venerdì, dicembre 13, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORE: Terry al 32′ st.

CHELSEA (4-1-4-1): Cech; Bosingwa, Ricardo Carvalho, Terry, Bridge; Mikel; Kalou (32’st Di Santo), Deco, Lampard, Malouda (1’st Belletti); Anelka (47’st Paulo Ferreira). (Cudicini, Ivanovic, Alex, Stoch). All.: Scolari.
ROMA (4-1-4-1): Doni; Cicinho, Mexes, Panucci, Riise (37’st Tonetto); De Rossi; Taddei (36’st Menez), Brighi, Aquilani (15’st Perrotta), Vucinic; Totti. (Arthur, Loria, Montella, Okaka). All.: Spalletti.

ARBITRO: Vassaras (Gre).
NOTE: spettatori 40 mila. Ammoniti Mexes, Malouda, Terry, Panucci. Angoli 6-2 per il Chelsea. Recupero: 1′, 3′.

INTERVISTE

Spalletti

Fa rabbia questa sconfitta?
“Dispiace perché i ragazzi si sono impegnati molto e non hanno concesso quasi nulla al Chelsea. Poi da palla inattiva hanno segnato e hanno i giocatori con quelle qualità, dobbiamo accettarlo ma questa è la strada corretta da seguire. Visto quello che ha fatto la squadra stasera non vedo perché non possiamo giocarci la prossima partita con il Chelsea anche perché torneranno alcuni giocatori. Certo però ce ne succedono di tutte i colori”.
Si è ritrovato l’atteggiamento giusto?
“La squadra ci ha messo molta corsa e molta volontà, quando le cose le vogliamo spesso si possono raggiungere. Questa è la strada giusta con la quale si può fare risultato”.
Totti è recuperato?
“Ha fatto 90 minuti, anche se alla fine era affaticato, ha lottato e ha fatto una partita di alto livello”.

Scolari
Un’altra vittoria. E’ importante perché i giocatori acquisiscono maggiore fiducia. A volte il gioco non è stato bello, ma loro si sono mossi bene tatticamente ed hanno tenuto le posizioni. Non credo sia stata una bellissima partita, ma chi l’ha vista sa che i giocatori si sono ben comportati. Io e Spalletti abbiamo mandato in campo le squadre per combattere e, forse, se la Roma avesse segnato il primo gol avrebbe vinto. Non è stato un match spettacolare, ma sia noi che la Roma abbiamo giocato bene.
La Roma non ha giocato solo per difendersi, perché loro giocano a calcio. In ogni partita che ho visto in video hanno provato a giocare a centrocampo, in difesa e davanti. Non hanno un attaccante, un numero 9 che stia tutto il tempo in area, ma vi arrivano con 4, 5 o 6 giocatori ed è difficile per l’altra squadra controllare la situazione. Hanno buoni giocatori per questo modo di giocare.
Adesso ci servono altri 3 punti ed abbiamo altre 3 gare, credo che, quando andremo a Roma, loro giocheranno in modo diverso rispetto a stasera e penso che noi avremo più occasioni.

De Rossi
“Abbiamo fatto una partita grintosa, queste squadre sono grandi perchè possono vincere con un episodio solo. Loro hanno giocato con grande intensità, noi abbiamo cercato di giocare all’inglese ma non era facile ripartire con le nostre trame. Il sostegno dei nostri tifosi? Quello che è successo oggi è stato quasi normale, con l’Inter invece è stato un fatto straordinario, che ti fa capire quanto dobbiamo dare: sono cose che entrano nel cuore anche a chi non è romano. La vittoria del Bordeaux? Era importante che non vincessero i rumeni. La nostra sconfitta ci può stare, noi possiamo giocarcela con chiunque. Abbiamo giocato alla pari, magari non è stato un gioco spumeggiante ma ripeto, abbiamo giocato alla pari. Vi sembrerà una follia ma secondo me anche contro l’Inter non abbiamo giocato male. Il gol? Su ogni gol subito si può sempre fare di più: loro hanno sfruttato un blocco e sono stati bravi. Si può giocare meglio ma l’intensità che avevamo perso sembra che l’abbiamo riacquistata e con un pizzico di fortuna arriveranno anche i risultati. Totti? La sua assenza fin qui è stata sottolineata poco. Abbiamo fatto grandi partite senza di lui, ma lui è il giocatore più rappresentativo”.

Mexes
“Abbiamo fatto un buon primo tempo e stiamo sulla strada giusta. Dopo l’Inter i nostri tifosi ci hanno dato la carica: usciremo da questo tunnel. Nello spogliatoio si vive bene. Sul gol? C’è stato un blocco, ma Terry ha fatto un gran gol. In questa partita l’unico errore è stato ad un certo punto indietreggiare troppo. Ora ci sono due partite di Champions in casa e abbiamo le carte per giocarci il nostro destino. Dopo la partita contro l’Inter, dove prendi 4 gol, non era facile venire a Londra: sono convinto che abbiamo ritrovato la vera Roma: questa partita ci porterà molte cose buone. Dobbiamo ripartire con questa concentrazione: sono molto fiducioso”.

Doni
“Ormai non faccio più punture, ho fastidio solo quando calcio, sul gol non c’era nulla da fare, l’ho vista quando è entrata. La squadra è andata meglio, non é un buon momento dobbiamo far tornare la fiducia. Sapevo che ero disponibile e che avrei giocato. Oggi siamo tornati a giocare come prima, correvamo, giocavamo, è tornato lo spirito di gioco. Lo 0-0 era il risultato più giusto”.

Panucci
“Beckham? È un giocatore di grandissima qualità ed è un giocatore importante. Quando ero al Chelsea? Andato via Gianluca Vialli sono andato via anche io dal Chelsea”.
Raccontaci del gol, l’unico momento in cui avete subito il Chelsea.
“Oggi mi girano perché vado a casa dispiaciuto perché abbiamo fatto una grandissima partita penalizzata da un blocco loro, ma ci siamo e ci riprenderemo”.