giovedì, agosto 22, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


da Radio Manà Sport – laroma24.it

Queste sono le parole di Shergul Arshad, direttore digital business dell’As Roma:

Shergul Arshad“Non si può fare un grande marchio Roma senza essere una grande squadra. Il nuovo sito della Roma sarà online nel gennaio 2012. Il portale avrà tante novità. La cosa più importante sarà quella di sensibilizzare l’utente a tornarci frequentemente, non consultarlo una volta ogni tanto per leggere i risultati o la classifica. Si troveranno giochi, concorsi e altre attività per i romanisti. Entro il mese di novembre, invece sarà lanciato uno spazio e-commerce As Roma, un vero e proprio store in rete a disposizione per i tidosi, dove acquistare maglie, gadget e altro”.

L’amministratore delegato giallorosso, Claudio Fenucci, ha dichiarato che sul nuovo asroma.it sarà possibile acquistare tutti i biglietti delle partite. Non solo del prossimo evento, ma anche – per esempio – dell’ultima giornata di campionato:

“Tecnicamente non è difficile realizzarlo, c’è qualche difficoltà dal punto di vista dei regolamenti Figc. Ma faremo il possibile”.

Il vecchio sito della Roma era considerato un punto debole della società precedente:

“Diciamo che era di terz’ordine. Non mi sembrava normale che un club così importante avesse un portale del genere. E, a dire la verità, non sembrava normale nemmeno a chi lavora a Trigoria. I dirigenti di prima forse consideravano internet più un costo che un potenziale reddito. Anche il sito attuale ha dei problemi: con Google non è facile trovare i file in reta. Chi non considera internet importante non capisce nulla di business e di calcio”

Sabato è stato inaugurato il canale youtube della società:

“Lo abbiamo studiato principalmente per valorizzare alcuni video di Roma Channel: interviste, allenamenti e altri filamti divertenti. Quando sarà possibile, ci saranno gli highlights delle partite, con i permessi della Lega Calcio”.

La squadra di Luis Enrique stenta a decollare:

“Era prevedibile un’altalenanza di risultati con un gruppo così giovane. L’obiettivo è di arrivare in altro, anche perchè non si può fare un grande marchio senza essere una grande squadra”.

Richard D’Amore, uno dei quattro azionisti del consorzio americano, ha interessi legati al mondo multimediale:

“Lui l’ho conosciuto, è un uomo noto nel nostro ambito. È solo un vantaggio avere contatti con lui, ma anche con Pallotta e i dirigenti Raptors. Lavoriamo tutti insieme, qui a Boston, per portare avanti i nostri progetti nel modo più rapido possibile”.

I primi contatti con la Roma, parole sue, non sono recentissimi:

“Mi ha chiamato a fine marzo il signor DiBenedetto, tramite amicizie comuni. È stato in particolare Andrea Gabrielli, membro del cda della Roma, insieme ad altre due persone, a consigliarmi di fare una chiacchierata con questi signori di Boston che personalmente non conoscevo, ma di cui sentivo parlare da anni. Per me grande tifoso di calcio, questo incarico significa tantissimo, sto vivendo una grande emozione.Sono nato Firenze e lì la passione per questo sport è grande come a Roma. Nel ’94 feci da interprete per la Nazionale di Sacchi, durante il mondiale negli Stati Uniti”