domenica, maggio 26, 2019 Anno XV
          Iscrizione Torna alla Homepage Segnala il sito


MARCATORI: autogol di Ferrari (R) al 3′, Totti (R) al 45′ p.t.

CAGLIARI (4-3-2-1): Storari; Pisano, Lopez, Canini, Agostini; Fini, Cossu (Del Grosso dal 35′ st), Parola; Foggia (Biondini dal 30′ st), Jeda; Acquafresca (Matri dal 37′ st ). (Capecchi, Ferri, Magliocchetti, Larrivey). All.: Ballardini.
ROMA (4-2-3-1): Doni; Cicinho, Mexes, Ferrari, Tonetto (Cassetti dal 9′ st); Brighi (Aquilani dal 28′ st), Pizarro; Taddei (Esposito dal 35′ st), Giuly, Mancini; Totti. (Curci, Panucci, Antunes, Pit). All.: Spalletti.

ARBITRO: Saccani di Mantova.
NOTE – Spettatori 25.000 circa. Ammoniti: Tonetto (R), Cicinho (R), Cassetti (R) per gioco corretto; Pizarro (R) e Storari (C) per comportamento non regolamentare. Angoli 6-13. Recuperi: 1′ p.t., 3′ s.t.

Video

Guarda le pagelle

Spalletti: la squadra ha fatto una grande prestazione ed ha creato moltissimo. Per me conta che i ragazzi abbiano fatto una buona partita, anche se meritavano di più. C’è dispiacere per non aver portato a casa tre punti, però la prestazione c’è stata, più di così non si può fare.
Nella prima palla in area di rigore ci siamo fatti gol da soli. E’ stato un episodio che ci ha girato contro. L’approccio nei primi 15 minuti è stato quello di sempre, purtroppo c’è stato l’episodio negativo che ha condizionato il match. Di conseguenza bisogna accontentarsi del pareggio.
Il Cagliari ha fatto una buona partita, è stato sempre dentro e bravo nelle ripartenze, inoltre molto attento nella fase difensiva. Complimenti a Storari per i suoi interventi. Secondo me sono stati agevolati dal nostro autogol che ha premiato la loro volontà di giocare al calcio. Purtroppo nel campionato le situazioni non vanno sempre come vorresti
Cosa è mancato? Quando accadono questi risultati non manca niente. Le nostre qualità e caratteristiche sono queste, quando l’episodio ti gira contro e il nervosismo ti porta ad essere impreciso occorre andare avanti.
Totti? Ha finito la gara, sta abbastanza bene. Anche se questo ginocchio ha limitato la sua prestazione sia oggi che domenica scorsa.
Il gol di tacco di Cristiano Ronaldo all’Aston Villa? Ha fatto un grande gol. Anche Aquilani ha fatto un tacco straordinario, ma Storari è stato bravo. Sono questi dettagli che fanno la differenza. Io sono tranquillo e contento per quello che ha fatto la mia squadra. Questo risultato degli inglesi non mi preoccupa.
Perché Brighi dall’inizio? Cercavo equilibrio e forza. Per me ha fatto una buona partita.
Ronaldo-Totti? Due grandi calciatori.
Oggi abbiamo lasciato per strada due punti. Staremo a vedere cosa accadrà stasera in Lazio-Inter, guardando la gara con tutta tranquillità e accetteremo il risultato, ma dobbiamo fare punti noi.
Le battute scambiate con Delio Rossi? La mia era solo una risposta, una battuta. Lui ha detto che tifa Inter e se poi avesse perso la partita i punti di distanza sarebbero potuti aumentare. Ma questo non avverrà più perché abbiamo pareggiato.

Ballardini: una gara sofferta contro una grande squadra. Siamo partiti benissimo e, dopo il vantaggio, avremmo potuto segnare ancora. Purtroppo è arrivato il loro pareggio alla fine del primo tempo, quello poteva essere un momento difficilissimo. Tutta la ripresa l’abbiamo giocata cercando di contenerli, non siamo riusciti a ripartire con continuità, siamo stati bravi e fortunati. Abbiamo fatto la partita che dovevamo fare. Per noi è un grande risultato. Loro hanno disputato un’ottima prova, va a nostro merito il fatto di essere riusciti a portare a casa il pareggio. Storari è un leader, un ragazzo positivo, un uomo per noi fondamentale. Nella ripresa, se fossimo stati più brillanti, avremmo potuto incidere di più in contropiede. La mia espulsione? Forse è avvenuta su segnalazione del quarto uomo. Quando si vede la partita e si cerca di dare una mano alla propria squadra, a volte, si finisce per andare oltre e superare la zona dell’area tecnica.

Pizarro: un inizio non da Roma, ma la partita l’abbiamo fatta noi. Purtroppo non abbiamo concretizzato, siamo molto amareggiati perché oggi dovevamo vincere. Siamo tutti dei professionisti e sono sicuro che la Lazio giocherà contro l’Inter per vincere. I primi 15 minuti siamo andati in difficoltà, poi non c’è stata più partita. Con il Manchester sarà una grande sfida, non vediamo l’ora di vendicare il risultato dell’anno scorso.

Aquilani: c’è tanto rammarico perché abbiamo creato tanto, ma è andata male e non siamo riusciti a fare gol. Comunque andiamo avanti, perchè non è finita. Il colpo di tacco? E’ stato istintivo, pensavo fosse la cosa più giusta, ma non sono stato fortunato. Il Cagliari? E’ partito molto forte, ma dopo lo abbiamo schiacciato nella sua metà campo. Mi aspetto che la Lazio ce la metta tutta stasera e speriamo che, almeno, non vinca l’Inter.

Mexes: a parte i primi 15 minuti abbiamo giocato bene. Abbiamo provato fino alla fine a vincere, ma non siamo riusciti a fare gol. Non siamo riusciti a gestire la gara nella prima parte, ma non si può imputare nulla a nessuno. Forza, coraggio e andiamo avanti così. Secondo me è stata comunque una bella Roma. Speriamo che la Lazio stasera vinca.

Esposito: oggi meritavamo ampiamente la vittoria, purtroppo non abbiamo sfruttato le tante occasioni che abbiamo avuto. A me piace giocare sempre, a prescindere dal fatto che oggi avevo di fronte la mia ex squadra. Un po’ mi è dispiaciuto essere fischiato dai tifosi rossoblu, ma va bene lo stesso. Con il Manchester è la partita della stagione, speriamo di far bene.

Storari: la Roma è una grande squadra. E’ a soli 4 punti dalla prima. Mi dispiace per il tiro di Totti: l’ho visto all’ultimo e non sono riuscito a prenderlo. Ovviamente il punto preso è più importante per noi. Tifo Roma e sono contento per il -3 dall’Inter, però ovviamente per noi questa era una partita molto importante e dovevamo almeno prendere un punto. Ci siamo riusciti, speriamo di arrivare alla fine e di fare il miracolo. In gara ho parato molti tiri ai giallorossi? Sono un professionista e faccio il mio mestiere, sono tifoso solo dopo la fine della partita.