mercoledì, Giugno 03, 2020 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


Gruppo E – Quinto turno – Partita di ritorno
AS Roma – FC Basel 1893 (Svizzera)

Giovedi’ 3 dicembre 2009 – ore 21.05
Stadio Olimpico
Arbitra il sig. Tony Chapron della federazione francese

“…I can’t get laid in Germany!”

Cosa e’ cambiato da quel 17 settembre ?
Dell’esordio internazionale di Ranieri sull’amata panchina giallorossa ?
La Roma aveva toccato il fondo della classifica a Siena, salvo tirarsi in salvo a tempo scaduto, a Siena e in piu’ di un’occasione. Poi un altro appannamento in seguito all’infortunio di Totti.
Predichiamo continuita’ all’alba di Roma-Basilea e di un derby che mai come questa volta sara’ una vera e propria trappola.
In due mesi e mezzo la Roma ha mostrato lati buoni ma anche oscuri e per il momento si e’ posizionata a meta’ classifica, in una posizione mediocre ed equidistante dagli spettri, per ora lasciati ai biancazzurri, o dalla gloria di un posto in Champions League.
Resta il fatto che a Basilea i giallorossi hanno conosciuto l’unica sconfitta stagionale in Europa. Di contro, i rossoblu’ hanno perso in una sola trasferta, a Londra.

La classifica vede il Basilea a 9 punti, la Roma a 7, Fulham 5 e CSKA 1.
Inutile fare tanti calcoli: abbiamo sempre indicato tre vittorie casalinghe come il primo passo verso la qualificazione. Il gol di Andreolli al Craven Cottage a tempo scaduto dovrebbe essere la ciliegina sulla torta.
Non va dimenticato infatti che Basilea e Fulham giocheranno l’ultimo incontro del girone.

Il Basilea ha confermato in Svizzera quel che ha fatto di buono in Europa. Issatosi in cima al gruppo E dopo aver regolato la Roma, ha cominciato a scalare posti anche in patria: dal sesto posto e’ risalito al secondo, riducendo il gap dallo Young Boys da dieci a quattro lunghezze, diventate sette proprio domenica scorsa, dopo la sconfitta, in trasferta, nello scontro diretto (pur senza gli squalificati Frei, Abraham e Safari). Psicologicamente un brutto colpo. Ma per ora sempre meglio del terzo posto finale della stagione passata.
Il vantaggio del Basilea e’ che invece di prepararsi al derby ha potuto cominciare la vendita dei biglietti del quarto di finale di coppa svizzera contro il Biel-Bienne !

Facciamo una necessaria digressione sul calcio svizzero in generale. Non si tratta piu’ di una cenerentola legata a cioccolata e orologi. Una ristrutturazione della gestione del calcio con accademie nazionali e settori giovani cantonali piu’ i benefici di un paese multietnico hanno prodotto una nuova qualificazione ai Mondiali e il titolo iridato under 17.

Per rimanere sull’argomento dei titoli, il Basilea, fondato il 15 novembre 1893 negli uffici del circolo dei calzolai, ha un albo d’oro fornito: 12 campionati, 9 coppe nazionali, 1 coppa di Lega e 3 coppe delle Alpi.

Sulla formazione di giovedi’ (442): fuori per problemi a ginocchia operate il portiere titolare Costanzo e Antonio da Silva.
In porta Massimo Colomba (23); in difesa Atan (4), Safari (20), Inkoom (22), Abraham (19) o eventualmente Sahin (33); a centrocampo Huggel (8), Chipperfield (11), Cabral (24) e uno tra Stocker (14), Gelabert (6) e Shaqiri (17); davanti Frei (13), sette reti stagionali in Europa ma contabilizzato capocannoniere a pari merito a 4 per l’Uefa, Streller (9), un gol ogni 55 minuti e l’alternativa Almerares (15), 5 goal in 9 spezzoni di partita, cioe’ in 373 minuti.

Una curiosita’: i due giocatori che sono stati pescati maggiormente in fuorigioco in questa competizione sono Okaka e Streller: nove volte.

Nel frattempo sono stati presentati logo e design della finale che si terra’ ad Amburgo il 12 maggio 2010.

Si ricorda che il sito del Basilea e’ http://www.fcbasel.ch/Startseite ed e’ disponibile, purtroppo, solo in tedesco.