domenica, novembre 17, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORI: nel pt 3′ Mexes (R); nel st 16′ Gilardino (M).

ROMA (4-2-3-1): Doni, Cassetti, Mexes, Chivu, Panucci, De Rossi, Pizarro, Willhelmsson (22′ st Perrotta), Taddei, Mancini (40′ st Tavano), Totti (37′ st Vucinic). (1 Curci, 21 Ferrari, 28 Rosi, 14 Faty). All.: Spalletti.
MILAN (4-3-1-2): Dida, Cafu, Simic, Nesta, Favalli, Brocchi, Pirlo , Kakà, Seedorf (27′ st Gourcuff), Oliveira (1′ st Gilardino), Ronaldo (34′ st Gattuso). (26 Storari, 44 Oddo, 3 Maldini, 9 Inzaghi). All.: Ancelotti.

Arbitro: Messina di Bergamo.
NOTE – Angoli: 9-4 per la Roma. Recupero: 1′ e 3′. Ammoniti: Favalli, Cafu, Cassetti, Chivu e Pizarro per gioco falloso. Spettatori: 45mila circa.

Guarda la photogallery

 R.Sensi: grande gara, ma noi meritavamo qualche cosa di più. Complimenti ai ragazzi. Adesso pensiamo al Manchester. Roma-Milan antipasto della semifinale di Champions? Non voglio pensare a queste cose, pensiamo alla partita contro gli inglesi.

Spalletti: i ragazzi hanno fatto ciò che dovevano e hanno dimostrato di essere in ottima condizione. Che abbiamo avuto maggiori occasioni rispetto al Milan conta poco. Mercoledì ci sarà da disputare un’altra grande gara. Spero che la squadra sia in grado di ripetersi su questi livelli e di giocarsi le proprie possibilità. Dovremo gestire questi tre giorni in maniera intelligente.
Il gol di Gilardino? Bisognava aiutare chi marcava a zona in quel momento. Non credo ci siano state particolari responsabilità da parte della nostra difesa, lui è bravissimo in queste situazioni in area di rigore. Invece nell’azione di Kaka non ha sbagliato Mexes, ma eravamo in ritardo a centrocampo. Se Mexes va incontro a Kaka è perché c’era stato un problema nella situazione precedente dove arrivano in ritardo i centrocampisti. Contro squadre come il Milan, dotate di grande qualità, ci vuole maggiore compattezza. Taddei? E’ stato in moto perpetuo, a volte è indisponente per gli avversari. Mexes? Di Philppe se n’è accorta anche la Francia, per le caratteristiche che ha è un talento ed io me lo tengo stretto.

Ancelotti: siamo partiti in maniera blanda, subendo immediatamente il loro gol e complicandoci una partita già tutt’altro che facile. Nel primo tempo siamo stati spesso troppo lenti, nella ripresa siamo sicuramente migliorati, siamo stati più aggressivi nella metà campo avversaria ed abbiamo avuto maggior controllo del possesso palla, ed è stata tutta un’altra partita. Decisivo l’ingresso in campo di Gilardino? Non è stato il cambio a modificare la situazione, ma l’atteggiamento più propositivo da parte di tutta la squadra. La scelta di tenere Gilardino in panchina è nata dalla volontà di puntare sulla velocità e il contropiede. Vincere la partita? Non sarebbe stato un risultato giusto, ma lo avremmo accettato ben volentieri!

Perrotta: forse il risultato è giusto, anche se abbiamo qualcosa da recriminare con quella mia palla nel finale che purtroppo non è andata. Il Manchester? Ci arriviamo bene. Stasera abbiamo dimostrato che la squadra è in salute e siamo pronti per affrontare la partita di mercoledì nel migliore dei modi. Che ci ha detto Spalletti? Era contento, ci ha fatto i complimenti. D’altronde stasera c’è da recriminare poco sulla prestazione della squadra. Forse qualche rimpianto per le palle non concretizzate. Ma alla fine abbiamo disputato una buona gara.

Panucci: abbiamo protestato tanto perché ci sembrava inesistente la punizione su Ronaldo da cui è scaturito il pareggio del Milan, adesso che ho visto le immagini so che avevamo ragione. Va bene così, non facciamo polemiche.