lunedì, dicembre 09, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORI: 11′ pt Vucinic, 38′ pt Juan, 4′ st Totti.

LECCE (4-4-2): Benussi; Polenghi, Stendardo, Fabiano, Esposito; Caserta, Zanchetta (15′ st Ardito), Giacomazzi, Ariatti (12′ st Munari); Castillo (15′ st Cacia), Tiribocchi. (Rosati, Diamoutene, Antunes, Schiavi). All. Beretta.
ROMA (4-3-1-2): Doni; Cassetti, Mexes, Juan (26′ st Loria), Riise; Taddei, De Rossi, Brighi; Baptista (39′ st Pizarro sv); Totti, Vucinic (21′ st Menez). (Artur, Cicinho, Aquilani, Okaka, Montella). All. Spalletti.

ARBITRO: Gervasoni di Mantova.
NOTE: spettatori 25.000 circa. Ammoniti Baptista, Esposito. Recupero 2′ pt e 0′ st.

Guarda le pagelle

Leggi il nostro commento alla partita

INTERVISTE

Totti (Roma Channel)
Oggi Grande Roma.
“Sì, abbiamo dimostrato di essere all’altezza di una grande squadra. Oggi con determinazione e umiltà abbiamo fatto una gran partita”.
Una delle migliori partite della gestione Spalletti.
“Sì, poi quando vinci è tutto positivo. Abbiamo affrontato la gara con spirito giusto, ma merito di tutta la squadra, che ha avuto la forza di affrontare partita nel migliore dei modi”.
Come ti trovi con Baptista?
“Mi trovo bene, poi avendo vicino lui e Vucinic è più facile sia per me che per i compagni trovare gli spazi giusti”.
Oggi hai pressato fino al 90’. Ormai stai tornando in forma.
“Spero sempre di giocare il più possibile, alcune gare mi dovrò gestire, ma la condizione fisica me la può dare solo la partita. Giocando riuscirò a tornare presto ai miei livelli”.
Voi tre lì davanti parlate la stessa lingua.
“La stessa lingua no (ride ndr), con i piedi sì. Se hai giocatori di levatura internazionale diventa tutto più facile”.
In fase offensiva grande dialogo, ma appena si perdeva palla eravate bravi a riprendere le posizioni
“Penso che sia una lettura perfetta, se hai tre attaccanti che tornano dietro la linea della palla per gli avversari diventa complicato trovare spazi. Poi appena recuperiamo palla siamo bravi a ripartire”.
Oggi hai fatto tunnel (in occasione del primo gol) e costruito ponti (il gol con il cucchiaio)
“Eh sì, visto che sto rifacendo casa ho conosciuto un buon architetto (ride ndr). C’è sempre da imparare!”
Mercoledì avete già un nuovo impegno come quello col Cluj.
“Sì, è una tappa fondamentale per il cammino e la qualificazione. Affronteremo il Cluj sapendo che è difficile anche perché dobbiamo ribaltare il risultato dell’andata. Dovremo essere una grande squadra quale siamo”.

Totti (in Rai)
Da quando è cambiato il modulo non avete mai perso.
“E’ normale che quando si vince si cerchino le cose positive, il modulo ci sta dando una mano siamo contenti che il mister abbia cambiato in corsa dimostrando di essere molto bravo. Noi stiamo tornando”.
Vedi possibile arrivare tra le prime quattro?
“Il nostro obiettivo è arrivare tra le prime quattro, fino alla settimana scorsa dicevano tutti che eravamo delle pippe e che saremmo andati in B invece adesso il vento è cambiato. Il cucchiaio lo dedico a mia moglie”.

Spalletti (Sky)
Quali sono gli elementi di maggiore soddisfazione per questa prima vittoria esterna in campionato?
“La squadra ha ritrovato la brillantezza e la qualità che le appartiene. È stata in campo in maniera corretta per 90 minuti”.
Totti era molto soddisfatto del cambio di modulo…
“Abbiamo molti calciatori che hanno più caratteristiche da corsie centrali: questo costringe i più offensivi a giocare con le spalle girate alla porta avversaria, ma facilita nei compiti il resto della squadra”.
Se vincete contro la Samp, nella partita da recuperare, vi avvicinate ulteriormente alla vetta…
“Bisogna vincere le partite. Attualmente stiamo bene, abbiamo ritrovato molte delle nostre qualità. Dobbiamo rimanere con i piedi per terra e dobbiamo continuare a lavorare in maniera
seria”.
Ci saranno altri esperimenti di gioco?
“Ci sono dei margini di miglioramento, però abbiamo già fatto abbastanza”.
Per il Cluj, squadra che vince non si cambia?
“Bisogna vedere, perché le partite sono tutte difficili sotto l’aspetto della fatica espressa. Quelli che sono stati fuori oggi sono nelle condizioni di poter sostituire chiunque nella mia squadra”.

