domenica, Gennaio 26, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


La ruota continua a girare, l’ingranaggio bloccato di inizio stagione sembra oliarsi di partita in partita. Via cosi, fino a raggiungere il pieno regime. Arrivare con i motori a tutta prima della sosta natalizia per sfruttarlial massimo con l’inizio dell’anno nuovo.

I giallorossi e i viola si sono dati battaglia a viso aperto, senza sconti e senza calcoli. Poco filtro a centrocampo per entrambe gli schieramenti e difese sottopressione.

Occasioni da una parte e dall’altra con i portieri protagonisti. Mutu si danna l’anima, ma non riuscirà a incidere più di tanto sul match, noi senza rimpianti lui chissà.

Il nuovo schema porta tante soluzioni davanti e qualche rischio dietro ma ci ha regalato una nuova Roma, sempre in partita, sempre viva.

All’intervallo sembra tutto in bilico, la bilancia rimane in equilibrio, nessuno riesce a farla pendere dalla sua parte. Ma l’aria degli spogliatoi fa bene più ai padroni di casa. Piano piano i giallorossi iniziano a mettere pesetto su pesetto e i piatti non sono più sulla stessa linea.

Totti guida i suoi compagni verso la vittoria, mettendoci testa e gambe e come al solito il gol. Sempre più decisivo, sempre più determinante, sempre il più bravo. Frey deve capitolare sul destro del capitano. Il portiere francese tira fuori una prestazione super che limita il passivo dei viola.

La Fiorentina ci prova a pareggiare, ma non ha più quelle occasioni pulite del primo tempo. Certo che l’uscita di Cassetti prima e quella di Mexes poi fanno crescere la paura della beffa finale.

Il raddoppio non arriva, vuoi per errori vuoi per sfortuna, vedi traversa colpita de Baptista. Si soffre, con gli ospiti che rinunciano alla manovra ricamata e cercano con insistenza l’area di rigore.

Fino alla fine con il cuore in gola, a pochi secondi dal termine la manona di Doni dice no ad un’altra Bologna. Sarebbe stata una mazzata tremenda. Invece questo tre punti sono benedetti e pesanti, nonché strameritati.

Lavorare e pedalare per ricucire gli strappi iniziali. Finche non saranno rattoppati quelli la vela non potrà mai gonfiarsi al massimo. Quindi maniche su e trottare.

petra@corederoma.it

Guarda le pagelle

Guarda il tabellino