lunedì, agosto 19, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORI: Cassetti (R) al 4′, Liedson (S) al 22′ p.t.; Liedson (S) al 19′ , Pizarro al 44′ s.t.

SPORTING (4-1-3-2): Tiago; Abel, Tonel, Polga, Ronny; Veloso; Izmailov (44′ s.t. Pereirinha), Romagnoli, Moutinho; Djalò (18′ s.t. Vukcevic), Liedson. (Rui Patricio, Paredes, Purovic, Farnerud, Gladstone). All. Bento.
ROMA (4-2-3-1): Doni; Cicinho, Mexes (1′ s.t. Ferrari), Juan, Cassetti; De Rossi, Pizarro; Giuly (46′ s.t. Brighi), Perrotta (35′ s.t. Esposito), Mancini; Vucinic. (Curci, Antunes, Pit, Barusso). All. Spalletti.

ARBITRO: De Bleeckere (Bel).
NOTE: spettatori 32.273. Ammoniti: Cicinho, Cassetti, Abel, Perrotta, Veloso, Vucinic. Recupero: 3′ p.t. e 3′ s.t.

Guarda la photogallery

Spalletti: non voglio parlare delle assenze, la squadra ha fatto vedere di stare bene in campo. Dobbiamo continuare su questa strada, ne abbiamo ancora tanta davanti. Bisogna fare i risultati.
Nonostante le occasioni concesse, abbiamo fatto bene, abbiamo avuto diverse occasioni per raddoppiare, poi abbiamo commesso delle ingenuità, come ci capita spesso, ma non ci hanno messo in grande difficoltà. Il vantaggio andava gestito meglio, ma la squadra ci ha creduto, magari sbilanciandosi un po’, ha attaccato con grande foga, poi c’è stata anche un po’ di fortuna, ma è stata premiata la nostra voglia e la mentalità. Loro sono bravi e ci hanno costretto a difenderci. A volte ci capitano questi momenti bui, soprattutto a centrocampo dove perdiamo palloni banali, ma fa parte del carattere di questi ragazzi cercare di reagire. Abbiamo tentato di vincere sempre, con la manovra ragionata e i passaggi. La sofferenza a centrocampo è frutto del nostro schieramento molto offensivo, siamo andati a Lisbona per giocarcela. Penso che sia un risultato strameritato.

De Rossi: la situazione è positiva, come l’anno scorso. Non dobbiamo arrivare all’ultima giornata con il fiatone. Dobbiamo avere la mentalità di vincerle tutte.
Mexes? Il problema più evidente è un brutto taglio sul labbro. Poi aveva dei giramenti di testa e, quando è così, è sempre meglio uscire subito.

Cassetti: siamo partiti bene, poi abbiamo subìto. Sappiamo che loro fanno del possesso palla la loro forza e, qualche volta, ci hanno messo in difficoltà. D’altronde eravamo in trasferta contro una squadra che gioca un grande calcio e, quindi, poteva succedere. Questa volta però ci è andata bene. Abbiamo sempre un calo dopo essere andati in vantaggio. È un problema che ci portiamo dietro da un po’. Quando riusciremo a limare questo difetto, andrà sempre meglio e otterremo risultati migliori. Soddisfazione personale per il primo gol in Champions? Ho effettuato uno scambio con Mancini, poi mi sono accentrato, ho fatto un altro passo e fortunatamente ho preso l’angolo dove il portiere non poteva arrivare. E’ stato un bel gol. Volevo tirare prima, ma un giocatore avversario si è buttato in scivolata. Pensavo di non segnare più…
La Nazionale? Non spetta a me decidere, io penso a fare bene con il club e se viene la chiamata sarò contentissimo.
Se prediligo giocare a desta o a sinistra? A destra, perché rimango sul mio piede preferito.