lunedì, luglio 22, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


ROMA – Anticipato alle 18 del 26 maggio il derby tra Roma e Lazio in finale di Coppa Italia. Il giorno dunque non cambia, inizialmente infatti era previsto il 26 maggio alle 21. La scelta di anticipare l’orario è dettata da esigenze di ordine pubblico. Questa mattina al Coni è andata in scena la riunione che ha portato alla fumata bianca. Nella sala del presidente del Coni, Giovanni Malagò, erano riuniti il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, il presidente della Lega, Maurizio Beretta, col dg Brunelli, il numero uno della Lazio, Claudio Lotito, il responsabile organizzativo della Roma, Antonio Tempestilli (assieme al responsabile della biglietteria giallorossa Carlo Feliziani), e per la Rai il direttore generale Luigi Gubitosi.

EVITARE INCIDENTI E PROBLEMI – Il presidente della Lazio Caludio Lotito ha rivolto un invito a tutti i tifosi affinché si evitino certi comportamenti e anzi ci sia un atteggiamento rispettoso delle regole e della legalità. Tra gli altri presenti anche il presidente del Coni Malagò, il Direttore Generale della Rai Gubitosi, il Prefetto di Roma Pecoraro e Antonio Tempestilli (per la Roma). La Rai ha accettato il sacrificio di rinunciare alle 21 per permettere lo svolgimento della partita nonostante avesse comprato l’evento come gara in notturna, mentre Pecoraro ha confermato che, nonostante le elezioni del sindaco della capitale, ci saranno uomini sufficienti per permettere il regolare svolgimento della sfida. Da parte sua Tempestilli ha ricordato come una settimana prima del derby ci sarà la sfida Roma-Napoli (altro match a rischio) in coincidenza degli internazionali di tennis d’Italia e dunque Roma e la zona dell’Olimpico saranno sotto la lente d’ingrandimento per oltre sette giorni. L’evento è tale per cui il derby sarà sotto l’occhio di tutti. Le autorità competenti si sono augurate che tutto potrà svolgersi senza problemi ma se qualcosa dovesse andare storto ci sarà un invito ufficiale alle autorità sportive a prendere tutte le decisioni del caso.

LE PAROLE DI MALAGÒ – “L’orario migliore è stato confermato. Si gioca il 26 maggio alle ore 18. Oggi voglio ringraziare tutti. Abbiamo accettato l’invito del Prefetto che ha dimostrato sensibilità particolarissima al tema. Questa è la prova del fuoco, del nove, non ci si può più permettere di sbagliare nulla dentro e fuori dallo stadio. Vanno trasmessi messaggi positivi perché non ci saranno più margini di attenuanti in un secondo momento, è un dato inequivocabile. Deve essere una festa”. Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ufficializzando l’orario del derby di finale di Coppa Italia tra Roma e Lazio. La gara si giocherà il prossimo 26 maggio alle 18. “Stiamo studiando manifestazioni con personaggi e testimonial di Roma e Lazio per far vedere che deve essere una festa. E se qualcuno vuole rovinarla rischia di far pagare un prezzo altissimo per il futuro”, ha aggiunto Malagò dopo la riunione che si è tenuta stamane al Coni alla presenza del prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, e dei rappresentanti di Roma e Lazio.

LE PAROLE DI PECORARO – “Speriamo vada tutto bene, anzi ne siamo certi”. È la convinzione del prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, in vista del derby in finale di Coppa Italia tra Roma a Lazio che si giocherà domenica 26 maggio all’Olimpico alle ore 18. “Mi auguro che nessuno esca da casa per andare allo stadio con l’accetta – ha poi aggiunto il prefetto nel corso della conferenza stampa tenuta al Coni al termine della riunione -. Altrimenti la Lega e le istituzioni di questa città dovranno intervenire, ma non ce lo auguriamo per lo sport romano e per la città di Roma. Spero che il segnale che stiamo dando venga raccolto dalle tifoserie. Noi metteremo in campo tutti gli uomini possibili per garantire la sicurezza”. “È necessario in questo momento che le istituzioni statali e sportive dialoghino tra di loro – ha ricordato Pecoraro – bisogna rasserenare gli animi dopo quanto successo nel derby di qualche settimana fa. In questo momento era necessario far lavorare gli operatori di polizia in serenità e la scelta di anticipare l’orario sarà utile per l’afflusso e per il deflusso degli spettatori”.

LE PAROLE DI BERETTA – Maurizio Beretta, presidente della Lega di Serie A, commenta favorevolmente la decisione di fissare per le 18 l’orario della finale di Coppa Italia tra Roma e Lazio: “Stiamo lavorando in modo molto stretto con Roma e Lazio per costruire un clima di serenità in ottica del derby del 26 maggio – dichiara al termine del vertice presso il Coni – pensiamo che questo lavoro possa dare i frutti attesi. Condividiamo con il presidente Malagò l’urgenza di dare un segnale positivo alle tifoserie per ritrovare lo spirito sportivo e di lealtà, oggi abbiamo dato un segnale importante, andiamo tutti quanti nella stessa direzione”.

CorrieredelloSport.it

Per Corederoma
Paolo Nasuto