domenica, novembre 17, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORI: rig. Lucarelli (L) al 20′ p.t.; Totti (R) al 29′ s.t.

LIVORNO (3-5-2): Manitta; Grandoni, Kuffour, Galante; Pfertzel, Morrone, Passoni, Filippini, Pasquale; Paulinho (Bakayoko dal 13′ s.t., Rezaei dal 43′ s.t.), Lucarelli. (Casini, Pavan, Balleri, Bergvold, Vidigal). All. Arrigoni.
ROMA (4-2-3-1): Doni; Panucci, Ferrari (Tavano dal 13′ s.t.), Mexes, Tonetto; Perrotta, Chivu; Wilhelmsson, Taddei (Vucinic dal 40′ s.t.), Mancini (Cassetti dal 44′ s.t.); Totti. (Curci, Rosi, Virga, Okaka). All. Spalletti.

ARBITRO: Ayroldi di Molfetta.

NOTE: spettatori 10.398 per un incasso di 194.395 euro (abbonati 5641, quota 106.795). Espulso Totti al 46′ s.t. per fallo di reazione. Ammoniti Kuffour, Taddei, Pasquale e Wilhelmsson per gioco scorretto, Galante e Filippini per comportamento non regolamentare. Angoli 1-10. Recuperi: 3′ p.t., 4′ s.t.

Guarda la photogallery

Spinelli: l’espulsione di Totti? Se l’è cercata. Mi dispiace perchè Totti è un grande campione e un gentleman. L’arbitro oggi ha diretto bene. Il Livorno ha ritrovato l’umiltà che qualcuno aveva perso.

Spalletti: la Roma ha fatto quello che doveva fare, ha giocato una buonissima partita, ha tenuto ritmi altissimi e, nel secondo tempo, ha attaccato in maniera forsennata per larghi tratti. Anche nel primo tempo era entrata bene in campo, ma c’è stata la difficoltà di dover rimontare l’inaspettato svantaggio su rigore. Stasera la mia squadra, per quello che è stato il gioco sviluppato, ha racimolato davvero poco.
Wilhelmsson? Ha fatto un’altra buona gara, si è fatto trovare pronto.
L’espulsione di Totti? Se c’era espulsione per Totti, c’era pure per Galante. Non capisco perché uno è stato ammonito e l’altro espulso. Poi Francesco si è innervosito ed ha avuto questo brutto gesto verso la persona che gli vuole bene più di tutti insieme alla mamma.

Taddei: noi non parliamo mai di arbitri e loro ci fischiano sempre contro. Adesso iniziamo a parlare perché così diventa difficile giocare.
L’espulsione di Totti? Abbiamo visto tutti che prima ha preso la gomitata da Galante, poi ha reagito. O tutti e due fuori o tutti e due dentro.
Comunque niente drammi, è la prima gara del girone di ritorno, dobbiamo continuare a giocare e cercare di far punti per raggiungere l’Inter.
L’ammonizione? In campionato è la prima che prendo e spero che sia l’ultima. Lavorerò durante la settimana e, se gli arbitri ci fischiano contro, lascerò stare.

Chivu: la Roma non ha concesso nulla. Purtroppo le squadre avversarie fanno zero tiri in porta e segnano. In due gare abbiamo perso quattro punti.
Guardiamo avanti, dobbiamo andare per la nostra strada. I conti si fanno a fine campionato.
L’arbitraggio? Non bisogna cercare scuse, anche se a volte gli arbitri sbagliano come sbagliamo noi giocatori. Non voglio parlare delle decisioni dell’arbitro. Nell’occasione tra Totti e Galante secondo me andavano ammoniti o espulsi tutti e due.
La Roma ha fatto una buona gara, con grinta. Abbiamo creato azioni importanti senza concedere grandi occasioni.
La mia posizione in campo di oggi? Sta a voi giudicare, io comunque mi sento un centrale difensivo.

Perrotta: abbiamo pareggiato le ultime due partite con due squadre che non hanno mai tirato in porta, con due calci di rigore. Quello di oggi mi ha lasciato un po’ perplesso!
Gli assenti? Era difficile sostituire De Rossi e Pizarro, ma ce l’abbiamo messa tutta. Abbiamo disputato una buona gara e la fortuna non ci ha di certo aiutato in alcuni frangenti.
Totti? Va tutelato perchè in una partita prende tante botte. Poi è normale che ci possa essere un momento di nervosismo e, secondo me, in quella circostanza non ha fatto nulla.

Mexes: come sempre ci facciamo prendere in giro. E’ successo troppe volte. Non è possibile che continuiamo a pagare soltanto noi. Questa era una partita delicata come quella di Messina e siamo di nuovo qui a lamentarci.
La partita? Anche oggi abbiamo dimostrato di essere una squadra che ha un suo gioco e molte potenzialità.
Totti? E’ stato Galante che ha colpito Francesco con il gomito. Totti non meritava l’espulsione. Ha pagato soltanto lui. Il rigore dato al Livorno? Non c’era. Stavamo dominando la partita e loro non avevano mai tirato in porta.
Comunque l’obiettivo è sempre lo stesso, noi cerchiamo di vincere tutte le partite.
E’ una Roma che va avanti a testa alta. Il rigore reclamato dal Livorno per il mio fallo di mano? E’ assurdo, ero a mezzo metro e il pallone mi è sbattuto sul braccio.

Vito Scala (preparatore atletico di Totti): tra me e Totti non è successo nulla, perchè il nostro rapporto va al di là del rapporto professionale. Non devo fare pace con nessuno perchè non abbiamo mai litigato. Mi ha detto di lasciarlo stare, neanche si ricordava che ero io.
Si è sfogato con me con un gesto di rabbia. Questo è un momento particolare per lui perché un suo cugino è ricoverato in ospedale in condizioni non buone. Bisogna stare vicino alle persone nel momento di difficoltà, è troppo facile farlo fare nei momenti in cui le cose vanno bene.
Le condizioni fisiche di Totti? Ha un problema che si porta avanti dall’andata di Coppa Italia contro il Parma, prima della partita gli abbiamo dovuto fare un’infiltrazione, perchè non riusciva neanche a calciare con il destro.
Con Francesco ci siamo abbracciati nel sottopassaggio appena è finita la partita: abbiamo passato talmente tanti momenti insieme, belli e brutti, che quanto è successo non ci tocca assolutamente. Deve chiedermi scusa? Serve solo che alla prossima partita faccia due gol.