lunedì, luglio 22, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


da genoacfc.it

Un ritorno nella sua città da protagonista, in un Genoa rigenerato dallo specialista Ballardini. E non sarà una gastroenterite a fargli saltare un appuntamento, a cui tiene in maniera particolare.

Andrea BertolacciAndrea Bertolacci: “Passerà, all’Olimpico conto di esserci…”.
Famigliari, amici e parenti lo seguiranno da vicino, divisi tra il tifo per lui e quello per la Maggica. E per uno che a Trigoria ci è cresciuto, tra le attenzioni della Lupa, sarà una sorta di rimpatriata pure per altri motivi. Del resto a luglio aveva iniziato a correre e sudare nel ritiro giallorosso, agli ordini di Zeman. Ritroverà amici d’infanzia come Florenzi, darà la mano a un mamma santissima come capitan Totti: “Gli chiederò se mi presta l’elisir di lunga vita, una stagione pazzesca la sua, è in forma smagliante. Nonostante le soddisfazioni avute in carriera, dimostra ogni volta quanto le motivazioni contino e che razza di professionista sia. E’ un simbolo, un esempio da prendere come modello”. Compagno di scorribande calcistiche a livello giovanile, punto di riferimento lontano dai campi, con Florenzi, Andrea, si sente abitualmente e si vede quando può: “Alessà? E’ come un fratello, mi basta guardarlo per capire che pensa… E’ in ascesa, un centrocampista tecnico e generoso, uno dei giovani emergenti nel campionato italiano. E’ stato bravo a ritagliarsi un ruolo importante in una squadra di campioni. Lui per la Roma si taglierebbe le dita delle mani. Facciamo così, mettiamo in palio una cena: il primo che farà un tunnel all’altro caccerà i soldi…”.

Da perfezionista qual è Andrea non pensa al passato, punta il futuro: “Guardo avanti, non indietro. Nel nostro sistema ho trovato una collocazione utile, ma penso che ognuno debba pensare soprattutto al modo per migliorarsi, allenarsi a ritmi sempre più alti, ambire a elevare lo standard della continuità. La classifica impone di badare al sodo, perché dovremo lottare sino all’ultimo. Ci aspettano tre gare molto toste, a cominciare da quella di domenica”.