giovedì, novembre 14, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORI: nel pt 44′ Mancini; nel st 10′ Totti (rigore), 37′ Mancini, 45′ Totti.

ROMA (4-2-3-1): Doni; Panucci, Mexes, Chivu (42′ st Rosi), Tonetto; De Rossi, Pizarro (46′ st Virga); Taddei, Perrotta (1′ st Cassetti), Mancini; Totti. (Curci, Montella, Defendi,Okaka) All.: Spalletti.
PALERMO (4-2-3-1): Fontana; Zaccardo, Barzagli, Biava, Pisano; Guana, Corini 5.5 (29′ st Brienza sv); Caracciolo (29′ st Di Michele), Simplicio, Bresciano; Amauri (46′ st Parravicini). (Agliardi, Tedesco, Dellafiore, Cassani) All.: Guidolin.

ARBITRO: Rizzoli di Bologna.
NOTE: spettatori 41 mila circa. Espulsi: Simplicio per doppia ammonizione. Ammoniti: Panucci, Bresciano, Mancini, Simplicio, Amauri e Pisano. Angoli 7-4 per la Roma. Recuperi: 1′ e 3′.

Guarda la photogallery

Zamparini: mi sto vergognando di questo Palermo. Ho visto i quattro gol della Roma e mi sono ricordato del 5-1 dell’Udinese a Palermo. Anche allora, come stasera, l’allenatore era Luciano Spalletti. La differenza tra Guidolin e Spalletti evidentemente è di quattro gol. Adesso Guidolin dirà che erano stanchi, ha perso cinque partite, snaturando più volte la squadra. Ho l’impressione che Guidolin voglia essere l’attore principale di questa realtà. Stasera avrebbe dovuto imitare la Lazio sotto il profilo tattico, perchè la Roma è una squadra molto forte, potevamo anche perdere 1-0, evitando di farci ridicolizzare. Ho la sensazione che Guidolin voglia sempre essere protagonista, ha un’ottima rosa a disposizione, ma la sta gestendo male. Sì, è proprio vero, mi sta distruggendo la squadra.

Spalletti: migliorare la prestazione di questa sera non sarà facile. Al di là degli episodi la squadra ha dimostrato tutta la voglia di lottare e mettere pressione agli avversari. Un atteggiamento giusto, dobbiamo continuare su questa strada. Ci sono ancora delle possibilità di rosicchiare qualcosa all’Inter: in una stagione lunga e logorante, con i nerazzurri in corsa su tutti i fronti, può capitare anche alla capolista di perdere qualcosa. Da parte nostra, dobbiamo continuare così, con anima e carattere, le doti che ci hanno permesso di superare la batosta psicologica del derby perso.
Totti? Ha reso giocabile ogni pallone e tutti hanno impedito al Palermo le loro ripartenze, disponendosi in campo corti ed aggressivi.
Le dure accuse di Zamparini a Guidolin? Zamparini lo fa per gioco, per stimolare il suo allenatore, ma deve stare attento perché così lo indebolisce.
Perrotta? Ha una distorsione al collo del piede sinistro, il piede è stato fasciato e il giocatore dovrà rimanere a riposo finchè il dolore non scompare. Tornerà dopo la sosta.
Il Lione? Ci sono delle analogie con la Roma: giochiamo entrambe un bel calcio, sarà un bel confronto.

Guidolin: butterei via i nostri ultimi 20 minuti, ma gli altri no. Ho visto una Roma determinata, ma le palle goal le abbiamo avute anche noi. Dopo il vantaggio della Roma, proprio al 45° tra l’altro, la partita s’è messa bene per loro. Abbiamo avuto anche delle occasioni, prima per pareggiare e poi per dimezzare, gli ultimi 20 minuti abbiamo fatto male, questo è vero. Comunque la Roma è forte e in qualche caso abbiamo sbagliato, ma questo ci può stare. E’ mancata un po’ di attenzione, non il coraggio. In certe circostanze eravamo troppo bassi ed in altre ci siamo un po’ spezzati, ma il 4 a 0 è difficile da commentare, perché abbiamo fatto la partita che dovevamo: tutte le volte che abbiamo potuto siamo ripartiti. Forse è mancata un po’ di condizione che ci poteva permettere di essere più brillanti. Stiamo comunque facendo un ottimo campionato, ora aspettiamo un po’ di freschezza da parte di tutti per ritornare pimpanti.
Caracciolo? Ho scelto Caracciolo perchè dovevamo chiuderci bene e ripartire. Andrea era in un buon momento e ho scelto lui, infatti ha fatto bene per un’ora. Di Michele è romano e ci teneva a giocare, lo capisco, ma è stata una scelta tecnica.
Le parole di Zamparini? Sono abituato e non rispondo mai in diretta televisiva alle parole del presidente.

Mancini: abbiamo dimostrato che siamo in corsa per lo scudetto. Nelle ultime partite non riuscivo a giocare bene e ad esprimere al meglio le mie qualità. Oggi ci sono riuscito, siglando due goal importanti che hanno aiutato la Roma a vincere. Da parte mia ho avuto due infortuni di seguito, adesso piano piano sto recuperando.
La squadra ha dimostrato la personalità giusta dopo la sconfitta nel derby, ma oggi abbiamo fatto vedere di esserci nella corsa scudetto.
Il campionato è ancora lungo, l’Inter è capolista ed è una grandissima squadra, ma noi siamo convinti di poter dire la nostra e vincere lo scudetto, perchè siamo una squadra forte, umile e un gruppo che si aiuta.