): Curci; Panucci, Ferrari, Mexes, Cassetti; De Rossi, Aquilani (40′ st Faty); Wilhelmsson (8′ st Rosi), Perrotta, Mancini; Totti (28′ st Vucinic). A disp. Doni, R. Defendi, Virga, Tavano. All. Spalletti.

ARBITRO: Tagliavento di Terni.
NOTE: Spettatori 25 mila circa. Ammoniti Biava, Panucci, Ferrari, Brienza. Recupero 1′ pt, 4′ st. Nel recupero, infortunio per Cavani a sostituzioni ultimate, il Palermo finisce la gara in 10.

Guarda la photogallery

Spalletti: primo tempo importante, fatto di velocità, tecnica e qualità. Nel secondo tempo siamo calati, forse anche per il risultato a nostro favore, ma anche per il ritorno del Palermo che ha spinto moltissimo, contenuto però da un ottimo Gianluca Curci.
Prima di giocare c’erano state allusioni ad un nostro minore impegno? Erano lecite, perché non eravamo insinuati in classifica e dobbiamo giocare una finale fra tre giorni, ma non si sono rivelate vere. Proprio per questo faccio grandi complimenti ai miei giocatori, per l’impegno messo in campo
Il calcio d’angolo fatto assegnare al Palermo dai miei giocatori? Non è la prima volta che fanno di queste cose. Bravi… Bisognerebbe farli vedere sempre questi episodi positivi.
La situazione fisica in vista della finale di coppa Italia? Totti si è allenato giocando con il Palermo e gli indisponibili torneranno. I nostri avversari saranno al massimo, ma noi non saremo da meno.

Gobbo: nel primo tempo ci siamo un po’ smarriti dopo la spettacolare rete di Totti su punizione ed abbiamo perso compattezza. Poi, dopo aver fatto fatica nel possesso palla, ci siamo ripresi dalle difficoltà, abbiamo avuto delle occasioni per non andare al riposo sullo zero a due, ma non siamo riusciti a concretizzarle. Nel secondo tempo abbiamo provato in tutti i modi a rientrare in partita, ma ci siamo riusciti troppo tardi.
E’ da molto che non riusciamo a fare risultato in casa e questo un po’ ci pesa, sul malumore del pubblico non posso influire. La Roma? Ha fatto un’ottima gara, è la squadra che gioca il miglior calcio: mi dispiace solo per l’ultimo fallo di Mancini su Cavani, un fallo di frustrazione che non poteva che causare un danno all’avversario. E così è stato.