Vucinic (Roma Channel)
Grande Roma oggi, grande collettivo.
“Come hai detto ho visto un grande collettivo, una grande Roma, spero di continuare così già mercoledì a Cluj, dove abbiamo una partita che vale la qualificazione”.
Una Roma quasi perfetta.
“Ogni prestazione che porta una vittoria è perfetta. Preferisco sempre giocare male e vincere, che giocare bene e perdere”.
La squadra sta migliorando a vista d’occhio.
“Stiamo migliorando, dobbiamo continuare su questa strada che è la strada giusta”.
Non hai esultato al gol e i tifosi del Lecce ti hanno applaudito all’uscita del campo
“Sì, loro mi hanno sostenuto per sei anni. Per il gol, non potevo esultare sono stato qui sei anni e sono stato bene”.
Col Cluj gara fondamentale.
“È importante, andiamo per tornare coi tre punti”.
Avete pressato tutta la partita…
“Se non lo facevamo noi lo facevano loro. Siamo contenti perché la Roma ha vinto”.
Quanto siete carichi dopo queste due partite vinte?
“Siamo sempre stati carichi, ora di più perchè sono arrivate due vittorie, speriamo di continuare”.
Oggi ti abbiamo visto rincorrere gli avversari fino alla tua area di rigore.
“Devo fare così sennò non gioco. Cercherò di fare ancora meglio”.

Mexes (Roma Channel)
“Ho visto una grande Roma, prendere punti e poi abbiamo fatto vedere che possiamo rimettere le cose a posto. La vittoria serve dopo il derby per andare avanti e andare a fare qualcosa a Cluj. Stati bravi sul campo, il Lecce non è stato un granché, dobbiamo giocare così semplici e poi anche non prendere gol fa bene”.
Squadra che è tornata a giocare come sa.
“Noi siamo stati bravi, concentrati, se sappiamo quello che vogliamo fare è più semplice. È perfetto”.
Adesso pensate già a Cluj e Fiorentina?
“Prima il Cluj, poi magari anche a Firenze, ma il Cluj sarà fondamentale”.
Ancora una volta, dopo il derby, non avete preso gol.
“Sì, dà fiducia, sicurezza, poi importante, stiamo facendo bene e non prendendo gol è più facile vincere le partite. Speriamo di non prenderli anche a Cluj”.
Anche gli attaccanti sono tornati a dare una mano dietro.
“Sì, ci danno una grande mano, se loro si impegnano così ci danno grande tranquillità, poi basta seguire i movimenti e attaccare gli spazi. Se non abbiamo subito reti e anche grazie a loro”.
In difesa serve grande comunicazione e tu sei bravissimo in questo.
“Sì, ci proviamo a dare ognuno il suo, non è semplice, ma ci bastano due parole per risistemarci. Devo ringraziare anche gli altri e anche Daniele, che sta facendo grandi cose davanti a noi”.

Taddei (Roma Channel)

“Oggi oltre al risultato si è visto un calcio brillante, bello da vedere. Importante ottenere i tre punti, per dare proseguimento alla partita col Chelsea e con la Lazio. Ora dobbiamo pensare a vincere e ai tre punti. Io sto bene già da venti giorni. Oggi il Mister mi ha schierato dall’inizio, ho cercato di fare quello che mi ha chiesto. Baptista ha un passato che parla per lui. Sta confermando quello che sapevamo, che è un grande campione. Ora passo per passo, pensiamo alla Champions, poi alla Fiorentina, ma facciamo una cosa per volta”.
Ti abbiamo rivisto in gran forma
“Tutta la squadra lo è stata. Io ho ritrovato la forma migliore, ma tutta la squadra ha fatto una grande prestazione, abbiamo fatto buona partita e centrato l’obiettivo dei tre punti”.
La migliore partita da quando c’è Spalletti?
“Abbiamo fatto anche altre grandi prestazioni in passato. Penso che la squadra ha supportato bene, abbiamo letto bene il Lecce in settimana con il Mister e abbiamo bloccato i loro punti di forza. Hanno fatto tutti i giocatori una grande prestazione, complimenti alla squadra”.