martedì, ottobre 22, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


da corriere.it

La tournée americana della Roma tra topolino e botti di fine anno

Pablo Daniel OsvaldoAssente Osvaldo, rimasto in Argentina con l’influenza

ORLANDO – Capodanno prima con LeBron James e poi con i fuochi artificiali di Topolino e Paperino. Ma senza Dani Pablo Osvaldo, che è rimasto in Argentina colpito da un’influenza virale. La Roma chiude il 2012 in allegria, nella tournée americana passata nel meraviglioso Espn Wide World of Sports Complex, ma a Zdenek Zeman arriva una brutta notizia da Buenos Aires: il centravanti, che doveva raggiungere il resto della squadra in Florida, resterà a casa e, appena starà meglio, ripartirà direttamente per l’Italia. Ieri aveva mandato un certificato medico, per giustificare la sua assenza, e lo staff medico giallorosso si è messo in contatto con lui per avere notizie di prima mano sulle sue condizioni di salute. Si è deciso di non rischiare di peggiorare la situazione con un doppio e lungo viaggio aereo.

OSVALDO ASSENTE – A questo punto è certo che Osvaldo non sarà in campo il 6 gennaio, a Napoli, per la ripresa del campionato. Toccherà a Mattia Destro completare l’attacco con Totti e Lamela. Le vacanze di Natale non portano fortuna a Osvaldo. Nella scorsa stagione, al primo allenamento dopo la sosta, incappò in un infortunio muscolare nel tentativo di fare un colpo di tacco. Quest’anno lo stop virale che gli è costato anche qualche battuta spiritosa dei compagni di squadra chiamati a lavorare anche oggi (allenamento mattutino) e domani (pomeriggio). Daniele De Rossi si è allenato in palestra per un affaticamento al polpaccio e al flessore, ma solo a scopo precauzionale.

IL RIENTRO IN ITALIA – La Roma ritornerà in Italia il 3 gennaio, dopo aver giocato il giorno prima un’amichevole contro l’Orlando. Dopo l’allenamento i giocatori giallorossi sono attesi dalla partita di basket Nba tra Orlando Magic e Miami Heat (previsto uno scambio di maglie tra Francesco Totti e il campionissimo LeBron James), poi cena sociale al Coronado Resort e brindisi al 2013 con i fuochi d’artificio nei parchi della Disney, nuovo partner commerciale della Roma. Tutto all’insegna del divertimento e dello sport. A 360 gradi. Ieri, alla conferenza stampa per la presentazione della scelta dell’area dove sorgerà il futuro stadio di proprietà, il presidente James Pallotta era accompagnato dal suo buon amico Peter Chiarelli, general manager dei Boston Bruins di hockey su ghiaccio. Zeman, grande appassionato, ha parlato a lungo dei grandi campioni ceki. Non a caso alcuni schemi di attacco del suo 4-3-3 sono stati mutuati proprio dal velocissimo sport su ghiaccio.

Luca Valdiserri